Domanda:
Da dove viene l'idea "Memorie trasferite attraverso il DNA" usata in Assassin's Creed?
Gabe Willard
2012-05-01 01:41:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nella serie Assassin's Creed , uno dei principali espedienti della trama prevede l'utilizzo di una macchina per esplorare i ricordi degli antenati del personaggio principale. La teoria alla base è che il tuo DNA immagazzina tutti i ricordi dei tuoi antenati al suo interno e, attingendoli con la macchina dell'Animus, puoi riviverli di nuovo. Il dottor Warren Vidic, uno degli scienziati che hanno sviluppato l'Animus, spiega che è come l'abilità istintiva di un animale di sapere dove migrare o come cacciare il cibo, senza che gli venga insegnato. La conoscenza, attraverso i ricordi dei loro antenati, è immagazzinata nel loro DNA.

Questo concetto è originale di Assassin's Creed o è apparso in precedenza in un'opera di fantascienza / fantasy? Qual è la storia dell'idea?

La mia ipotesi è che una ricerca su Google per "dna" e "memoria" porta in primo piano uno degli articoli di Wikipedia sulla memoria genetica ([The biology one] (http://en.wikipedia.org/wiki/Genetic_memory_ (biology))) . Non ha una cronologia, ma è semplice passare alla pagina [disambiguazione] (http://en.wikipedia.org/wiki/Genetic_memory) e alla pagina [Memoria genetica (psicologia)] (http: // en. wikipedia.org/wiki/Genetic_memory_(psychology)) _does_ ha una storia. Questa è una domanda limite di "riferimento generale", poiché l'ovvia pagina di Wikipedia non ha una cronologia, ma è facilmente reperibile.
È ridicolo giudicare un riferimento generale di una domanda dalla facilità di trovarlo su Google, sarà diverso per tutti coloro che cercano di trovarlo.
FWIW, ho dovuto fare molte ricerche per ottenere la mia risposta, non era solo una semplice ricerca.
Anche la nozione di inconsapevolezza collettiva ha sfumature di questo, quindi qualsiasi storia che tratta un concetto di mente alveare potrebbe anche rientrare nell'idea della memoria genetica.
Otto risposte:
#1
+32
Nathan C. Tresch
2012-05-01 02:24:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'idea di una memoria genetica o razziale è molto antica. Il primo riferimento letterario ad esso che posso trovare nella narrativa è da J. RR Tolkien, che esplora l'idea di una memoria di razza linguistica in The Lost Road e The Notion Club Papers, e specula sul mondo reale in Inglese e gallese. In precedenza, Carl Jung ne parla in modo molto dettagliato in Psicologia dell'inconscio, che è un libro di psicologia. Anche prima, Jean-Baptiste Lamarck ha offerto una teoria che è diventata nota come lamarckismo, secondo la quale gli organismi si trasmettono memorie a vicenda.

Nell'antichità , i vichinghi credevano di avere anche i ricordi dei loro antenati, ma al contrario: pensavano di essere stati in grado di influenzare la loro prole dopo che erano morti. Essenzialmente sono la stessa cosa, solo che hanno attribuito l'effetto a una causa soprannaturale e non a RNA o Memoria. Il risultato è che la loro prole avrebbe accesso ai propri ricordi, la stessa condizione che risulterebbe da una qualsiasi delle teorie di cui sopra, nonostante il meccanismo superstizioso e l'essenziale capovolgimento di punto di vista.

+1 per Lamarckism e Tolkien, e nel complesso ottima risposta.
#2
+9
DVK-on-Ahch-To
2012-05-06 07:20:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il concetto non è assolutamente originale, sia nella narrativa che nella scienza attuale.

Nella narrativa, risale almeno alla memoria ancestrale di Bene Gesserit in Dune (1965 ) (anche se la risposta di Nathan lo riporta ancora di più, a Tolkien!).

Nella scienza, l'idea è vecchia quanto il Lamarckismo menzionato da Nathan e attraverso la moderna memoria epigenetica tramite meiosi.

#3
+6
user14111
2017-03-12 12:45:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

1935: "Seeds from Space", un romanzo di Laurence Manning; pubblicato per la prima volta in Wonder Stories , giugno 1935, disponibile presso l ' Internet Archive; ristampato in Famous Science Fiction , primavera 1967, disponibile anche su Internet Archive; forse la prima storia di una razza aliena (di alberi intelligenti in questo caso) in cui ogni individuo inizia la vita con tutti i ricordi dei suoi antenati. Da p. 16, una conversazione tra un terrestre e una creatura albero:

"Le creature albero lo guardarono per un momento in sobrio silenzio." Non sapevi nemmeno di che cibo vivano gli alberi ", ha suggerito il Babbler. Sembri intelligente, ma stranamente in uniforme. "

" "Ah, ma non sono un botanico", rispose Blenkins. 'Questa è l'era della specializzazione. Un uomo conosce un solo argomento. "

" "Ma i tuoi antenati, almeno alcuni di loro, dovevano conoscere la botanica."

"" Cosa c'entra questo con me? "
"'Naturalmente hai tutta la conoscenza e l'esperienza dei tuoi antenati immagazzinata nella tua mente.'

" 'Sciocchezze! Chi ha mai sentito parlare di una cosa del genere! esclamò Blenkins.

"" Non capisco. Non hai sentito le mie parole? "

" "Voglio dire, ciò che i nostri antenati sapevano è morto con loro."

"'È straordinario! Devi imparare di nuovo tutti i tuoi fatti ogni volta che nasce un bambino?'

" 'Perché, naturalmente! In quale altro modo si può imparare? "

" "Tra noi", osservò con calma Shorty, "emergiamo dal seme con un ricordo preciso di ogni pensiero che sia mai passato per la mente dei nostri antenati. Ora capisco, tuttavia, il motivo per cui hai così tanti libri. È per preservare i pensieri di una generazione in modo che quella successiva possa impararli rapidamente. "

#4
+5
user14111
2017-03-12 13:59:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

1928: "Unlocking the Past", un racconto di David H. Keller, MD, pubblicato su Amazing Stories , settembre 1928 (disponibile presso l ' Internet Archive) e apparentemente mai ristampato, è un primo esempio del tipo di storia secondo cui gli esseri umani hanno ricordi ancestrali che sono inconsci fino a quando il personaggio dello scienziato pazzo inventa un modo per risvegliarli. Ecco un estratto dalla recensione di Everett F. Bleiler in Science-Fiction: The Gernsback Years :

Il professore fa loro un'offerta. Come lui lo spiega: la memoria ancestrale è stata dimostrata molte volte; infatti, i primi suoni che fanno i bambini non sono rumori casuali, ma parole di lingue antiche pronunciate dai loro antenati. Se si potesse studiare un bambino che avesse una memoria perfetta delle vite dei suoi antenati, invece di minuscoli frammenti, rivoluzionerebbe la storia. E un tale studio è possibile con la scoperta del professore di un processo per risvegliare tali ricordi nelle aree "vuote" del cervello. Il processo si basa sul gas radio-arcturio passato attraverso il neon. Il professore offre venticinquemila dollari all'anno in perpetuo a Robert per l'uso di Angelica.

Nonostante i dubbi, i genitori finalmente acconsentono. La bambina si sottopone al trattamento, ma quella sera sveglia Anise, parlando sapientemente di eventi passati, rivelando gradualmente l'orrore del ricordo di cose passate. Angelica è contenta che ai suoi genitori siano stati risparmiati tali terrori.

Ma poi Anise si sveglia; era tutto un sogno, ma un sogno veritiero che induce entrambi i genitori a rifiutare l'offerta del professore. Lotteranno come prima, senza sottoporre il loro bambino a tale dolore.

#5
+3
dmckee --- ex-moderator kitten
2012-05-01 02:04:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il vettore è solitamente l'RNA.

Il primo esempio che mi viene in mente è il racconto di Larry Niven "The Fourth Profession" del 1972 "Rammer" del 1971, ma credo che il tropo sia più vecchio di quello.

#6
+1
M. A. Golding
2017-03-27 03:40:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ecco un altro dei primi esempi di memoria ancestrale nella fantascienza.

Nella serie Lensman di EE Smith gli Eddoriani si riprodurrebbero per fissione e ogni nuovo corpo avrebbe tutti i ricordi del "genitore". Questa è una sorta di memoria ancestrale ereditaria, anche se non conosco alcun dettaglio di come avrebbe dovuto funzionare.

Erano asessuali: asessuati fino a un certo punto non avvicinati da alcuna forma di vita tellurica superiore ai lieviti. Non erano semplicemente ermafroditi, né androgini, né partenogenetici. Erano completamente senza sesso. Erano anche, a tutti gli effetti e ad eccezione della morte per violenza, immortali. Per ogni eddoriano, mentre la sua mente si avvicinava alla stagnazione della saturazione dopo una vita di milioni di anni, semplicemente divisa in due nuovi-vecchi esseri. Nuovo in capacità e gusto; vecchio per capacità e potere, poiché ciascuno dei due "figli" possedeva in toto le conoscenze e i ricordi del loro unico "genitore".

http: // www. gutenberg.org/files/32706/32706-h/32706-h.htm#CHAPTER_17[1]

Per gran parte del Lensman il secondo eddoriano più alto è Gharlane.

Gharlane viene ucciso nell'era di Kimball Kinnison. Ha cercato nei suoi ricordi ancestrali una memoria soppressa durante l'era del Triplanetario , centinaia o migliaia di anni prima. L'era del triplanetario è quando la Terra si è ripresa da una devastante guerra atomica centinaia di anni prima.

in First Lensman Gharlane si dice che abbia attivato forme umane di carne per creare problemi e frenare lo sviluppo della Terra. Includono il Tiranno d'Asia (forse responsabile della terza guerra mondiale), Hitler (1889-1945), Mussolini (1883-1945), Kaiser Wilhelm II (1859-1941), Gengis Khan (c.1162-1127), Attila ( c. 406-453), Menocopte d'Egitto, Alcixerxes of Greece (possibilmente Alcibiades c.450-404 BC), Silla (138-78 BC), Marius (157-86 BC), Mitridates of Pontus (135-63 BC) e Annibale di Cartagine (247-183 / 181 a.C.).

Quindi le attività di Gharlane sembrano essere distribuite su almeno 2.000 o 3.000 anni.

In effetti il ​​primo incarico di Gharlane a incasinare lo sviluppo della Terra è nell'era di Atlantide migliaia di anni prima della Repubblica Romana!

Capitolo 2 "La caduta di Atlantide"

Quindi questo rende il raggio di attività di Gharlane sulla Terra più vicino a 10.000 anni e forse molto di più.

E perché la durata della vita adulta di Gharlane è importante come la seconda più alta di Eddore?

Credo che nella versione rivista di Triplanetary pubblicata per la prima volta nel 1948 , Gharlane si rende conto che i suoi ricordi del primo incontro con gli arisiani sono stati soppressi. Cerca di trovare e scoprire i ricordi soppressi dell'incontro, tornando vita dopo vita dopo vita dei suoi antenati, tornando indietro attraverso i ricordi di molti antenati a due miliardi (2.000.000.000) di anni fa, quando si stavano formando i pianeti del sistema solare terrestre.

La mia memoria sta leggendo che Gharlane ha cercato nei ricordi di milioni di suoi antenati.

Se ci fossero almeno due milioni di antenati in 2.000.000.000 di anni, la durata media della vita eddoriana sarebbe inferiore a 1.000 anni che non sono coerenti con la lunga durata di vita attribuita agli eddoriani. Se ci fossero almeno due milioni di durate di vita nei 4.500.000.000 di anni dalla data attualmente accettata per la formazione della Terra, la durata media della vita degli antenati di Gharlane sarebbe inferiore a 2.250 anni.

Sospetto che E.E. Smith abbia momentaneamente dimenticato che gli eddoriani hanno un genitore ciascuno, non due. Quindi un essere umano ha 1.024 antenati nella decima generazione e 1.048.576 antenati nella ventesima generazione. 21 o più generazioni darebbero a un essere di genere almeno 2.097.152 antenati nella 21a generazione. Quindi, cercare ricordi di milioni di antenati, coprendo tutti i membri di 21 o più generazioni, farebbe una media di meno di 95.238.095 anni per generazione. Ciò potrebbe certamente rendere la durata media della vita eddoriana abbastanza lunga.

Ma poiché gli eddoriani hanno un solo genitore ciascuno, almeno due milioni (2.000.000) di antenati in due miliardi (2.000.000.000) di anni danno una generazione media inferiore a 1.000 anni.

Forse per un miliardo di EE Smith significava un miliardo sulla scala lunga, da 10 alla dodicesima potenza o 1.000.000.000.000 - quello che di solito viene chiamato un trilione - invece di un miliardo sulla scala corta, 10 alla 9a potenza, o 1.000.000.000. Ciò renderebbe la durata media della vita eddoriana un milione (1.000.000) di anni o meno, abbastanza a lungo.

Oppure, se cambiamo i due miliardi (2.000.000.000) di anni di Smith in circa quattro miliardi e mezzo (4.500.000.000) di anni, l'età corretta del nostro sistema solare, che rende la vita media eddoriana di 2.250 anni o meno, che si avvicina all'essere adeguata.

https://en.wikipedia.org/wiki/Billion [ 2]

O forse Gharlane non sapeva quando accadde l'evento soppresso e cercò il più lontano possibile nei ricordi di tutti i suoi antenati. Forse la durata media della vita eddoriana è di 10.000 anni e Gharlane ha cercato oltre 2.000.000 di generazioni indietro per oltre 20.000.000.0000 anni prima di trovare la memoria soppressa solo 2.000.000.000 di anni prima. O forse la generazione media eddoriana è di 100.000 anni e Gharlane ha cercato i suoi ricordi ancestrali per oltre 2.000.000 di generazioni e più di 200.000.000.000 di anni prima di trovare la memoria soppressa solo 2.000.000.000 di anni prima.

Oggi (26 marzo 20017) ho cercato nel Project Gutenberg E Book of Triplanetary e ho trovato nel capitolo 17 "Roger Carries On" la descrizione di Gharlane che cerca i suoi ricordi ancestrali.

Avanti e indietro è andato nella mente di Gharlane. Secoli ... millenni ... cicli ... eoni. La traccia si fece offuscata, quasi impercettibile, profondamente sepolta sotto strati su strati di accumuli di conoscenza, esperienza e sensazione che nessuno delle centinaia di suoi antenati aveva neppure disturbato. Ma ogni briciola di conoscenza che uno dei suoi progenitori aveva mai avuto era ancora sua. Per quanto oscuro, per quanto profondamente sepolto, per quanto soppresso e camuffato dalla forza nemica, ora poteva trovarlo.

http://www.gutenberg.org/files/32706/32706 -h / 32706-h.htm # CHAPTER_17 [1]

Quindi questo indica che Gharlane era solo "molte centinaia" di generazioni dopo il suo antenato 2.000.000.000 di anni fa. Se assumiamo che "molte centinaia" siano comprese tra cinquecentoduemila generazioni, la durata media di una generazione eddoriana dovrebbe essere compresa tra 1.000.000 e 4.000.000 di anni. Se l'intervallo di tempo fosse i 4.500.000.000 di anni che si ritiene siano l'età effettiva del sistema solare invece di 2.000.000.000 di anni, la durata media di una vita eddoriana sarebbe compresa tra 2.250.000 e 9.000.000 di anni.

Quindi, se tutto versioni di quella scena in tutte le edizioni di Triplanetary dicono che "molte centinaia" di antenati invece di milioni, la durata della vita eddoriana può essere abbastanza lunga perché le attività di Gharlane in almeno diecimila anni siano una breve fase della sua vita. E la durata media della vita dell'antenato di Gharlane può concordare con i milioni di anni di vita non specificati menzionati nel capitolo uno di Triplanetary .

#7
  0
JohnWinkelman
2014-11-23 23:41:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo la parte della tua domanda in cui si chiede dove sia apparsa questa idea: il libro di Piers Anthony del 1970 Orn contiene un uccello preistorico intelligente con memoria razziale / genetica.

#8
  0
user14111
2019-12-18 12:19:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

1926: "La città dei ragni", un romanzo di H. Warner Munn in Weird Tales , novembre 1926, disponibile su Internet Archive. Si tratta di una comunità di ragni giganti telepatici nascosti nelle giungle del Sud America. Hanno ricordi di un'epoca preistorica in cui governavano il mondo e tenevano gli umani come schiavi e bestiame, ricordi che proiettano come visioni nella mente di un umano prigioniero che alla fine scappa per raccontare la storia. L'argomento della memoria ancestrale è discusso solo brevemente nel passaggio citato di seguito.

"Mi trovai di nuovo davanti al re ragno, attraverso la cui memoria avevo cercato nel passato, poiché attraverso presente. Il sangue iniziò a circolare attraverso le mie membra intorpidite, formicolando come mille aghi. Mi sentivo come se avessi viaggiato lontano.

"Le mie guardie mi portarono nella prigione, si lasciarono cadere su una spalla di cervo e mi ha lasciato da solo. Caddi sulla carne cruda, divorandola a grandi bocconi, e saziando voracemente la mia fame cercai di immaginare le ragioni che portarono il re a conoscere il mondo esterno ea regalarmi, a sua volta, scorci del passato.

"Chiaramente, questo era il suo metodo per raccontare la storia del suo popolo, ma perché preoccuparsi? Perché non uccidermi come aveva fatto con i nativi? Potevo solo decidere che ero riservato per una guida a il mondo esterno! Avevano assaporato il sapore del mio sangue!

"Riflettendo sulle visioni, ho riconosciuto il canto delle persone color ottone come una citazione da una delle poesie di Baudelaire, ma nell'epoca in cui quegli esseri combattevano i ragni, sarebbero trascorsi periodi di tempo impensabili prima che gli uomini iniziassero a sognare la brina. Alla fine giunsi alla conclusione che se avessi visto una visione e fatto una promessa, l'impressione che le voci suppliche avessero voluto trasmettermi colpì una corda nel mio subconscio mente che quasi eguagliava quel verso inquietante, così che in semi-stupore immaginavo che cantassero con le parole del poeta francese. Continuo a credere che la mia teoria sia corretta, ma spesso mi chiedo cosa facessero diciamo? La visione era molto reale!

"Ho deciso che ogni episodio si svolgeva nella vita di un ragno diverso e, dalla chiarezza di ogni visione, sembrerebbe indicare che il Spider King ha ricordato gli incidenti nelle sue varie reincarnazioni, o che manca la parola scritta per preservare la storia, questo r asso aveva sviluppato la capacità di memorizzare i fatti nelle loro cellule cerebrali che sono stati trasmessi da una generazione all'altra come attributi fisici a volte sono con gli uomini.

"In tutti questi scorci, ho visto ragno; Ho pensato come un ragno; Consideravo gli uomini come bestie da soma, create per il benessere del popolo ragno, una razza miserabile impura, ma necessaria per i nostri schiavi.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...