Domanda:
Qual è l '"effetto babelfish" quando Bilbo indossa l'Anello e capisce i ragni?
hawkeye
2014-01-01 04:34:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel film Hobbit, The Desolation of Smaug , la band entra in Mirkwood e viene attaccata da ragni giganti.

Nel film i ragni sembrano "chiacchierare" tra loro. Dopo che Bilbo ha messo l'Anello, il cinguettio si interrompe e può sentirli parlare tra loro e tra loro.

La mia domanda è: c'è qualche spiegazione nello Hobbit, LoTR, Silmarillion o in altre lettere per l '"effetto babelfish" quando Bilbo indossa l'Anello e capisce i ragni?

sì strano, chi ha bisogno di un anello per capire i ragni comunque?
In realtà ho sentito che questo era un miglioramento rispetto al libro in cui i ragni parlavano convenientemente "inglese" (lo so, lo so) e un bel modo di suggerire il potere dell'Anello.
Cinque risposte:
#1
+55
Shamshiel
2014-01-01 05:23:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non ricordo che sia successo a Lo Hobbit, ma quando Sam indossa l'Anello nel Signore degli Anelli, è in grado di capire il discorso degli Orchi.

Ha sentito entrambi chiaramente, e lui capì quello che dicevano. Forse l'Anello ha dato la comprensione delle lingue, o semplicemente la comprensione, specialmente dei servi di Sauron, il suo creatore, in modo che se ha prestato attenzione, ha capito e ha tradotto il pensiero a se stesso.

Questo è dal capitolo "Le scelte del maestro Samwise" in Le due torri. Per quanto ne so, questa è la migliore risposta che otteniamo, e sembra che il narratore (o meglio, lo scrittore del Libro rosso) stia speculando, ma sembra che l'Anello abbia effettivamente un effetto "babelfish" sul suo portatore, come dici tu. Sebbene sia presentato in modo speculativo, ha molto senso.

Quando Sauron ha forgiato l'Anello ha messo gran parte della sua "forza e volontà" e "potere intrinseco" nell'Anello (Degli Anelli del Potere e della Terza Era). Ecco perché la distruzione dell'Anello ha distrutto Sauron. E la comprensione del pensiero dietro la parola è uno dei poteri degli Ainur. In effetti, era qualcosa di cui tutti gli esseri razionali nella Terra di Mezzo erano capaci. Ad esempio, quando Elf Finrod incontrò per la prima volta gli uomini:

Ora gli Eldar erano al di là di tutte le altre persone esperte di lingue; e Felegund scoprì anche che poteva leggere nella mente degli Uomini quei pensieri che desideravano rivelare nel discorso, in modo che le loro parole fossero facilmente interpretate.

O quando la Compagnia ha incontrato Galadriel, ha letto i loro pensieri anche senza che intendessero parlare:

E con quella parola li tenne con gli occhi e in silenzio li guardò a turno. Nessuno, tranne Aragorn e Leogolas, poteva sopportare a lungo il suo sguardo. [...] "Forse era solo un test e ha pensato di leggere i nostri pensieri per i suoi buoni propositi."

Anche Denethor, un uomo, è stato in grado di farlo. Gandalf, parlando a Pipino, commentando le astute domande di Denethor:

"Non è come gli altri uomini di questo tempo, Pipino, e qualunque sia la sua discendenza da padre in figlio, per caso il sangue di Westernesse scorre quasi vero in lui; come fa per l'altro suo figlio, Faramir, e tuttavia non per Boromir, che amava di più. Ha lungimiranza. Può percepire, se vi piega la sua volontà, gran parte di ciò che sta passando nella mente degli uomini, anche di quelli che abitano lontano. È difficile ingannarlo e pericoloso tentare.

Tolkien discusse a lungo l'abilità dietro questo in un manoscritto pubblicato nel Vinyar Tengwar # 39. Ma in ogni caso, dal momento che Sauron possiede anche questa capacità e ha riversato il suo potere nell'Anello, ha senso che anche gli altri che brandiscono l'Anello abbiano potenziato le loro abilità in quell'area.

+1; questa è un'ottima risposta (la mia affermazione "nessuna spiegazione" ora sembra abbastanza sciocca) e il primo punto soddisfa completamente la domanda (posso anche immaginare mentalmente Jackson che lo legge e decide di usarlo per i ragni).
#2
+16
user56
2014-01-01 04:51:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel libro, Bilbo si avvicina abbastanza a un gruppo di ragni per ascoltare la loro conversazione dopo essere scivolato sul ring. L'invisibilità conferita dall'anello gli permette di avvicinarsi senza essere scoperto. Ma più tardi si toglie l'anello e riesce ancora a capire i ragni:

Si era tolto l'anello quando ha salvato Fili e si è dimenticato di rimetterlo, quindi ora hanno iniziato tutti a farfugliare sibilo:

"Adesso ti vediamo, piccola creatura cattiva! Ti mangeremo e lasceremo le tue ossa e la tua pelle appese a un albero. Uffa! ha un pungiglione, vero? Bene, lo prenderemo lo stesso, e poi lo appenderemo a testa in giù per un giorno o due. "

Se l'anello permette a Bilbo di capire i ragni, questo non è in qualsiasi canone di Tolkien, è nuovo nei film di Hobbit .

#3
+9
user8719
2014-01-01 05:04:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel contesto del film ha un senso. Il problema qui è che lo Hobbit è pieno zeppo di animali parlanti (e per il resto intelligenti), mentre LotR no (i ragni ovviamente parlano normalmente nel libro, e possono anche capire cosa sta dicendo Bilbo). Cercare di collegare le due cose e mantenere la coerenza è un problema che deve essere risolto: come si passa da un mondo in cui gli animali parlanti sono all'ordine del giorno a uno in cui non lo sono? Tolkien scelse di risolverlo ignorandolo (Bilbo è un narratore inaffidabile comunque, il che rende le cose più facili). La soluzione di Jackson è quella di fare in modo che l'Anello funga da traduttore; presumibilmente tramite una qualche forma di comunicazione mentale.

Per inciso, c'è un ragno parlante nel Silmarillion: Ungoliant, che aiuta Melkor / Morgoth a distruggere gli Alberi di Valinor. Dobbiamo presumere che Ungoliant sia una qualche forma di spirito maligno in forma di ragno (Tolkien suggerisce che potrebbe essere stata una Maia: " alcuni hanno detto che in ere molto prima che discendesse dall'oscurità che giace su Arda, quando Melkor guardò per la prima volta invidiato dal regno di Manwe, e che all'inizio lei era una di quelle che lui ha corrotto al suo servizio "- presumibilmente incredibilmente potente) ma non c'è una spiegazione definitiva definitiva. In ogni caso, questo stabilisce una qualche forma di precedente per parlare di ragni giganti che avrebbero potuto essere stati usati nei film di Hobbit, ma Jackson, ovviamente, non è legalmente autorizzato a utilizzare alcun materiale del Silmarillion.

Ti rendi conto che puoi semplicemente cancellare la tua risposta ;-)
Ungoliant aveva almeno un figlio in LOTR: Shelob non è descritto come un animale, ma "una cosa malvagia in forma di ragno" e "In lungo e in largo le sue nidiate minori, bastardi dei miserabili compagni, la sua stessa prole, che ha ucciso, diffusada una valle all'altra, dall'Ephel Duath alle colline orientali, a Dol guldur e alle fortezze di Bosco Atro. Ma nessuno potrebbe rivaleggiare con lei, Shelob il Grande, ultimo figlio di Ungoliant a turbare il mondo infelice. "Gollum aveva "promesso di portarle del cibo": Le due Torri, "Shelob's Lair".Quindi i ragni giganti dello Hobbit potrebbero ereditare le capacità linguistiche dai loro antenati.
#4
+2
Overthinking
2015-01-08 12:58:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo è un po 'tardi, ma di recente stavo rileggendo Lo Hobbit e mi è venuto in mente che l'anello potrebbe fornire tali poteri per ragioni oltre ai ragni: quando Bilbo stava cercando un modo per aiutare i nani a fuggire dalle prigioni degli elfi in Mirkwood e il maggiordomo del re, insieme alla guardia chef, parlavano in un inglese semplice, permettendogli di capire. Mi sembra piuttosto strano: se credessero di essere veramente soli, non parlerebbero in elfico?

@Rocket: Mi rendo conto che sei solo amichevole, ma è davvero necessario scrivere questo commento ad ogni singolo nuovo utente? È una specie di spam (lo vedo _ dappertutto_) e vengono già accolti dal sistema ...
#5
  0
fantasywind
2014-06-11 17:53:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I ragni giganti nel libro parlavano nel loro modo peculiare:

,, Le loro voci erano un po 'sottili cigolanti e sibilanti, ma riusciva a distinguere molte delle parole che dicevano. "

Il linguaggio che hanno usato è una questione diversa. Potrebbe essere che a causa della loro natura di discendenti della stirpe di Shelob (e quindi entità demoniaca di grande potere Ungoliant, la cui figlia Shelob aveva poteri e abilità simili, anche una sorta di influenza mentale su Gollum, dal modo in cui parlava anche Ungoliant), creature senzienti che sono più demoniache di semplici enormi animali gonfi, possono parlare in forma degradata di westron (meglio conosciuto come Common Speech, anche i troll possono parlare, gli orchi sono billingual, è un comune lingua nella Terra di Mezzo come suggerisce il nome).

Mentre in Lo Hobbit l'anello magico di Bilbo non era ancora concepito nella mente di Tolkien come il Grande Anello del Potere, l'Unico Anello di Sauron (sebbene già ci siano alcuni elementi comuni come la natura imbroglione, giocare brutti scherzi al proprietario come mettersi in gioco r o staccarsi da solo nei momenti più scomodi). È tutto ben collegato anche se una volta che il Lotr è stato pubblicato, quindi non c'è disgrazia. Quindi potrebbe essere ricollegato al potere di comprensione che l'Anello dà a chi lo indossa (quindi i grandi ragni di Bosco Atro potrebbero usare la forma del Linguaggio Nero o qualsiasi altra forma di linguaggio sebbene quel tipo di speculazione non sia necessaria poiché penso che effettivamente usassero westron).

Non capisco nemmeno le lamentele su vari animali parlanti, mentre in realtà ce ne sono pochissimi che parlano con le parole alla maniera degli uomini (mi vengono in mente i corvi di Erebor come esempio principale). La maggior parte usa le proprie forme di linguaggio o comunicazione e sono i membri di razze senzienti, uomini, elfi, nani che hanno la capacità di capire o parlare nelle lingue animali assortite (Bard ha la capacità di capire e parlare con i trush come `` The Men of Dale aveva il trucco di capire la loro lingua e li usava per i messaggeri che volavano agli Uomini del Lago e altrove ", anche Beorn parla con gli animali nelle loro lingue, così come può in qualche modo allevare animali magici, molto di più intelligente, che lo servono nella sua casa, teneva anche le api più grandi del pollice, il che non è naturale secondo me, il nano Balin della compagnia di Thorin poteva capire le lingue degli uccelli sebbene Bilbo sentisse solo le solite grida degli uccelli).

C'è anche una categoria di creature innaturali come i Warg (razza semi senziente ma molto bestiale di enormi creature simili a lupi più grandi dei lupi ordinari così tanto che gli orchi possono cavalcarli, quando i warg glielo permetterebbero) e le Grandi Aquile (e i grandi ragni la contano e anche), che parlano a modo loro come "terribile linguaggio dei Warg" o erano semplicemente in grado di usare il linguaggio di altre razze.

Non vedo alcuna mancanza di rispetto, poiché in Lotr abbiamo elfi in grado di parlare con gli alberi, percepire l'aura di luoghi come una sorta di abilità enfatica, forme di telepatia o, per dirla semplicemente, creature magiche (come Mearas che capisce il discorso di anche se gli uomini non parlano come noi, ma sono super cavalli in molti modi), il Signore Oscuro usava varie creature di specie animali (uccelli in particolare) come spie, anche nel Silmarillion abbiamo esempi di un elfo che poteva imparare le lingue degli animali (uno dei figli di Feanor, Celegorm), naturalmente anche le Grandi Aquile hanno parlato a Lotr, uno ha persino cantato al popolo di Minas Tirith annunciando la caduta di Sauron (sentito chiaramente da migliaia di persone in città, inclusi Faramir ed Eowyn) . Gandalf ha anche parlato al warg come cose che hanno attaccato la compagnia in Hollin, quindi implica che potevano capirlo (anche se in seguito si è scoperto che non erano affatto warg tipici e non è sicuro se fossero effettivamente di questo tipo, poiché i loro cadaveri sono scomparsi , forse erano una sorta di fantasmi)

Penso che se qualcuno sta cercando una spiegazione, allora possiamo dire che alcune creature sono state semplicemente migliorate e innalzate a un livello superiore dai Valar (o Signori Oscuri) come forse Hound Huan, alcuni sono creature che hanno semplicemente i loro modi di comunicazione e varie persone senzienti imparano a usarli (chiamatela abilità magica se volete), e alcuni potrebbero non essere affatto animali ma cose in tale forma (è piuttosto speculativo, ma potrebbe essere che alcuni degli "spiriti da lontano" inviati "tra i kelvar e gli olvar" (piante e animali), questi guardiani come Yavanna immaginavano le anime non di Ainur che formavano nuovi tipi di esseri (come Ents , si riproducono e sono vivi e, hanno anime ma non appartengono all'essere divino Ainur).

Va ​​notato che nel film uno dei ragni (quello ucciso da Bilbo) ha parlato chiaramente dopo che Hobbit si è tolto l'Anello e quindi ha dato un nuovo nome alla sua spada (il ragno trafitto dalla lama elfica sibila, punge "quando Bilbo è già visibile, senza l'anello, ma a mio parere la scena di quell'evento nel libro era molto più impressionante di questa sequenza affrettata, Bilbo da solo uccide il ragno in una breve e feroce lotta per la vita, poi perde conoscenza e dichiara dopo venire e vedere il cadavere del ragno, ti chiamerò Pungiglione ", anche il libro di battaglia con i ragni è stato più affascinante a un certo punto libro: Bilbo si getta dai rami degli alberi a terra per atterrare nel grappolo di ragni e inizia a tagliare come un vero eroe guerriero).

Questa potrebbe essere la risposta più lunga senza formattazione o riferimenti che abbia mai visto su StackExchange.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...