Domanda:
Qual è il primo riferimento a un Internet dei computer nella fantascienza?
Often Right
2015-06-23 11:25:03 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Considerando che Internet ha rivoluzionato in modo sostanziale il nostro modo di vivere (lo stai usando in questo momento, infatti) mi chiedevo se fosse mai stato previsto nella fantascienza. Mi sto quindi chiedendo quale sia il primo riferimento in una storia di fantascienza dove ci sono computer di qualche descrizione (non necessariamente digitali, ma dispositivi che hanno le stesse funzioni dei computer per noi oggi) connessi con l'accesso ai dati su ogni dispositivo o ad un server centrale e può comunicare tramite questo su lunghe distanze (anche globali / da pianeta a pianeta). Fondamentalmente, qual è il primo riferimento nella fantascienza a un sistema come Internet di oggi?

@user14111 le tecnologie a cui si fa riferimento in * The Machine Stops * sono completamente accettabili. Se riesci a trovare qualcosa di simile che precede * The Machine Stops * sarebbe ancora meglio!
Possibile duplicato di [questa domanda] (http://scifi.stackexchange.com/questions/7124/what-is-the-earliest-instance-of-a-scifi-work-describing-a-massive-universal-dat) ?
Hmm @user14111 che è molto simile te lo concedo, ma penso che siano leggermente diversi, poiché nella mia domanda sto cercando più di una rete universale non necessariamente con la risposta del database, anche se probabilmente sto solo pignolando Qui
Lo posto come commento, dato che il libro è uscito solo pochi anni prima di Internet e stai cercando per primo, ma [Hyperion] (https://en.wikipedia.org/wiki/Hyperion_ (Simmons_novel) ) di Dan Simmons ha uno dei migliori Internet pre-Internet. Si chiama anche WideWeb.
L'equivalente Internet di Hyperion di @aslum era "All Thing"; il WorldWeb era la rete teleporter (teleporter). Sebbene * Hyperion * sia stato pubblicato nel 1989, a quel punto Internet esisteva già.
Immagino che la mia memoria sia piuttosto cattiva. Eh.
Non lo trasformerò in una risposta completa, ma le schermate di _1984_ hanno alcune somiglianze.
Penso che queste risposte che si riferiscono a libri scritti negli anni '80 manchino il segno. Internet non era solo facile da immaginare dai progressi già in atto, Internet in realtà esisteva già. Qual è stato il primo lavoro sulla fantascienza abbastanza preveggente da prevedere una rete interconnessa di dispositivi informatici in un momento in cui nessuno dei due esisteva? Onestamente; avevamo telefono e fax dal 1870. La Marina degli Stati Uniti ha utilizzato una forma di Ethernet wireless (CSMA / CD) per le comunicazioni durante la seconda guerra mondiale e alla metà degli anni Quaranta avevamo computer digitali onesti.
Allora che dire del racconto di Mark Twain dal "London Times" del 1904, dove descriveva il * telelettroscopio *?
@Craig Non sono sicuro che soddisfi completamente lo scopo (gioco di parole) che stavo cercando, ma è comunque una buona risposta
Nove risposte:
#1
+134
Broklynite
2015-06-23 14:35:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho letto The Machine Stops alcune volte e non credo che sia abbastanza abbastanza simile a Internet. Là, gli umani vivono all'interno di una macchina gigante. Ma Internet è una rete di macchine. Per qualcosa di più vicino, penso, sceglierei " A Logic Named Joe" di Murray Leinster. dal marzo 1946. Puoi trovarlo gratuitamente dalla Baen Free Library.

In A Logic Named Joe, ogni casa ha una Logic (un computer con uno schermo) che accede a una rete di informazioni per la casa utente. La logica non è un semplice terminale, comunica e interagisce con la rete. Quando qualcosa va storto con una particolare logica, la rete viene compromessa e altre logiche vengono infettate. Le persone si ritrovano a ricevere risposte a domande a cui non dovrebbe essere data risposta e ad accedere a cose che non dovrebbero. Ad esempio, persone che chiedono come cavarsela con l'omicidio e bambini che accedono alla programmazione per adulti tosse .

Così in una storia abbiamo una rete computerizzata, un virus di rete, sicurezza di rete, computer in casa e pornografia su Internet. Non riesco a pensare a un esempio migliore di Internet.

Sembra decisamente il moderno Internet LOL! Tutto ciò che manca sono immagini di gatti divertenti.
Ho appena letto questo - bella storia! Vorrei poter votare più volte!
@Omegacron il tuo commento mi fa quasi venire voglia di chiedere se qualche storia di fantascienza prevedeva la condivisione di immagini di gatti divertenti.
@Zoredache, Le immagini di gatti divertenti sono antecedenti a Internet. E se non sei troppo pignolo potresti persino incolpare gli egiziani.
@Omegacron Aspetta, ci sono immagini di CAT?
E il punto centrale della storia era che uno dei nodi della rete è diventato consapevole di sé a causa di un difetto casuale nel processo di produzione.È sicuramente assurdo supporre che un errore di fabbricazione si traduca in una straordinaria svolta tecnologica.È come supporre che se un operaio inserisce una parte al contrario durante l'assemblaggio di un'auto, potrebbe uscire come un'astronave con hyperdrive.Ma è un dispositivo SF abbastanza comune.Ad ogni modo, un presupposto essenziale nella storia era che ogni nodo fosse esso stesso un computer.
@Jay Sono un po 'in disaccordo con te.Le persone che sono molto più appassionate di costruire i loro computer di me, seguiranno attentamente il numero di serie del loro processore per controllare da dove proviene il loro processore sull'acqua e l'asta originale, perché fa la differenza.C'era un'intera serie di chip Pentium che erano i chip di fascia più alta con una sezione appena tagliata perché durante la produzione qualcosa è andato storto.Invece di cestinarli, hanno semplicemente tagliato quella sezione e li hanno venduti comunque per meno.Accadono cose strane ai margini.
Ho visto questo e stavo anche entrando per suggerire "Una logica chiamata Joe" - Ben battuto dalla fuga precipitosa!
@Zoredache - non è predittivo, essendo stato pubblicato troppo tardi per quello, ma è comunque estremamente buono, quindi consiglio vivamente "Cat Pictures Please" di Naomi Kritzer (che è stato pubblicato su Clarkesworld nel 2015, quindi dovrebbe essere disponibile nel loroarchivi da qualche parte).
@Jules è quello con l'IA canaglia?
AilikwmkpmCMT - sì.
Mi chiedo se "A Logic Named Joe" sia stato ispirato dall'articolo di Vannevar Bush "As We May Think" pubblicato sull'Atlantic Monthly nel 1945, avesse una descrizione dettagliata di qualcosa che somigliava molto a Internet - vedi l'articolo che ne discute [qui] (https://history-computer.com/Internet/Dreamers/Bush.html).
#2
+55
Avner Shahar-Kashtan
2015-06-23 11:41:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Uno dei primi esempi di qualcosa di simile, e spesso acclamato come la prima menzione di molti concetti moderni, è The Machine Stops di EM Forster del 1909.

La storia immagina un mondo post-apocalittico in cui la superficie è stata resa inabitabile e le persone risiedono in minuscole celle all'interno di un enorme complesso sotterraneo supervisionato da The Machine. La macchina fornisce loro i mezzi per comunicare con altre persone - sia lettere che chiamate vocali e video, e fornisce l'accesso a informazioni e media.

La storia di Forster è straordinariamente preveggente e tocca temi che sono popolari anche nelle reazioni moderne a Internet e ai social network. I suoi protagonisti principali vivono ai lati opposti del mondo ma comunicano istantaneamente, con un personaggio che si risente dell'alienazione derivante dal mancato contatto fisico.

Essendo vecchio di oltre un secolo, il testo completo è disponibile, liberamente e senza copyright.

Una nota: nella voce di Wikipedia, è menzionato che:

Nella prefazione a in Collected Short Stories (1947), Forster scrisse che "The Machine Stops è una reazione a uno dei primi cieli di HG Wells".

Ciò potrebbe indicare che una precedente storia di H.G.Wells potrebbe toccare questioni simili ed essere un esempio precedente, ma non so a quale storia si riferisse Forster.

Azzarderei i Morlock di Time Machine.
"Essendo vecchio di oltre un secolo, il testo completo è disponibile, liberamente e senza copyright." - Ha più di un secolo e non era di proprietà della Disney.
@PaulD.Waite non dare loro alcuna idea;)
Tutto ciò che viene pubblicato prima del 1923 è di dominio pubblico negli Stati Uniti. La Disney non fa eccezione. Steamboat Willy, la prima apparizione di Topolino fu nel 1928.
@Martijn Sì, ma immagino che Paul si riferisse al fatto che la legislazione americana * sembra * essere modificata di conseguenza. Non molto tempo fa, 70 o addirittura 50 anni erano il limite.
Negli Stati Uniti, tutto ciò che è stato pubblicato prima del 1923 è ora di dominio pubblico.La Disney è riuscita a far cambiare la legge alcuni anni fa per aggiungere 20 anni alla durata di un copyright, ma per quanto ne so non hanno clausole speciali applicabili solo a loro, hanno esteso il tempo per tutti.
#3
+45
Viergacht
2015-06-23 17:50:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono sicuro che sia abbastanza vicino per qualificarsi, ma "Paris in the 20th Century" (1863) di Jules Verne descrive calcolatrici meccaniche alimentate elettricamente in grado di scambiarsi messaggi.

Mark Il racconto di Twain "From the 'London Times' of 1904" (1898) descrive una rete mondiale di "telelettroscopi" attraverso i quali "le attività quotidiane del globo rese visibili a tutti, e anche udibilmente discutibili, da testimoni separati da un numero qualsiasi di leghe. "

Ecco una descrizione di un personaggio che lo utilizza dalla storia:

Giorno dopo giorno e notte dopo notte, ha richiamato un angolo del globo dopo l'altro, e ne osservava la vita, studiava i suoi strani spettacoli e parlava con la sua gente.

Parlava raramente e non lo interrompevo mai quando era assorto in questo divertimento. Mi sedevo nel suo salotto e leggevo e fumavo, e le notti erano molto tranquille e pacificamente socievoli, e le trovavo piacevoli. Di tanto in tanto lo sentivo dire: "Dammi Yedo [Tokyo]"; successivo, "Dammi Hong-Kong"; poi, "Dammi Melbourne". E continuavo a fumare, e leggevo comodamente, mentre lui vagava per il remoto mondo sotterraneo, dove il sole splendeva nel cielo e le persone erano al loro lavoro quotidiano. A volte mi interessava il discorso che proveniva da quelle regioni lontane attraverso l'attacco del microfono e ascoltavo.

Questo è molto buono ... non così vicino a Internet come gli esempi menzionati in altre risposte, ma scommetto che ci sono altri esempi correlati là fuori, che costituiscono una linea temporale dello sviluppo del concetto di rete di comunicazione.
@recognizer OP ha specificato "primo riferimento" in grassetto. Finora ci sono stati forniti 3 esempi, ciascuno separato da 40 anni. Questa previsione del 19 ° secolo è una sottomissione notevole. Suppongo che spetti all'OP scegliere il suo punto di svolta tra "presto" e "mi piace".
@tjd Oh, vorrei vedere quanti più esempi correlati possibile. Il punto in cui rientrano tutti nella sequenza temporale è forse ancora più prezioso come risorsa dell'identità dell'esempio di fantasia "più simile a Internet".
"il mondo sotterraneo remoto" suona come se Twain avesse una visione veramente preveggente di Internet. +1
A rischio di diminuire il potere di pronostico degli autori, si consideri lo sviluppo del telegrafo elettrico (proposto 1753, prima operazione regolare 1833 su una distanza di 1 km, iniziò ad essere posato lungo le linee ferroviarie britanniche negli anni 1840, le coste est-ovest degli Stati Uniti collegate 1861). Quindi una previsione del 1863 di comunicazione elettrica tra tutte le case non è completamente fuori dal campo di sinistra, è un'abile attenzione a un vero sviluppo tecnico.
#4
+1
Kerry Nitz
2018-10-14 06:10:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Heliopolis di Ernst Jünger (1949) descrive qualcosa di simile agli smartphone con il Phonophor e qualcosa di simile a Wikipedia appare nel (una specie di) sequel Eumeswil (1977).

Buona risposta, ma un collegamento all'autore o alla storia lo migliorerebbe.
#5
  0
LochDhueDude
2015-06-24 00:32:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Brunner, John - "Shockwave Rider" 1975 - Una visione davvero preveggente di molti aspetti del web di oggi. Include anche una panoramica di un'entità simile a Google. Anticipa alcuni aspetti del web che sono solo ora in gestazione.

Il 1975 risale non solo alle altre risposte, ma al primo Internet stesso.
@Mark: TCP è del 1974, quindi nel 1975 c'era solo Arpanet (con probabilmente alcune centinaia di macchine).
#6
  0
D rich
2018-03-15 11:17:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un vecchio cortometraggio che ho letto chiamato "codemus". Tutti avevano un "fratellino" che consigliava loro quando alzarsi, vestirsi, ecc. Tutti interconnessi, a comando vocale e con una webcam !. Waaaay negli anni '50

Sei sicuro che sia degli anni '50?L '[ISFDB] (http://www.isfdb.org/cgi-bin/title.cgi?1694589) pensa che sia del 1968.
#7
-1
DaveF
2016-09-26 06:10:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non il primo esempio, ma sicuramente la previsione più incredibilmente accurata, si trova in "The Age of the Pussyfoot" di Frederik Pohl, scritto nel 1965. In esso, tutti portano un "Transponder per computer ad accesso remoto chiamato Joymaker", che fa tutto lo smart phone fa per noi oggi, ma anche bibite e aspirine!

Hmm, ma la domanda sta cercando il * primo * esempio.
#8
-1
Anthony X
2016-10-17 03:25:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una possibile risposta che riguarda chiaramente i computer che sono interconnessi è il film del 1970 "Colossus: The Forbin Project". In questo film, un potente computer di difesa americano si connette con la sua controparte sovietica. Insieme, tentano di prendere il controllo dell'umanità.

Sebbene non rappresenti nulla di simile alla nostra Internet moderna, raffigura uno scenario che presenta alcune somiglianze con gli inizi della nostra Internet: due computer collegati insieme.

Nel 1970 Internet esisteva già da due anni.Non si chiamava ancora Internet, ma ARPAnet (1968) è diventato Internet.Sono abbastanza sicuro che prevedere qualcosa che esisteva già da due anni * non * conta come "il primo riferimento".
#9
-2
Steve Robenalt
2015-06-26 00:16:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

William Gibson - "Neuromancer" 1984 - Non il primo, ma forse uno dei più dettagliati. La versione di Internet di Gibson prevedeva molte cose che stiamo ancora cercando di costruire e ha fatto un ottimo lavoro anche sull'impatto sociale.

Come dici tu, non il primo.
Non il primo come ho detto. Tuttavia, poiché Internet è stato costruito per la prima volta da Arpanet, è stato difficile trovare qualcuno che non stesse cercando di costruire la versione di Internet di Gibson, comprese le versioni degli anni '90 della realtà virtuale. Tuttavia, la domanda in realtà è stata formulata come primo riferimento a un sistema come la base di Internet di oggi. Significa "comunicazione elettrica tra tutte le case?" O significa accesso mediato dal computer ai dati globali? Il primo è relativo a quanto il lavoro di fantascienza si conforma a quella base, quindi alcune delle citazioni precedenti non sarebbero qualificate.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...