Domanda:
Da dove viene il concetto di Adamantium ed è utilizzato in altri lavori di fantascienza al di fuori di X-Men?
JustinKaz
2011-05-05 17:37:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mi interessa la lega che ci ha dato gli artigli di Wolverine. Voglio sapere da dove è nata l'idea, come è stato determinato il nome? Era solo completamente casuale? Da dove viene il concetto? Chi ci ha pensato? E chi l'ha applicato a Wolverine?

Infine, voglio sapere se l'idea di metalli indistruttibili si vede in altri grandi lavori di fantascienza. Qual è la prima occorrenza? Chi ha creato il concetto? E perché il concetto è (prevalentemente) visto in X-Men (Wolverine)?

"Adamantine" è anche usato occasionalmente in Dungeons & Dragons, come un metallo magicamente duro.
Potrei giurare di ricordare che Samantha Carter ha chiamato qualcosa di irremovibile / adamantino / adamantio in almeno un episodio di SG-1, ma non ricordo esattamente e ho bisogno di guardare di nuovo l'intera serie per scoprirlo ...
In termini di utilizzo in altre opere di fantascienza, è utilizzato in Warhammer 40k. Un esempio è uno dei capi di guerra degli Orki, che può usare il suo teschio di adamantio per sferrare un colpo di testa contro un avversario.
Anche nell'universo Marvel, ci sono altri metalli immaginari come il Vibranio, che è persino più forte dell'Adamantio.
Sette risposte:
#1
+41
Bill the Lizard
2011-05-05 18:01:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'Adamantio non è esclusivo di Wolverine. La shell di Ultron è fatta della stessa sostanza.

Adamantium Etymology:

Il primo utilizzo del termine adamantio in Marvel Comics era in Avengers # 66 (luglio 1969) come parte del guscio esterno di Ultron. La parola è un conio pseudo-latino (vero latino: adamans, adamantem [accusativo]) basato sul sostantivo inglese e l'aggettivo adamant (e l'avverbio derivato categoricamente). L'aggettivo è stato a lungo utilizzato per riferirsi all'incarnazione di durezza inespugnabile, simile al diamante, o per descrivere una posizione molto ferma / risoluta (cioè si rifiutò categoricamente di andarsene). Il sostantivo irremovibile è stato a lungo utilizzato per designare qualsiasi sostanza dura in modo impenetrabile o inflessibile e, in precedenza, una pietra / roccia leggendaria o un minerale di durezza impenetrabile e con molte altre proprietà, spesso identificate con diamante o magnetite.

Adamant e la forma letteraria adamantina ricorre in opere come l'Eneide, La regina delle fate, Il paradiso perduto, I viaggi di Gulliver, Le avventure di Tom Sawyer, Il Signore degli Anelli e il film Il pianeta proibito, tutti precedenti all'uso dell'adamantio in I fumetti della Marvel. L'adamantino è anche il metallo usato da Efesto per costruire catene per tenere Prometeo nell'antica opera greca Prometheus Bound.

L'idea è correlata all ' Unobtainium, un materiale utilizzato in un sacco di fantascienza, che ha tutte le proprietà di cui l'autore ha bisogno per portare avanti la storia.

@Justin: Tutte le informazioni nelle altre risposte sono già in questa.
Quindi è solo un clone, che tristezza ...
Ricordo l'uso del termine unobtainium nel film The Core. Apparentemente anche i miei occhiali da vista sono realizzati con questo materiale. http://www.oakley.com/products/4305
Una vecchia parola fantascientifica per "materiale indistruttibile" è [* impervium *] (http://www.jessesword.com/sf/view/1727).
#2
+16
Neil Nelson
2011-05-05 18:07:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'Adamantio è apparso per la prima volta nel fumetto Avengers del 1969, # 66 come parte del guscio esterno di Ultron.

La parola deriva da irremovibile e dal latino adamans / adamantem. Usato come aggettivo per riferirsi a un atteggiamento inespugnabile o risoluto.

È anche usato nella commedia greca "Prometheus Bound" per incatenare il dio greco Prometeo.

Per ulteriori informazioni, controlla http://www.Wikipedia.org / wiki / Adamantium

Se uno di voi migliora la risposta per includere reciprocamente informazioni utili. Otterrai il colpo.
#3
+6
aramis
2011-05-08 06:43:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'etimologia dell'Adamantio è, secondo wikipedia, derivata da irremovibile, che ha il significato indistruttibile, risoluto o estremamente duro.

"Metallo Adamantio" appare in molte altre fonti precedenti alla versione Marvel Comics, Adamantium . Adamantine stesso è elencato in diversi dizionari come "inglese medio" in origine. Adamantium è un costrutto inglese naturale per un nome di metallo; il finale -ium è comune per diversi metalli.

Ci sono anche apparizioni di Adamantine e Adamantium in diversi giochi di ruolo con poco o nessun collegamento al gruppo Marvel Comics.

#4
+5
Jim2B
2015-03-12 19:37:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il concetto e l'uso originale di Adamant / Adamantine per indicare un materiale metallico super resistente o indistruttibile proviene dalla mitologia greca antica. Da Wikipedia:

Nella mitologia greca, Crono castrò suo padre Urano usando una falce irremovibile donatagli da sua madre Gaia. [2] Una falce o una spada adamantina fu usata anche dall'eroe Perseo per decapitare la Gorgone Medusa mentre dormiva. Nella tragedia greca, Prometeo incatenato tradotto da G. M. Cookson, Efesto deve legare Prometeo "alle rocce frastagliate in legami adamantini infrangibili".

Penso che questo materiale fosse considerato una roccia o una gemma piuttosto che un metallo. Di solito è attribuito a un diamante.
Tranne che armi e catene sono state forgiate da loro. Diamanti e gemme non erano oggetti che potevano manipolare in questo modo. OTOH, un incontro casuale con un metallo come l '"acciaio" potrebbe benissimo essere stato il luogo da cui gli antichi greci hanno avuto l'idea.
#5
+3
Bevan
2011-05-08 13:54:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In termini di altri "super metalli", uno dei primi è Arenak, da Skylark of Space di EE "Doc" Smith.

Arenak è un metallo trasparente, super duro che è quasi indistruttibile.

#6
+3
user14111
2016-04-03 07:47:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

1941: questo è tratto da "Devil's Powder" di Malcolm Jameson, un racconto nel suo Bullard , originariamente pubblicata in Astounding Science-Fiction , giugno 1941, disponibile presso l ' Internet Archive. Probabilmente non è esattamente quello che stai cercando, ma almeno mostra che l'uso della parola "adamantio" come nome di un super metal fantascientifico risale a molto tempo fa:

Dopo la giornata di lavoro era terminata e gli uomini si erano formati in fila per marciare verso la nave, Bullard superò la linea di tiro metro per metro, prendendo nota del lavoro degli spazzini, che raccoglievano le cartucce esaurite e altrimenti pulivano posto. A un certo punto si fermò. Giaceva mezzo calpestato nel fango un oggetto bianco lucido. Bullard si chinò e lo raccolse.

Era un proiettile. Era un piccolo proiettile di adamantio, il più duro e duro di tutti i metalli , pieno zeppo di una formidabile feroxite esplosiva e sarebbe esploso all'istante a qualsiasi impatto ragionevolmente pesante. Lo mise in tasca, meravigliato, e continuò lungo la linea. Più avanti ne prese altri due. Poi uno; poi un altro; poi tre in una località. A quel punto un cipiglio profondo incise la fronte del capitano Bullard. Era un affare pericoloso consegnare agli uomini verdi munizioni difettose. Perché queste pallottole si erano staccate dai bossoli? Se fosse successo con un barattolo appuntito, venti uomini sarebbero potuti andare in pezzi e non sarebbe rimasto altro che un cratere fangoso per mostrare dove erano stati.

#7
  0
Gilbert Bratton
2019-11-08 01:17:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

"L'acciaio adamantino" faceva riferimento al film del 1956 "Il pianeta proibito" con Leslie Nielsen e Walter Pidgeon.

Questo è menzionato nella risposta accettata;https://scifi.stackexchange.com/a/3347/20774
@Valorum Ah, così è.Il muro di testo lo oscurava ...
Non sei il primo a commetterlo.Ci sono anche due risposte cancellate (sotto la riga) che lo menzionano.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...