Domanda:
Perché Sauron è chiamato "il Negromante"?
Nerrolken
2014-01-10 01:19:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Durante il periodo di Lo Hobbit , viene menzionato un personaggio chiamato Negromante. Anche Radagast (nel film) afferma specificamente che il Negromante può "evocare gli spiriti dei morti". (È passato un po 'di tempo dall'ultima volta che ho letto il libro, quindi non so se questo esatto fraseggio sia usato lì, ma dato il nome sembra ragionevole.) Questo personaggio viene successivamente rivelato essere Sauron.

quando Sauron evoca gli spiriti dei morti? Può prolungare la vita all'infinito , come quella di Gollum, per esempio, e può trasformare le persone in mostri semivivi, come gli Spettri dell'Anello, e lui stesso sembra impossibile da uccidere finché rimane l'Unico Anello, ma non ricordo di averlo mai visto "evocare" qualcosa che una volta era completamente morto. In effetti, l'unico personaggio che ricordo di aver fatto era in realtà Aragorn, anche se si è limitato a comandarli e non li ha cresciuti da solo.

È solo una voce infondata sul potere di Dol Guldur, alcuni zittiti- sussurra un incubo che in realtà non è una descrizione accurata, o c'è una ragione per cui viene chiamato il Negromante?

Sembra che se Sauron potesse effettivamente resuscitare i morti, quante poche possibilità aveva la Terra di Mezzo di sconfiggere le sue orde sarebbe passato molto, molto tempo ...

"È passato un po 'di tempo dall'ultima volta che ho letto il libro, quindi non so se qui si usa esattamente questo fraseggio, ma visto il nome mi sembra ragionevole". Dato che * Radagast è menzionato esattamente una volta in The Hobbit, ma ** mai ** dice una cosa * Sono abbastanza sicuro che la citazione sia * completamente * falsa.
@Bakuriu Come sa chiunque abbia letto le opere di Tolkien e poi abbia visto i film, Peter Jackson prende regolarmente le battute da un personaggio e le dà a un altro. Faramir potrebbe avere una battuta di Gandalf, Gandalf potrebbe dire una battuta di Elrond, Bilbo potrebbe avere un intero discorso che nel libro era solo narrazione. Hai ragione, Radagast non ha righe nel libro, ed è vero che l'uso massiccio del corsivo rende il tuo argomento particolarmente convincente, ma chiunque può vedere che ciò non significa che la riga non sia di Tolkien.
Penso che la più ovvia sia la sua creazione degli Spettri dell'Anello. I ** Wraith ** sono in realtà una forma di non morti e se Sauron li ha creati è quindi un Negromante.
Sauron non può morire anche dopo che l'Anello è stato distrutto. È un Maiar, praticamente un angelo, e la sua forza vitale è legata alla Terra di Mezzo finché esiste. Le vite dei mortali sono anche più ... malleabili che sulla Terra. L'esercito dei morti di Aragorn era un mucchio di fantasmi, non erano più "vivi" di quanto lo sia George Washington oggi.
L'utente __dphil__ dice che i wraith sono non morti.Tuttavia, _necromanzia_ riguarda (la comunicazione con) i _morti_, non i _living_ (e ha ammesso che i wraith sono _living_).Ha torto anche quando dice che la negromanzia riguarda la creazione di spettri: non lo è, si tratta di comunicare con i morti (per ottenere da loro la loro prescienza soprannaturale del futuro).Non ha niente a che fare con la _creazione_ dei morti;ha solo a che fare con _comunicare_ con loro.E gli spettri non sono nemmeno morti.Tolkien dice esplicitamente che coloro che sono ridotti in schiavitù dai Grandi Anelli _non muoiono_.
Sette risposte:
#1
+107
user8719
2014-01-10 04:04:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prima di tutto, il Negromante era sempre inteso da Tolkien come Sauron (che all'epoca si chiamava Thû). La prova più esplicita si trova nella Storia dello Hobbit , quando il Negromante viene menzionato per la prima volta e si legge:

" Non essere assurdo "disse il mago. "Questo è un lavoro che va ben oltre i poteri di tutti i nani, se potessero essere riuniti di nuovo dai quattro angoli del mondo. E comunque il suo castello non esiste più e viene portato in un altro luogo più oscuro - Beren e Tinúviel ha rotto il suo potere , ma questa è un'altra storia. "

(La mia enfasi)

C'è anche un riferimento nel Lay of Leithian ("Gli uomini lo chiamavano Thû ... In glamouril negromante teneva i suoi ospiti"), così come nella Lettera 19 pre-SdA ("persino Sauron il terribile sbirciò oltre il limite ") - naturalmente il concetto completo degli Anelli del Potere è emerso solo durante la stesura di SdA, ma altre idee - come la sopravvivenza di Sauron oltre la Prima Era, la Caduta di Numenor (dove Sauron è esplicitamente identificato come lo stesso personaggio di Thû), l'Ultima Alleanza, le tane di Sauron a Mordor e Bosco Atro, il nome stesso "Sauron" - erano già emersi e avevano subito diverse revisioni prima ancora che lo Hobbit fosse pubblicato.


Per quanto riguarda il perché è chiamato "Negromante", la prima spiegazione più ovvia arriva nelle righe citate dal Laico di Leithian, e le fornirò di nuovo per intero:

Gli uomini lo chiamavano Thû, e come un dio
dopo giorni sotto la sua verga
sconcertati si inchinarono a lui, e fecero
i suoi orribili templi all'ombra.
Non ancora da uomini incantati adorati,
ora era il più potente signore di Morgoth,
Master of Wolves, il cui ululato tremante
per sempre riecheggiava nelle colline, e gli incantesimi
e le tenebre oscure tessevano e brandivano . In glamour
quel negromante ha tenuto i suoi ospiti
di fantasmi e di fantasmi vagabondi ...

Questo tuttavia non fa altro che stabilire che Sauron / Thû era chiamato Negromante, ma non entra nei dettagli cosa ha fatto esattamente. Per questo dobbiamo guardare a un testo successivo, pubblicato in HoME 10 ( Anello di Morgoth ) e citerò di nuovo per intero (con qualche enfasi aggiunta):

È quindi una cosa sciocca e pericolosa, oltre ad essere un atto sbagliato proibito giustamente dai Governanti nominati di Arda, se i Viventi cercano di entrare in comunione con i Non Corpi , sebbene i senza casa possono desiderarlo, soprattutto i più indegni tra loro. Per gli Incorporei, che vagano per il mondo, sono coloro che almeno hanno rifiutato la porta della vita e rimangono nel rimpianto e nell'autocommiserazione. Alcuni sono pieni di amarezza, rancore e invidia. Alcuni sono stati ridotti in schiavitù dal Signore Oscuro e continuano a fare il suo lavoro, anche se lui stesso non c'è più. Non diranno verità o saggezza. Invocarli è follia. Tentare di dominarli e di renderli servi della propria volontà è malvagità. Tali pratiche sono di Morgoth; ei negromanti appartengono alla schiera di Sauron, suo servitore.

Quindi ce l'abbiamo: Sauron / Thû comunicava con gli spiriti dei morti, li dominò e ne fece suoi servi .

Risposta fantastica! Un'ultima domanda: ci sono menzioni, dirette o oblique, su Sauron che lo faceva nella Terza Era o durante la Guerra dell'Anello?
Nessuno che io sappia, ma c'è il caso di Eilinel nella Prima Era: "* aveva visto solo un fantasma escogitato dalla magia per intrappolarlo; perché Eilinel era morto *".
Anche le statue davanti alla torre di Cirith-Ungol hanno spiriti che le abitano.
@WOPR - Mi ero dimenticato di loro; questo è potenzialmente un argomento per una domanda interessante, ma temo che non ci possa essere una risposta ...
Potremmo aspettarci che gli spiriti privi di corpo siano più comuni durante la Terza Era, dato lo sbiadimento degli Elfi. Inoltre, penso che i Barrow-wight possano essere tranquillamente classificati come prodotti della necromanzia.
Come, sulla terra verde di Dio hai trovato tutte quelle citazioni: | +1 davvero :)
Ottima risposta! Ricordo di aver letto questi passaggi che hai citato. Mi hanno sempre fatto riflettere su cosa facesse Aragorn con gli spiriti incorporei dei Sentieri dei Morti se "Invocarli è follia. Tentare di dominarli e renderli servi della propria volontà è malvagità" e "tali pratiche sono di Morgoth ".
@RonSmith Penso che dovrebbe essere tenuto presente che l'Armata dei Morti ha servito Aragorn volentieri per spezzare la loro maledizione assistendo l'Erede di Isildur. Aragorn non ha mai tentato di dominarli o controllarli, e li ha rilasciati una volta che il loro giuramento era stato adempiuto.
@RonSmith - sarebbe un'ottima osservazione da portare a [questa domanda] (http://scifi.stackexchange.com/questions/34286/why-didnt-aragorn-keep-going-with-the-army-of-the -morto).
@ssell, Penso che il fatto che abbiano servito volentieri e che lui li abbia rilasciati alla fine sia stata sicuramente la grazia salvifica, ma sono stati comunque tenuti in questo stato a causa di una maledizione lanciata su di loro da Isildur e, come suo erede, Aragorn stava approfittando di quella maledizione. Penso solo che si trattasse di dilettarsi con un po 'di potere oscuro a beneficio del bene superiore che è sempre un pendio scivoloso.
Questa è una risposta per i secoli.
@RonSmith Sulla base di [questa risposta] (https://scifi.stackexchange.com/a/55013/106227) Isildur non ha creato la maledizione, l'hanno fatto da soli facendo e poi infrangendo il loro giuramento.Potrebbe essere descritto più accuratamente che Isildur abbia fornito l'interpretazione che sarebbe stata usata per completare la loro maledizione.Dissero che sarebbero stati legati fino a quando non avrebbero combattuto, e Isildur ha semplicemente indicato che sarebbero stati tenuti al loro giuramento sotto forma di loro che si sarebbero rivolti alle ombre finché non l'avessero fatto.In questo senso, Aragorn stava correndo ancora meno rischi, poiché non stava tentando nulla che non facesse parte del loro giuramento
#2
+35
KutuluMike
2014-01-10 01:48:55 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Bene, fuori dall'universo la risposta è abbastanza chiara: all'epoca in cui Tolkien scrisse Lo Hobbit , il personaggio di Sauron come appare in Il signore di gli Anelli non esistevano. Fu solo più tardi, mentre stava concependo la storia di The One Ring, che Tokien decise di adattare gli eventi di The Hobbit come prequel.

Essere molto pedante : il personaggio che alla fine sarebbe diventato Sauron esisteva negli scritti inediti di Tolkien sulla storia della Terra di Mezzo, ed è quello che Tolkien aveva in mente quando scrisse Lo Hobbit . Ma il personaggio subirebbe molti cambiamenti tra Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli , compreso il suo nome e tutta la sua storia passata con gli Anelli del Potere, motivo per cui le descrizioni di lui nei due romanzi non si adattano molto bene. In Lo Hobbit , il Negromante dovrebbe semplicemente rappresentare una vaga minaccia dal mondo al di fuori dell'esperienza di Bilbo, per dare al lettore la sensazione che la storia sia parte di qualcosa di più grande.

Nell'universo , probabilmente è in gran parte dovuto al fatto che le persone non sapevano realmente che si trattava di Sauron, ma semplicemente vedevano un essere potente capace di cose che normalmente si assocerebbero ai maghi. Negromante, in questo senso, è probabilmente solo un nome generico per "ragazzo magico misterioso ma dall'aspetto malvagio".

Per quanto riguarda l'evocazione degli spiriti dei morti, non abbiamo alcuna indicazione che Sauron possa letteralmente evocare gli spiriti, quindi è improbabile che questo sia ciò che Radagast intendeva realmente. Potrebbe semplicemente ripetere una voce, dal momento che suona come il genere di cose che qualcuno potrebbe dire se vedesse uno spettro dell'anello lavorare per Sauron ma non lo riconoscesse. È anche possibile che Radagast sia figurativo, simile alla sua dichiarazione secondo cui la lama di Morgul che ha trovato a Dol Goldur "non proviene dal mondo dei vivi". Il suo riferimento agli "spiriti dei morti" potrebbe essere un modo poetico per dire che il Negromante sta dissotterrando antiche magie o esseri che gli Istari pensavano se ne fossero andati da tempo.

Buona risposta. In-universo, fuori dall'universo, completo e articolato. Grazie!
Inoltre, se ricordo bene, il Negromante in "Hobbit" era Kong of Ringwraiths / Nazgûl (l'unica profezia riguardava), non Saruman.
@JakubNarębski (nitpick: intendevi Sauron, non Saruman). Non credo ... gli Spettri dell'Anello non giocano alcun ruolo sullo sfondo di Lo Hobbit. Allora, l'Unico Anello era solo un umile anello di invisibilità, e non c'erano nemmeno "anelli di potere", quindi dubito che Tolkien avesse pensato agli Spettri dell'Anello.
@JakubNarębski anche prima del tempo dello Hobbit, il "Re Stregone di Angmar" era ben noto alla gente della Terra di Mezzo (anche se non appare affatto in * Lo Hobbit *), e non era Il Negromante.
Questo è completamente sbagliato; il Negromante è sempre stato pensato per essere Sauron.
questo è vero solo in parte. Tolkein aveva sempre collegato Il Negromante con quel personaggio sin dai suoi primi lavori (la sua roba della Prima Era), ma l'intero concetto di * Il Signore degli Anelli * e l'Unico Anello e il personaggio finale che vediamo come "Sauron" in quei libri non ' Non esistono nemmeno quando ha scritto * Lo Hobbit *.
Suggerisco di modificare per rendere le tue intenzioni più chiare allora, poiché "non era Sauron quando Tolkien lo scrisse per la prima volta" non rispecchia ciò che intendi (perché era Sauron, solo un Sauron senza Anelli).
Sono d'accordo e fatto. Ho dimenticato che Negromante era uno dei primi nomi di Tokien per Sauron, anche se non vedo molte prove che le persone della Terra di Mezzo lo sapessero ...?
Annotato e -1 ritirato. Oggetto: "prova che le persone della Terra di Mezzo lo saprebbero" - tendo a vedere i racconti come se fossero stati scritti (e persino aggiunti) dopo il fatto, quando le cose erano meglio conosciute. Quindi qualcuno nella Quarta Era avrebbe modificato il Lay e aggiunto la parola "Negromante".
Per quanto riguarda Sauron * essendo * un Negromante, è stato il suo potere a creare gli Spettri dell'Anello.
Per "nell'universo" e "fuori dall'universo", è possibile utilizzare i termini "Watsonian" e "Doylist".
"Negromante, in questo senso, è probabilmente solo un nome generico per" ragazzo magico misterioso ma dall'aspetto malvagio "."Assolutamente no.Non riesco a immaginare, nemmeno sotto le spoglie di una storia (presumibilmente) per bambini, che un linguista appassionato come Tolkien scelga una parola come "negromante" in modo così arbitrario.Al contrario, anche se all'epoca l'avesse scelta frettolosamente, ci sarebbero state certamente ragioni più significative per la scelta della parola.
#3
+6
Larhotep
2014-01-11 11:58:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Forse non quello che cerchi, ma un negromante è in realtà solo un essere che comunica con i morti. Mancer, il suffisso è greco per divinazione, che, usato con Necro, indica informazioni divinatorie dai morti, normalmente sugli eventi futuri. Quindi, se lo dicessero in modo accurato, cosa che in tutta onestà quasi certamente non lo erano, avrebbe richiamato gli spiriti e sarebbero semplicemente agghiaccianti, parlando a lungo. Non è un grande esercito.

È solo la tua opinione o puoi confermarla con una citazione (da uno dei libri, forse) o qualche altro tipo di prova?
+1; mentre oggi, "negromante" è inteso a significare "rianimatore di servitori non morti", Tolkein era un nerd di parole di prim'ordine e probabilmente aveva in mente il significato originale. Per non dire che Sauron non avesse altri poteri, come la creazione di spettri.
#4
+2
dphil
2014-09-23 23:45:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sauron può trasformare le persone in mostri semivivi, come gli Spettri dell'Anello.

Ebbene, cosa c'è di più non morto di un Spettro ? Mettere un nome in più davanti non li rende più Wraith . Trasformare le persone in mostri semivivi è praticamente ciò che significa creare qualcosa di non morto. Gli zombi non sono scheletri anche mostri semivivi?

TL; DR; Un negromante è praticamente qualcuno che crea non morti e Sauron ha chiaramente creato i Wraith.

Non sono del tutto soddisfatto di quella modifica, ma mi è sembrato il modo più coerente per esprimere il tuo punto di vista.
#5
+1
user28165
2014-06-10 20:37:06 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quindi, in questo tipo di domande ("Perché questo nome ...?") c'è sempre ciò che l'autore stesso può o non può dire che potrebbe spiegare il nome, e poi c'è la logica interna della sua scelta, spesso inespresso, per il motivo per cui potrebbe essere dato un nome particolare. Per quanto riguarda quest'ultimo quindi, penso sia abbastanza chiaro che il nome Negromante abbia lo scopo di farci ricordare due cose:

  1. che Sauron, anche se Maia, ha comunque perso corpo come risultato della distruzione di Numenor (c'è una certa confusione qui poiché Tolkien è chiaro che è durato il suo corpo e tuttavia, allo stesso tempo, in seguito alla sua sconfitta durante l'ultima Alleanza di Uomini ed Elfi, l'Unico Anello fu tagliato " dal suo dito "), e quindi era qualcosa di simile a uno spettro. Inoltre,

  2. Sauron era il signore dei Nove e loro stessi sono sicuramente considerati "wraith". Questi due fatti corrispondenti, che lui stesso è uno spettro e che comanda agli spettri, conferisce una logica interna al suo essere chiamato Negromante (e questo è vero sia che il Consiglio Bianco abbia compreso o meno quella logica e quindi possa identificarlo come Sauron).

La definizione della negromanzia è la capacità di comunicare con i morti. Non devi * essere * morto. Lo stesso con i wraith. Puoi comunicare senza esserlo.
Credo che abbia riformato un corpo quando è tornato dopo l'annegamento di Numenor.Ma non poteva più assumere un aspetto gradevole.
#6
-2
Pablo
2014-04-08 04:36:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vorrei solo aggiungere che Sauron potrebbe resuscitare i morti, perché potrebbe attingere al mondo invisibile e in qualche modo legarlo al fisico .

Altro le cose che Tolkien specificò erano come queste sono le Barrow-Blades o le spade destinate a uccidere o ferire gli Spettri dell'Anello (Nazgul Sauron Servants), anche alcuni personaggi come Tom Bombadil potrebbero effettivamente riportare a spiriti maligni morti o disperderli a piacimento, Aragorn li ordinò e radunare gli uomini di dunharrow (morti).

Anche Dol Guldur, significa torre della stregoneria , la sua portata è persino la natura contorta, gli animali impazziscono e appaiono creature malvagie.

Ummmm .... puoi procurarti qualcosa di questo? Sono abbastanza sicuro che sia sbagliato al 200% (soprattutto perché non puoi scrivere Dol Guldur)
#7
-2
Isaiah
2015-07-25 04:51:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Poiché ha evocato gli spettri degli anelli che erano re morti di uomini e poiché erano morti evocandoli in vita, è un negromante



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...