Domanda:
Gollum si qualificherebbe, come Portatore dell'Anello, per andare nelle Terre Immortali?
Janus Bahs Jacquet
2015-04-23 01:43:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se Gollum non fosse morto sul Monte Fato, gli sarebbe stato permesso di unirsi agli elfi, Bilbo e Frodo nelle Terre Immortali?

Lo era, dopotutto , di gran lunga il portatore più longevo dell'Unico Anello (senza contare lo stesso Sauron prima che gli fosse tolto), che è il motivo addotto per cui Frodo, Bilbo e Sam hanno il permesso di andarci.

E il suo essere o non avere il permesso di andare nelle Terre Immortali sarebbe influenzato dal fatto che la parte Gollum di lui svanisse o meno dopo la distruzione dell'Anello, lasciandosi dietro solo Sméagol?

Nota: come sottolinea la risposta di Richard (con commenti), ci sono varie pratiche logistiche che probabilmente ostacolerebbero Gollum che arrivasse da qualche parte. Tuttavia, ciò che sto chiedendo qui è se chiunque decida a chi è consentito o non è permesso di andare nelle Terre Immortali considererebbe Gollum, in quanto Portatore dell'Anello, qualificato per andarci.

Qualcosa su cui nessuna delle risposte ha toccato attualmente è che potrei sostenere che Gollum non era un "portatore dell'anello". Lo scopo del portatore era di portarlo alla sua distruzione, non solo di esserne in possesso.
@MattTaylor Non ricordo che Bilbo abbia cercato di distruggerlo ...
@Lohoris - certo che l'ha fatto. Lo ha ottenuto dal possesso di un cattivo carattere al possesso di Frodo e all'attenzione di Gandalf
"Dopotutto, era di gran lunga il portatore di anelli più longevo [...]" Non da molto. Al tempo di LOTR, Galadriel aveva [Nenya] (http://lotr.wikia.com/wiki/Nenya) per millenni. Idem per almeno alcuni dei [portatori dei tre anelli] (http://lotr.wikia.com/wiki/Ring-bearer). E [Sauron portò l'Unico Anello per quasi 2000 anni] (http://lotr.wikia.com/wiki/One_Ring#List_of_Ring-bearers). Anche se probabilmente ha bruciato l'intero ponte "Go West" qualche tempo fa.
@l0b0 Mi riferivo solo ai portatori dell'Unico Anello qui (sebbene ovviamente anche i portatori degli altri anelli siano portatori dell'anello), escludendo Sauron stesso come creatore dell'Anello. Modificherò per chiarire.
@DVK Smeagol recuperato da un fiume, quando si credeva perduto, e prematuramente, quando i tempi erano maturi, lo tramandò a un degno personaggio.
@Lohoris Non volentieri ...
@reirab Nemmeno Bilbo, davvero. Ci è voluto un bel po 'di, diciamo, incoraggiamento da Gandalf per convincerlo a rinunciare.
@JanusBahsJacquet Bilbo ha rinunciato volentieri, però. Doveva essere rubato a Sméagol (e, anche dopo, ha cercato disperatamente di riaverlo). Direi anche che Bilbo lo ha rinunciato più liberamente di Frodo.
Ricordi come la corda dell'elfo ha bruciato la pelle di Golum in RotK (il libro, almeno)? Pensa cosa farebbe entrare nelle Terre Immortali - permettergli di andarci NON sarebbe una ricompensa.
Non credo che gli Elfi debbano scegliere chi deve andare nelle Terre Immortali. Nemmeno io so della parte di Illuvatar in questo. E i Valar? Hanno portato gli Elfi dalla Terra di Mezzo nella Prima Era ed erano assolutamente contrari alla loro partenza per cercare di recuperare i Silmaril. Non possono scegliere chi può tornare?
Benvenuto in SFF.SE. Se hai una nuova domanda, chiedila facendo clic sul pulsante "Fai una domanda" nell'angolo in alto a destra. Questo spazio è riservato alle risposte.
@LindaJeanne - Non sappiamo se la corda gli abbia effettivamente bruciato la pelle - tutto quello che sappiamo è che ha * detto * che ha bruciato la sua pelle. Potrebbe aver mentito perché non gli piaceva essere legato, potrebbe aver immaginato che gli stesse bruciando la pelle, o potrebbe avergli effettivamente bruciato la pelle. Raramente possiamo prendere per valore quello che le persone dicono in Tolkien - a volte mentono, ma la maggior parte delle volte dicono ciò in cui credono - ma non sappiamo quasi mai se hanno ragione o meno.
@o0' Bilbo è stato l'unico essere che ha scelto liberamente di rinunciare all'anello
@a_a Tecnicamente anche Sam ha rinunciato liberamente.
Sei risposte:
#1
+59
user44330
2015-04-23 02:51:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono a conoscenza di alcun motivo canonico per cui lo farebbe o non lo farebbe, quindi attingerò a ciò che sappiamo su Elfi, Anelli e Terre Immortali. Dubito seriamente che avrebbero permesso a Gollum di unirsi a loro per tre ragioni principali.

Gli Hobbit erano un'eccezione
Fino alla fine di ROTK, le Terre Immortali erano fondamentalmente esclusivamente per Elfi. Ma, come ha accennato Gandalf, Bilbo era "destinato" ad avere l'Anello, il che a sua volta significava che Frodo era "destinato" ad averlo (e per estensione, Sam, che lo sopporta per un bel po 'nel libro). Ma chi voleva che ciò accadesse? Il suggerimento di Gandalf sembra portarci a credere che qualche altra forza o potere abbia cospirato per renderlo tale. Sebbene non esplicitamente dichiarato, è ragionevole dire che lo stesso Eru è intervenuto e ha portato Bilbo a trovarlo. Questa è una speculazione, ma penso che sia ragionevole, visto che Gandalf ha una conoscenza di moltissime cose (e non stava solo cercando di fare un discorso di incoraggiamento a Frodo). Quindi, poiché gli Hobbit sono stati scelti dal Creatore stesso, è stato concesso loro l'ammissione alle Terre Immortali. A Gollum non sarebbe stato concesso lo stesso vantaggio.

Gollum era già "allungato troppo"
Dopo aver perso l'Anello, Bilbo stesso ce l'ha fatta a malapena. Gollum era molto, molto più vecchio e in condizioni molto peggiori. Anche se fosse riuscito a raggiungere i Rifugi, e anche se avesse intrapreso il viaggio, i mortali sarebbero comunque morti nelle Terre Immortali (stranamente). Semplicemente non sarebbe pratico aggiustare un espresso solo per portarlo lì prima che desse un calcio al secchio.

Gollum era intrinsecamente malvagio
Penso che questo sia il punto più importante. Nota come quando Smeagol ha posato gli occhi per la prima volta sull'Anello, lo ha voluto immediatamente. In pochi istanti cedette all'influenza dell'Anello e uccise Deagol. Questo non è il lavoro di una persona intrinsecamente "buona". Frodo, Sam e Bilbo trattavano tutti l'Anello come una cosa "preziosa", ma nessuno di loro lo uccise. Frodo si avvicinò, ma fu allora che l'Anello stava facendo del suo meglio per dominare la sua volontà. Per questo motivo soprattutto per gli altri, credo che gli Elfi gli negherebbero l'asilo. Potresti anche estendere questa logica per spiegare perché i Nove, i Sette o persino lo stesso Sauron non sarebbero autorizzati a fare il viaggio.

Ancora una volta, questa è solo la migliore spiegazione che potrei trovare sulla base di la tradizione consolidata.

Non credo sia giusto dire che Gollum fosse intrinsecamente malvagio. Sembra che Tolkien non abbia mai pensato a lui in quel modo. http://scifi.stackexchange.com/questions/90530/was-gollum-evil
#2
+50
TRiG
2015-04-23 14:08:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Contesterei la premessa della domanda. Si dice che Legolas abbia portato anche Gimli nelle Terre Immortali, e Gimli non è mai stato un portatore dell'anello. Bilbo e Frodo (e più tardi Sam) sono andati perché erano stati invitati, per la guarigione del loro dolore. Ed erano invitati perché avevano fatto grandi gesta e, in fondo, se lo erano guadagnato. Se Gimli è andato, come si dice, lo ha fatto per ragioni simili, e anche per la sua grande amicizia con Legolas.

Il criterio di qualificazione, quindi, non era semplice come "essere un portatore di anelli "E non è possibile che Sméagol sia stato invitato a seguire il percorso rettilineo.

Ottimo punto! Non avevo pensato affatto a Gimli qui.
Ho sentito dire che a quelli con il titolo di "amico degli Elfi" era permesso di andare, motivo per cui Gimli era autorizzato ad andare. Non ricordo se è canone o no, e non ho a portata di mano una copia delle Appendici da verificare.
Stavo per commentare l'altra risposta sul permesso a Gimli e sul non essere un Portatore dell'Anello, ma l'hai qui quindi +1.
Penso che questa risposta stia evidenziando la falsa premessa alla base della mia domanda è in definitiva la migliore risposta possibile che ci sia, quindi accetterò questa risposta.
#3
+8
Valorum
2015-04-23 02:03:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se Gollum non fosse morto al Crack of Doom, è ragionevolmente probabile che sarebbe morto poco dopo. Nota che l'età di Bilbo lo raggiunse dopo la distruzione dell'Unico Anello;

... Bilbo era seduto su una sedia davanti a un piccolo fuoco luminoso. Sembrava molto vecchio, ma tranquillo e assonnato. Aprì gli occhi e guardò in alto quando entrarono. "Salve, salve!" Egli ha detto. «Quindi sei tornato? E domani è anche il mio compleanno. Quanto sei intelligente! Sai, sarò centoventinove? E tra un anno in più, se sarò risparmiato, eguaglierò il Vecchio Tuc. Vorrei picchiarlo; ma vedremo. "

Dato che Smeagol aveva centinaia di anni, se non si fosse suicidato o si fosse tuffato nel fuoco nella speranza di salvare l'Unico Anello o immediatamente distrutto dalla sua distruzione (come lo era Sauron), sarebbe semplicemente morto di vecchiaia.

In tal caso, un viaggio nelle Terre Immortali avrebbe fuori discussione.

Non so come fosse _immediato_, esattamente ... per quanto posso ricordare, non si fa menzione (almeno non in _LotR_) del processo di invecchiamento di Bilbo durante i diciassette anni circa tra la sua scomparsa dalla Contea e il suo incontro con Frodo Gran Burrone. Sarebbe potuto anche essere successo gradualmente, no?
@JanusBahsJacquet - Avevo l'impressione che fosse immediato. Fammi una rapida lettura.
L'invecchiamento di Bilbo fu rapido, ma non eccessivamente rapido. Se Gollum non fosse morto, sicuramente sarebbe durato almeno qualche anno in più, certamente abbastanza a lungo da arrivare ai Rifugi. Ma cosa sarebbe successo allora?
In ogni caso, Gollum era già andato senza l'Anello per circa 60 anni o meno al tempo di _LotR_ senza morire o invecchiare significativamente. L'effettiva distruzione dell'Anello non sembra avere tanto effetto sui Portatori dell'Anello, dal punto di vista dell'età, quanto l'atto di smettere di essere un Portatore dell'Anello, se l'invecchiamento di Bilbo è qualcosa su cui basarsi: è invecchiato prima che l'Anello fosse distrutto .
O forse sto ricordando male, confondendo il film con i libri. Nel film, se non sbaglio, Bilbo è già notevolmente invecchiato quando Frodo raggiunge Gran Burrone. Ma ho appena scansionato quel pezzo nel libro e, a parte Bilbo che dice "Sto invecchiando" (il che è naturale: il suo invecchiamento riprenderebbe per lo meno a un ritmo naturale senza l'Anello su di lui), non c'è menzione di lui che è più vecchio. Quindi forse _non_ invecchia prima che l'Anello venga distrutto, dopotutto. Anche così, come dice @Rhettorical, dovrebbe esserci abbastanza tempo perché Gollum raggiunga i Rifugi se fosse sopravvissuto.
@JanusBahsJacquet - Mortals [still die] (http://scifi.stackexchange.com/questions/39920/did-the-ring-bearers-and-gimli-die-in-valinor/51711#51711) nelle terre immortali
@JanusBahsJacquet I film non si soffermano troppo a lungo su ciò che accade dopo che l'Anello è stato distrutto, o almeno non su quanto tempo passa (sappiamo che Frodo ha scritto le sue avventure e Sam aveva due figli ma questi sono gli unici indizi). Il libro specifica quanto tempo passa, ma non ricordo quanto tempo ci sia sopra la mia testa. Bilbo sembrava quasi morto nel film, quindi non riesco a immaginare che Gollum duri tutti quegli anni. Dovrebbe arrivare agli Havens in un paio d'anni, al massimo, credo, ed essere il primo ad andarsene. Probabilmente. Sarebbe comunque morto lì, quindi potrebbe anche non avere importanza.
@Rhettorical È vero, avrebbe dovuto trovare una nave che lo portasse lì prima di gracchiarlo, ma la questione qui è più una questione di _autorizzazione_ che di questioni pratiche. Supponendo che sopravviva almeno abbastanza a lungo da arrivare ai Rifugi (più per quanto lungo sia il viaggio effettivo) e che ci sia una delegazione in viaggio verso le Terre Immortali, chi può decidere se è idoneo per andare? E quale sarebbe la loro decisione? _
@Rhettorical intendo che bilbo sembrava avere più di 20 anni dopo circa un anno, mentre gollum aveva più di 500 anni, mi sento come se sarebbe morto in pochi giorni-mesi al massimo. anello distrutto nel 3019, lasciare ai paradisi grigi nel 3021. quindi in 2 anni gli oltre 60 si erano completamente ripresi, ed era appeso a un filo che appare nei libri, id dire che richard ha ragione e gollum sarebbe morto molto velocemente .
@JanusBahsJacquet Suppongo che questo sia ciò che stiamo cercando di capire ... Il mio miglior ragionamento (sapendo quello che so degli Elfi e quant'altro) è che non glielo avrebbero permesso più di quanto avrebbero lasciato nessuno dei Nove o Sette. Penso che le ragioni principali sarebbero (a) gli Hobbit erano una grande eccezione, ed erano (come Gandalf ha detto / accennato) scelti da Eru stesso, (b) Gollum era già "allungato troppo magro", quindi probabilmente non l'avrebbe fatto ' Sono sopravvissuto a lungo o per niente, e (c) Gollum era intrinsecamente malvagio sin dall'inizio, visto che ha ucciso per ottenere l'Anello subito dopo averlo visto.
@Rhettorical Buona osservazione sui Nove e sui Sette: non ci avevo pensato. Quel commento è una risposta degna di nota!
@JanusBahsJacquet :) Ho fatto del mio meglio. Potrei suggerire di chiarire il titolo della domanda per riflettere se gli sarebbe stato concesso o meno il permesso?
@Rhettorical Fatto. :-)
Sono tentato di eliminare questa risposta data la modifica. ..
@Richard No, è comunque una buona risposta utile, anche se è un po 'ortogonale all'intenzione della domanda.
Ho pensato che nel libro, quando Frodo incontrò Bilbo a Gran Burrone, ci fosse qualche accenno al fatto che Bilbo sembrava ancora insolitamente giovane per la sua età. Proverò a trovarlo più tardi.
No, mi sembra di sbagliarmi. Non ho trovato alcuna descrizione dell'aspetto fisico di Bilbo a quel punto nel libro.
#4
+4
Haggisbreath
2015-04-24 13:38:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

LOTR è incentrato sulla redenzione, come è stato detto spesso nelle risposte ad altre domande su questo SE. Gollum ha avuto l'opportunità di agire rettamente, per aiutare la Compagnia a distruggere l'Anello (o almeno non interferire), ma invece ha scelto di agire nel proprio interesse. La lotta di Smeagol contro Gollum in the Marshes fa parte di quel dramma. Il lettore guadagna la speranza che Smeagol possa vincere e la sua anima essere redenta. I due non sono esseri separati, ma la stessa cosa, e quindi alla fine devono essere responsabili delle sue scelte.

Penso che Gollum / Smeagol sia forse la più grande tragedia in LOTR. Soccombe e agisce nell'interesse personale, quindi non potrà mai ottenere ciò che gli avrebbe portato la pace. Se avesse fatto la scelta migliore, sconfiggere il male assoluto, direi che sarebbe sicuramente idoneo per i Rifugi Grigi, forse in una forma fisica più gradevole. Potrebbe morire prima, ma non perché è vecchio. Era già vecchio, molte volte la normale durata della vita di uno hobbit, quindi la vecchiaia da sola non sarebbe stata sufficiente per ucciderlo. Era già senza l'Anello da decenni, quindi ancora qualche anno sarebbe andato bene. Quello che potrebbe fargli è che forse la sua anima era troppo strettamente connessa all'Anello. Una volta distrutto, potrebbe non essere più in grado di mantenere il suo sé corporeo.

La capacità di controllare il proprio destino è in realtà un tema abbastanza comune in molte credenze. Non è affatto un concetto "molto cristiano". Inoltre, penso che Tolkien non apprezzerebbe il tentativo di attribuire il suo lavoro a nessuna religione, anche alla sua. Comunque, non credo che le informazioni siano pertinenti alla tua risposta.
Tolkien ha attribuito il suo lavoro alla sua religione.
#5
+1
EngrStudent
2015-04-27 06:11:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che Gollum e Smeagol fossero due persone separate. Il "personaggio" che l'anello era in grado di evocare in creature come Galadriel (invece di un signore oscuro avresti una regina oscura) e Gandalf (attraverso di me eserciterebbe un potere troppo grande) indica che anche loro (Elflord e Maia che brandiscono di Narya) esibirebbe una profonda oscurità se l'anello avesse la possibilità di farlo.

Se Gandalf e Galadriel sono suscettibili di diventare sovrani oscuri, è probabile che la persona di Gollum sia una manifestazione del risuona attraverso l'essere e la persona di Smeagol. Penso che il grado di astuzia e malizia esibito in Gollum mostri il carattere di Sauron.

La costruzione mostra che "sul ring è stata riversata malizia" e "volontà di dominare". Questi sono attributi dell'intenzionalità e sono stati fatti con lo scopo di aiutare l'anello degli anelli a ottenere per Sauron ciò che intendeva.

L'unico anello è pensato per essere un anello dominante di anelli. Gli anelli dovevano far sì che i leader di una corsa potessero evocare le eccellenze più caratteristiche delle gare. Il "centro degli elfi sulla terra", Lothloriedorinian, nacque così com'era in parte dall'uso degli anelli elfici. I grandi regni nanici hanno probabilmente una correlazione simile. L'anello aveva lo scopo di rendere gli anelli del governo più anelli del governo, più capaci.

Gli anelli che non erano nascosti sono stati avvelenati dall'unico anello. L'oscurità si riversò in un anello, trapelò attraverso gli altri e nei loro portatori. Avidità verso i nani. Penso che gli umani soccombano più rapidamente sia alla grandezza che all'oscurità degli anelli. Sì, un bel po 'di supposizioni. L'attribuzione di resistenza all'anello da parte di Gandalf da parte degli Hobbit era dovuta alla loro razza, non al loro carattere. Sembrano figli di un Valar diverso, e come tali non sotto il ring. Penso che Tolkien possa averli immaginati come la "piccola gente" degli irlandesi.

Alla fine, quando Frodo cadde sul ring e lo rivendicò per conto suo, fu l'azione di Smeagol che portò alla distruzione dell'anello. È una prova che il male, soprattutto il personaggio di Sauron, non potrebbe vivere in un mondo con una copia di se stesso. È una dimostrazione dell'autoannientamento del male. Penso che, in un mondo di Tolkien, mentre c'è la redenzione, non è mai a buon mercato. Spesso, come nel caso di Grimma, si ottiene a costo della propria vita. La distruttività anche di un po 'di oscurità è molto grande e ci vuole molto sangue buono versato per spegnerla.

Anche se sono d'accordo sul fatto che la lunga vita innaturale concessa da un anello sia evaporata come ha fatto l'anello, io pensa in linea di principio che Smeagol sarebbe stato il benvenuto su coste lontane. In modo ironico, la cosa che è costata la vita a Smeagol, sarebbe stata considerata sufficiente per la redenzione.

EDIT: Se essere solo portatore dell'anello fosse una qualifica per andare in terre immortali, non qualificherebbe quindi sia Isildur che Sauron ad andarci? Penso che ci debbano essere alcuni criteri aggiuntivi o alternativi.

Per il revisore che ha rifiutato le mie modifiche: qual è il modo corretto per includere citazioni esatte come riferimenti e quali sono? Sono rimasto sorpreso dal rifiuto della modifica e altrettanto sorpreso dal fatto che non esiste alcun meccanismo di feedback collegato per porre domande o migliorare le mie interazioni. Pass / Fail è molto meno informativo di una direzione limitata su come raggiungere il mio obiettivo.
Non dimentichiamo la natura indulgente dei Valar.Si afferma che non potevano comprendere il male e quindi non avevano modo di punirlo.È solo quando Tulkas viene inviato ad Arda, che giustizia è servita a Morgoth, e anche allora viene riscattato dalle sue azioni per un breve periodo attraverso i suoi inganni.Sauron, nonostante le sue azioni attraverso la servitù di Morgoth è _ancora_ invitato per la redenzione.Non sarebbe del tutto fuori discussione presumere che questo invito venga esteso a un essere inferiore, più naturalmente innocente, poiché le sue azioni causano indirettamente la distruzione dell'anello.
Gandalf ha imparato la compassione in compagnia dei valar.
È affermato nei libri che lo ha imparato dalla casa di Nienna.
#6
-1
Carl Carlson
2015-04-24 00:14:06 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nella rivisitazione di Tolkein della creazione judo / cristiana, la caduta e la riconciliazione degli angeli, i paradisi rappresentano il paradiso e gli elfi gli angeli caduti. Gli angeli caduti possono tornare in cielo perché si sono riconciliati con Dio. Dato un concetto di perdono divino, Gollum sarebbe stato accettato in paradiso se si pentisse dei suoi modi malvagi.

Il Signore degli Anelli, però, non è un'allegoria. Tolkien negò categoricamente qualsiasi associazione del genere ed etichettò qualsiasi associazione di questo tipo come pura speculazione.
Sono cortesemente in disaccordo. Tolkien rifiutò l'interpretazione della sua storia dell'anello in termini di storia (si presume che avesse in mente l'ascesa e la caduta della Germania nazista). Non si riferiva al Silmarillion. In ogni caso non sto affermando che il Silmarillion fosse un'allegoria. Era una rivisitazione di una storia religiosa. Questa non è un'allegoria.
Tolkien era un devoto cristiano. È chiaro dalle prime pagine del Silmarillion che sta raccontando di nuovo la Creazione ecc. Nella sua ultima poesia racconta la cupa prospettiva della sua morte imminente (andando a Ovest, "le onde sono grigie"), afferma il suo rifiuto della disperazione (" le isole si trovano al di là del Sole che solleverò e tutto è fatto "), e nella riga finale dell'ultima poesia sua e di Bilbo ribadisce la sua fede religiosa (" Vedo la tua stella sopra il mio albero ").
Se si trova un'allegoria o un simbolismo, è pura speculazione e, secondo Tolkien, completamente non intenzionale. Era spesso molto critico nei confronti dell'allegoria, arrivando a criticare il suo amico C.S. Lewis, che spesso scriveva storie apertamente allegoriche. Come ha detto: ["Non mi piace cordialmente l'allegoria in tutte le sue manifestazioni, e l'ho sempre fatto da quando sono diventato vecchio e abbastanza diffidente da rilevare la sua presenza."] (Http://www.quotationspage.com/quote/27748.html)
Cerchiamo di essere in disaccordo in modo amichevole. Se uno crede nella Bibbia, come io no, allora è un'allegoria. Se la Bibbia è una storia che fornisce una guida ai fedeli, non è allegoria o simbolismo. Il re Lear di Shakespeare è basato su una storia di Raphael Holinshed. Definiremmo Re Lear una rivisitazione non un'allegoria. Per quanto Tolkien fosse devoto, il Silmarillion sarebbe, in effetti, un'allegoria nella sua mente. Tuttavia, credo che Tolkien si riferisse alla storia dell'anello come non un'allegoria, non al Silmarillion. La congruenza con la Creazione ecc. È troppo convincente in mente.
Il racconto della creazione del Silmarillion è abbastanza diverso dal racconto biblico da non essere affatto allegorico. È solo un altro mito della creazione. Eventuali somiglianze sono solo il risultato di molti racconti di creazione che sono naturalmente simili.
@Rhettorical Direi che il Silmarillion è stato probabilmente influenzato dalla Bibbia più pesantemente di quanto forse Tolkien volesse ammettere, ma sono d'accordo che non è ancora un'allegoria e contiene differenze piuttosto significative.
@reirab Tutto il lavoro di Tolkien è stato fortemente influenzato dalle sue convinzioni personali, come nel caso di molti scrittori. Ecco perché le persone spesso trovano il simbolismo della prima e della seconda guerra mondiale in LOTR, o paralleli tra la Bibbia e le sue opere. Ma il pantheon degli esseri simili a divinità nei suoi miti è uno dei luoghi più grandi in cui l'analogia si interrompe. Gli Ainur sono meno simili agli angeli biblici (che non sono raffigurati come interferenti in questioni terrene) e più simili agli dei minori stessi, come è mostrato nel Silmarillion. In questo senso, hanno più in comune con gli dei greci, romani o nordici.
Perché nel mondo pensereste che sia una rivisitazione della cosmogonia giudaico-cristiana? Ha ben poco in comune con esso. I temi con cui Tolkien gioca sono presenti in molte religioni, in particolare le mitologie nordiche e persino greche. Gli Elfi non sono angeli caduti, sono stati creati dagli Ainur (che potresti considerare ortologhi degli angeli). Anche se il Silmarillion fosse un'allegoria (cosa di cui dubito fortemente), non vedo motivo di ritenere che fosse giudaico-cristiana. Nessun messia, per prima cosa.
@terdon: gli elfi NON sono stati creati dagli Ainur ... sono i primi figli di Illuvatar, quindi creati dallo stesso dio supremo. Gli Ainurs non sono realmente dei, non possono creare la vita. Il loro potere è dare forma a cose già esistenti, essendo in questo senso più simili agli elfi che a Illuvatar. Detto questo, Tolkien era un cristiano fedele e, come tale, la sua opera non può fare a meno di essere ispirata dalla Bibbia. E lo dice lui stesso. Quando gli è stato chiesto in un'intervista chi è Illavatar, ha risposto qualcosa del genere: "Beh, lui è l'UNO". Quindi questo è partire dall'alto.
@Joel vero, colpa mia. Devo averli confusi con i nani. Il punto era che se qualcuno è un "angelo caduto", quello sarebbe l'Ainur (in particolare, i Valar), non gli elfi. Molte religioni hanno una singola divinità "capo", questo non è un motivo per equiparare il mondo di Tolkien alla tradizione giudaico-cristiana.
Il cristianesimo è certamente ispirato da molte religioni precedenti. Ma Tolkien stava chiaramente inserendo le sue credenze cristiane nella sua creazione, anche se è vero che lo fece anche con la maggior parte delle altre mitologie europee. Vedo Manwë più come Zeus o Odino che come una specie di arcangelo Michele. Non è tutto nero o tutto bianco.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...