Domanda:
Perché uno hobbit è stato "la creatura più improbabile che si possa immaginare" a raccogliere "The One Ring"?
Major Stackings
2012-01-24 13:05:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

(L'unico anello) ha abbandonato Gollum. Ma poi è successo qualcosa che l'Anello non intendeva. È stato raccolto dalla creatura più improbabile che si possa immaginare. Uno hobbit, Bilbo Baggins, della Contea.

Gandalf ha descritto la gente di Smeagol come molto simile a un hobbit, quindi perché uno hobbit è stato ritenuto un candidato improbabile per raccogliere l'anello?

Riddle game

Gollum e Bilbo durante "Riddle Game"

Mi sono preso la libertà di ricodificare la domanda, dal momento che penso che "lo hobbit" si riferisca al prequel di LOTR e la parte che hai menzionato è in The Fellowship of the Ring.
Chiarimento: Smeagol non era "simile a un hobbit", in realtà era uno hobbit. "Immagino che fosse di tipo hobbit" significa che era dello stesso "tipo" - cioè razza - degli hobbit che Frodo conosceva.
@DanielRoseman: Nello specifico, era uno Stoor, una varietà di Hobbit che aveva un'affinità con gli uomini, al contrario di un Harfoot o Fallohide, che condividevano le caratteristiche con i nani e gli elfi, rispettivamente.
Penso che questa sia una specie di domanda duplicata di http://scifi.stackexchange.com/questions/6297/could-the-ring-have-intended-to-be-picked-up-by-bilbo
"L'anello non intendeva" è una frase insolita. Sebbene sia implicito che l'anello sia un'estensione del suo padrone e abbia la volontà di tornare ad esso, sicuramente cadere sul pavimento della grotta ed essere portato via sarebbe la migliore via d'uscita, dato che l'anello si muove in modo molto simile a un mollusco morente .
Quante volte uno hobbit andava a vagare per le grotte? Era molto più probabile che l'anello fosse stato trovato dagli abitanti delle caverne: goblin ecc.
Forse perché era "un viaggio inaspettato"?
Nove risposte:
#1
+74
Bertrand Moreau
2012-01-24 14:14:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo me è un modo per dire che gli hobbit sono considerati una quantità trascurabile nel gioco tra il Bene e il Male (almeno prima degli eventi de Il Signore degli Anelli). Il fatto che uno hobbit possa svolgere un ruolo importante nella Guerra dell'Anello è stato completamente trascurato da entrambe le parti, tranne, forse, da Gandalf.

Un altro modo per vedere gli hobbit come "creature improbabili" in questi eventi è da considerare che non erano mai stati coinvolti in alcun evento importante / storico alla scala della Terra di Mezzo. Il primo capitolo della trilogia de Il Signore degli Anelli ("Concerning hobbit") ti offre un buon esempio di eventi storici dal punto di vista degli hobbit: attraversamenti di fiumi, incontri con gli umani ... ma niente guerra, battaglia o qualsiasi azione di alto livello . Anche in questo senso, era improbabile che improvvisamente si interessassero alla diplomazia e alla geopolitica.

Infine, era improbabile che gli hobbit prendessero l'anello perché era improbabile che accettassero il suo fardello e lo usassero nel modo in cui le altre razze lo avrebbero: gli elfi sono saggi ma arroganti, i nani sono forti ma testardi, gli umani sono coraggiosi ma avidi ... queste sono qualità o difetti "epici", e un individuo di tali razze avrebbe fatto cose grandi o terribili con il potere dell'Anello. Ma uno hobbit? Siamo seri: si godono solo buon cibo, birra e comfort ...

Penso che il tuo secondo paragrafo sia il più importante. Gli Hobbit non hanno mai giocato un ruolo importante negli affari della Terra di Mezzo. Per uno Hobbit essere lì, in quel luogo, era inimmaginabile in primo luogo (uno Hobbit! Avventura! Inconcepibile!) Per non parlare della fortuna che fosse l'unica razza predisposta a resistere all'Anello. Ancora più inconcepibile!
E il punto che non erano affamati di potere, e quindi non avrebbero cercato un oggetto del genere. Tutti gli altri esseri in ME avevano qualche ragione per desiderare il potere che avrebbe portato.
Gli Hobbit sembrano anche liberi da qualsiasi caratteristica speciale o utile; non hanno la magia degli Elfi o degli Umani, non la forza dei Nani o degli Orchi. Non sono brillanti e nemmeno vivono per secoli come gli elfi.
Volevo così scegliere questa risposta, ma poiché uno "hobbit" aveva già raccolto l'anello, uno "hobbit" aveva effettivamente già svolto un ruolo importante nella storia dell'anello.
Considera anche che l'anello ha "abbandonato" Gollum ... solo per arrivare a un altro hobbit. Questo si presenta come improbabile. A parer mio.
@BenBrocka: Non è vero: gli Hobbit sono particolarmente subdoli e la maggior parte delle persone non li nota, motivo per cui Gandalf consiglia Bilbo ai nani come ladro.
@user606723 Posso solo immaginare cosa ne pensasse l'anello. "Oh bastardo, non un altro di * questi * ragazzi! Se devo essere indossato da un altro hobbit giuro che mi sto buttando in un vulcano."
#2
+71
zrvan
2012-01-25 01:21:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Devo solo intervenire perché sono stato infastidito da questa frase per tutto il tempo che posso ricordare.

Da un punto di vista puramente statistico, la frase sembrerebbe essere senza senso, il in effetti l'anello era già stato raccolto da uno hobbit prima, ma mai da un cavallo, il che rendeva quella classe di creature infinitamente più improbabile (questo forse è discutibile, ma resta con me). Anche se decidiamo di escludere le bestie, ci sono ancora un numero qualsiasi di creature improbabili, più quindi di uno hobbit. Il mio preferito è un ent : è una creatura improbabile che raccolga l'anello del potere se me lo chiedi, perlomeno alle radici delle Montagne Nebbiose.

Tuttavia , Sono finalmente giunto alla conclusione che dovremmo guardare l ' intera frase così com'è e rendermi conto che non è solo improbabile che un hobbit la trovi, dato che il ondeggiare l'anello potrebbe reggere su uno hobbit (e quindi è un motivo per attaccarsi a uno) è inferiore alla maggior parte delle altre creature (specialmente un goblin di cui abbondano le Montagne Nebbiose), ma perché è anche Bilbo .

Ricorda la frase di Lo Hobbit :

[...] e la gente li considerava [i Baggins] molto rispettabili, non solo perché la maggior parte di loro erano ricchi, ma anche perché mai hanno avuto avventure o hanno fatto qualcosa di inaspettato: si poteva dire cosa avrebbe detto un Baggins su qualsiasi domanda senza il fastidio di chiederglielo.

- Lo Hobbit, enfasi mia.

Allora non è solo improbabile perché è uno hobbit, ma perché è un Baggins nelle profondità delle Montagne Nebbiose e perché è Bilbo , un individuo sedentario con un debole per il fumo di tabacco fuori dalla sua, gentile , familiare buco hobbit e mangiare e bere quasi tutto il tempo. Per una creatura del genere, la possibilità di accadere sull'anello del potere è improbabile (ma ancora non così tanto come un ent).

Oppure, sai, potresti partire con l'idea che forse non tutte le frasi di Tolkien hanno una logica e una coerenza completamente stabilite con il suo mondo, e dì semplicemente che è un meccanismo narrativo per dire "Woa, questo è un po 'strano, uno hobbit, qui ?! ".

La logica non è solo uno hobbit, ma "perché è Bilbo" ha un bel suono.
Penso che tu abbia esattamente ragione. Uno hobbit, in quanto tale, non era la creatura più improbabile a raccogliere l'anello. Ma * Bilbo Baggins * stesso era decisamente la creatura più improbabile di tutta la Terra di Mezzo a raccogliere l'anello.
Adoro l'ultima parte: meccanismo narrativo :-)
Non era improbabile che Bilbo Baggins lo raccogliesse. In effetti, potresti probabilmente dire che tra tutti gli hobbit era il più propenso a capirlo. Se non fosse stato allora Gandalf probabilmente avrebbe scelto qualcun altro per andare con i nani.
@MajorStackings: bel gioco di parole!
@Xantec Intendi il Gandalf che aveva scelto Bilbo appositamente per la sua propensione all'avventura che, quando si era riunito con Bilbo, lo aveva completamente abbandonato? Il Bilbo che era il più basso, il meno esperto, il più spaventoso dell'intera banda di Nani e Maghi? Potrebbe essere stato l'unico Hobbit scelto, ma era certamente l'ultimo che qualcuno si sarebbe aspettato.
Ottima risposta, ma se pensi davvero che l'ultimo paragrafo sia vero, allora penso che tu stia sottovalutando il perfezionismo di Tolkien riguardo alle esatte parole giuste per descrivere qualcosa. L'uomo era un perfezionista quando si trattava di linguaggio, il suo lavoro è stato descritto come letteratura in cui ogni parola è stata attentamente considerata.
#3
+24
Mike Scott
2012-01-24 13:33:03 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché con ogni probabilità non c'era stato uno hobbit nell'estremo oriente delle Montagne Nebbiose da secoli, mentre uomini, nani, elfi e orchi erano tutti ragionevolmente frequenti nell'area.

Questo era il modo in cui l'ho sempre interpretato. Non solo non c'era stato uno Hobbit nell'estremo oriente, ma perché uno Hobbit sarebbe stato nelle profondità dei tunnel dei Goblin? (Oltre a Smeagol, ovviamente.)
#4
+14
Michael Brown
2012-01-24 20:36:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Di tutti coloro che bramavano il suo potere, ciò che lo rende improbabile è che sia caduto nelle mani di chi lo ha trovato come un mezzo per eseguire un bel trucco da salotto.

Tolkien sta evidenziando l'ironia che sarebbe stata una delle razze meno significative (agli occhi degli altri) che avrebbe svolto il ruolo più importante nella sconfitta finale di Lord Sauron.

Mi ricorda in qualche modo lo Specchio di Erised in Harry Potter. Nessun altro poteva ottenere la pietra perché la volevano per quello che poteva fare per loro. Harry voleva solo che la pietra fosse al sicuro ... ovviamente si poteva sempre presumere che sarebbe stato più sicuro se lo specchio avesse tenuto la pietra piuttosto che metterla nella tasca di Harry.

Questo è fare a pezzi, ma penso che nella custodia dello specchio Erised probabilmente l'incantesimo che Silente ha messo sullo specchio abbia fallito più dello specchio. Era impostato per dare la pietra solo a qualcuno che voleva trovarla, ma non usarla, che è un modo di pensare intelligente in stile Dumbledor. La reazione dello specchio ad Harry era basata su quell'incantesimo, non su ciò che voleva di più.
Direi "meno significativo in termini di desiderio di potere", ma in generale sì, la tua lettura corre con la mia.
#5
+5
Nuno Freitas
2012-01-25 01:25:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho sempre interpretato in questo modo.

L'anello è caduto su un tunnel di una montagna infestata da orchi, tunnel che sono stati utilizzati o addirittura costruiti dagli orchi. Quindi che tipo di creatura potrebbe trovarlo.

  • Un orco o un altro servitore di Sauron che potrebbe consegnarlo all'oscuro signore o provare a usarlo per ottenere più potere
  • O un uomo potente o un elfo, o un gruppo di allora, con potere e coraggio sufficienti per dimorare in quel tunnel.

Uno di questi probabilmente userebbe l'anello per il potere e grandi imprese facendo conoscere facilmente la posizione dell'anello al suo padrone. Invece di quello è stato trovato da uno Hobbit, una razza che molti dei potenti non conoscevano o hanno dato abbastanza riconoscimento, e uno che desidera solo evitare conflitti, giace a suo agio nella sua casa ed essere liberato dai dolori che alcuni fastidiosi parenti gli causano .

#6
+2
phil
2012-03-27 04:29:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa frase si riferisce al fatto che l'anello scivolò via, abbandonò Gollum che lo aveva protetto per molti anni perché desiderava tornare dal suo ex maestro Sauron. Lo spirito di Auron era stato trovato vagare nel deserto dal re stregone di Angmar e in quel momento veniva riportato al suo pieno potere nella sua fortezza a Dol Guldir dai suoi servi il Nazgul.

Nelle caverne delle montagne nebbiose abitavano solo creature malvagie come orchi, troll e Balrog. di Morgoth, tutte le creature che probabilmente avrebbero risposto alla chiamata di Mordor e chiunque avesse trovato l'anello l'avrebbe portato a Sauron.

La probabilità che uno Hobbit entrasse in queste montagne era remota e Bilbo era loro proprio in quel momento per trovare l'anello astronomico.

#7
+1
n611x007
2012-11-18 16:26:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Direi che l ' improbabile non dovrebbe riferirsi a ent o bestie (come altri hanno menzionato) per cominciare, perché non sono tra le creature che sono 'probabilmente del tutto' per raccogliere l'anello.

In altre parole, lo hobbit è la creatura più improbabile tra le creature che hanno una sorta di probabilità di prenderlo in mano. Nel senso di Gandalf, quindi, la probabilità non avrebbe nulla a che fare con l'assolutamente (e fisicamente) impossibile.

Il tipo di hobbit era semplicemente trascurato in quanto non importante, ma effettivamente capace.

Aggiungerei che probabilmente l'anello non era molto soddisfatto dei progressi compiuti dal suo ultimo portatore (nascosto in una caverna), e anche il suo ultimo portatore era uno degli hobbit -genere. Ma anche nascondersi nella grotta non è molto hobbit, probabilmente era il risultato della natura degli hobbit e dell'effetto corruzione dell'anello. È molto ragionevole pensare che l'anello non intende , né si aspetta, di finire nelle mani di un altro hobbit .

E poi potresti anche aggiungere, come ha fatto notare zrvan , che la famiglia di Baggins in generale non era molto avventurosa e che Bilbo era rispettabili e probabilmente avevano una morale molto più alta di molti della sua stessa specie.

[...] e la gente li considerava [i Baggins] molto rispettabili, non solo perché la maggior parte di loro era ricca, ma anche perché non hanno mai avuto avventure né fatto nulla di inaspettato: si poteva dire cosa avrebbe detto un Baggins su qualsiasi domanda senza il disturbo di chiederglielo.

#8
+1
arynaq
2014-09-04 23:00:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le altre risposte non hanno menzionato questo fatto:

Attraverso i libri Tolkien sottolinea che l'anello ha una propria "volontà", "progetta" di cadere nelle mani di uomini / elfi / orchi, che può facilmente corrompere.

Cadere nelle mani di uno hobbit non rientra in questo. È quindi improbabile dal punto di vista del ring.

#9
-3
Michael
2012-01-25 01:19:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Devi capire che JRR Tolken era un cristiano e ha scritto questo come un'allegoria di Cristo e della Chiesa. Quindi, essendo gli Hobbit la creatura più improbabile a sopportare il fardello, è una rappresentazione di Cristo, il personaggio meno propenso a fare un cambiamento sociale - era nato nel "ghetto" del mondo e non aveva nemmeno una "giornata di lavoro" in denaro quando ha chiesto informazioni sulla tassazione. Non puoi capire Bilbo senza capire Cristo.

err ... non puoi capire il ruolo di Froto senza prima capire Cristo.
Credo che bilbo rappresenti il ​​"Primo Adamo" che è bene .. Adamo, colui che portò la morte nel mondo dove come Froto, (Gesù) prese il fardello e gettò l'anello (la morte) nel Monte. Doom (Il lago di fuoco).
Deve essere un troll. Il personaggio a cui stai pensando è "Frodo", e non era ne Lo Hobbit - non era nemmeno ancora nato. Lo Hobbit parla di Bilbo, suo zio. Inoltre, Tolkien non amava esplicitamente l'allegoria e negava che SdA fosse allegorico in qualsiasi senso: http://verdevivoverdechiaro.blogspot.com/2008/03/tolkien-allegory-and-applicability.html
Sì, ha menzionato qualsiasi allegoria della Seconda Guerra Mondiale che sia casuale nella sua prefazione. Un post divertente, comunque.
E sembra che tu stia confondendo J.R.R. per il suo amico, C.S. Lewis, che ha scritto i libri di Narnia, che a loro volta * sono * allegorie cristiane dalla mano pesante.
@WillihamTotland: Entrambi hanno scritto romanzi che erano fermamente basati su ideali cristiani. C.S. Lewish ha scritto romanzi che erano più chiaramente e direttamente collegati al cristianesimo. Ma l'intera mitologia di Tolkein della Terra di Mezzo e la mitologia della serie "Out of the Silent Planet" di C.S. Lewis hanno una forte somiglianza l'una con l'altra. Non è affatto irragionevole iniziare a cercare parallelismi tra i romanzi di LOTR (e Lo Hobbit) e la mitologia cristiana.
@Omnifarious: Data l'intensa presa di posizione anti-allegorica di JRR, è davvero così.
@WillihamTotland: E un'altra citazione di Tolkien: _Un autore non può ovviamente rimanere del tutto indifferente alla sua esperienza, ma i modi in cui un germe della storia usa il suolo dell'esperienza sono estremamente complessi, e i tentativi di definire il processo sono nella migliore delle ipotesi da prove che è inadeguato e ambiguo. - Cercare paralleli non è irragionevole. Anche se sono d'accordo che la scelta della parola "allegoria" da parte dell'OP è infelice e non del tutto appropriata.
@Omnifarious: Rileggi quella citazione. Penso che scoprirai che supporta la mia posizione e sconfigge la tua.
@WillihamTotland: _shrug_ Pensa quello che ti piace. Penso che l'OP stia semplicemente facendo la migliore ipotesi da prove che sono inadeguate e ambigue, ma non valide o irragionevoli.
@Plutor - lo dice nel suo primo commento. Modifica il post per mostrarlo.
Voto positivo. Il debole che diventa forte - quella forza apparente non è tutto - * è * fondamentalmente un concetto cristiano. Confronta il cristianesimo con il concetto di mascolinità norvegese (vichingo) se hai bisogno di contrasto. Penso che Tolkien l'avrebbe trovato molto ... * applicabile. *


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...