Domanda:
Arroway stava sognando o era andata a Vega (nel film Contact)?
William Edwards
2015-01-07 21:50:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel film Contact , dopo aver costruito la gigantesca macchina a Hokkaido, Arroway "viaggia" fino a Vega, atterrando sulla spiaggia dove si trova suo padre.

Tuttavia, la capsula mai lasciato la terra. Non è chiaro se Arroway abbia fatto un sogno o se sia realmente accaduto (poiché sono state registrate 18 ore di rumore, ovvero 1 secondo sulla terra).

Arroway ha fatto un sogno o era reale ?

Penso che "non è chiaro" sia l'intenzione. Tuttavia, sembra abbastanza chiaro che * qualcosa * sia successo, data la registrazione di 18 ore.
Penso che sia stato lasciato intenzionalmente aperto alla speculazione. Il mio pensiero personale era che fosse successo, ma la macchina l'ha rimandata al momento in cui se n'è andata. Una specie di aspetto del viaggio nel tempo. Non c'è una base REALE per questo, a parte il fatto che SAI di essere andata via e le 18 ore di rumore registrato. Qualsiasi risposta qui sarebbe davvero una speculazione.
@Rocket Ciao, grazie! Cordiali saluti, sono solo nuovo in Science Fiction & Fantasy, sono membro di altri siti Web StackExchange da molto tempo;)
Dovrebbe essere intenzionalmente vago, ma è chiaro che * qualcosa * è accaduto extra-terrestre, date le 18 ore di riprese catturate in un secondo - un'impresa non possibile sulla Terra. La cosa più fastidiosa di Contact è la reazione irrealistica dei funzionari alla fine. Non ha senso che si arrabbino con lei. Ha fatto il suo lavoro, ha riferito quello che ha visto, ecco tutto. Arrabbiarsi con lei era molto irrealistico: ci sono molti piloti della NASA che hanno riferito di aver visto cose strane, nessuno si è arrabbiato con loro per averle viste, hanno solo cercato spiegazioni probabili.
@Rocket Fare riferimento a [questo] (http://meta.scifi.stackexchange.com/questions/1384/how-should-we-reach-out-to-new-users).
@Django - Bene, quello che ha visto era l'intero * punto * della missione, ed è molto diverso dal riportare qualcosa di strano ma non correlato. Se mandassimo gli uomini sulla luna, e tornassero sostenendo che era davvero fatto di formaggio, senza avere effettivamente un pezzo in mano mentre scendevano dal baccello, avrebbe avuto una reazione simile.
Penso che [la terza legge di Clarke] (http://en.wikipedia.org/wiki/Clarke%27s_three_laws) sia rilevante.
La destinazione di Arroway non era in realtà Vega, era solo un punto di passaggio per la sua destinazione finale.
Leggi il [libro] (https://www.amazon.com/Contact-Carl-Sagan/dp/0671004107), se vuoi sapere di più se ci fossero prove concrete o meno dell'intelligenza extraterrestre dopo che Ellie è tornata ""dalla spiaggia ...
Anche se Ellie non ha potuto provare oltre ogni dubbio le sue esperienze personali, c'è un modo semplice per dimostrare che il segnale era reale.Parallax, come spiegato in questa risposta.http://scifi.stackexchange.com/questions/96709/why-couldnt-ellies-experience-be-corroborated/153912#153912
Otto risposte:
#1
+34
Lightness Races in Orbit
2015-01-08 00:55:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il punto centrale del film è che non lo sappiamo, dal momento che non c'erano prove. Se vuoi credere che sia andata a Vega (e oltre), allora devi fare affidamento sulla fede. Questo è ciò di cui parlava il film.

Personalmente ho deciso di credere che il viaggio di Ellie fosse reale. Le righe finali del film suggeriscono che questa era l'intenzione, con l'ufficiale governativo che ammette che, sebbene la telecamera di Ellie abbia registrato solo statiche, ha registrato statiche per la durata che ha affermato di essere in viaggio; piuttosto che per gli zero secondi soggettivi che il suo ipotetico sogno sarebbe durato dal punto di vista di tutti gli altri.

Non so se direi che non c'era "nessuna prova" - ci sono prove di * qualcosa *. Ci sono le molte ore di registrazione di elettricità statica, ad esempio, che dici - questa è una prova (coerente con la sua storia, non coerente con "non è successo niente"), è solo che la sua spiegazione potrebbe non essere necessariamente la più semplice possibile.
@Glen_b: Le molte ore di registrazione dell'elettricità statica non dimostrano che sia andata da nessuna parte o che abbia sperimentato qualcosa o parlato con nessuno, nonostante sostenga in modo circostanziato le sue affermazioni. Prova che la macchina non l'ha letteralmente mandata dritta attraverso gli anelli senza alcun effetto di sorta? Probabilmente.
Questo è il motivo per cui l'ho espresso come "prova di qualcosa"; se chiarisci "nessuna prova" nella tua risposta (dì "* nessuna prova che sia effettivamente andata da nessuna parte *", per esempio), ammetterò felicemente il punto.
@Glen_b: La domanda chiede "è andata da qualche parte". La mia risposta dice "non ci sono prove". Penso che sia abbastanza chiaro che questo significa "non ci sono prove _di questo_". Non stavo suggerendo che non ci siano prove che, ad esempio, i Rice Krispies esistano in Mozambico.
Mi riferisco alla domanda in grassetto nel post originale; "Arroway aveva un sogno o era reale?" - qualcosa di "reale" sarebbe coerente con l'evidenza che esiste, e un sogno no (dal momento che "un sogno" - e per giunta istantaneo - non produce ore di staticità). La cosa reale potrebbe non essere identica alla sua comprensione, però.
@Glen_b: Non è così semplice, come spiega Radhil nella sua risposta.
#2
+31
MackTuesday
2015-01-08 00:07:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non so se questo aiuta, ma qualcosa di simile accade nel libro: osservatori esterni vedono la Macchina girare, poi immediatamente rallentare. Tuttavia i viaggiatori (nel libro c'è una squadra di cinque persone) hanno un viaggio fantastico e condividono tutti la stessa esperienza. L'Essere Arroway parla con lei racconta di un messaggio nascosto nelle cifre di pi greco, che sarebbe sembrare impossibile a chiunque esperto in matematica. Tuttavia, quando torna a casa, trova davvero un messaggio del genere dopo un gran numero di scricchiolii.

Quindi nel libro , l'esperienza era probabilmente reale.

Onestamente questo finale è in realtà più stupido di quello che hanno usato nel film, e questo sta dicendo qualcosa.
Ho pensato che fosse fantastico. Era un esempio di qualcosa che la civiltà dell'Essere considerava "numinosa". Il punto era concludere con una nota che parlava di verità ancora più grandi e fantastiche che aspettavano di essere conosciute.
Nah, era solo una scappatoia.
Poiché pi è "normale" (il termine matematico), contiene tutti i messaggi possibili.
Ma puoi misurare la probabilità statistica di una data sottosequenza, ed è esattamente ciò che stava facendo Arroway. Il messaggio che ha trovato era così improbabile, anche per una sequenza normale, che essenzialmente non poteva essere il risultato del caso.
Non lo capisco. Poiché ogni possibile messaggio a cui potresti pensare, più ogni possibile messaggio a cui non penseresti mai, più anche ogni messaggio impossibile è contenuto in π, la probabilità che ogni messaggio appaia è esattamente 1, non è vero? Perché qualcuno dovrebbe essere sorpreso da questo?
@Plutor et al: pi è così: http://hyperdiscordia.crywalt.com/library_of_babel.html
@Plutor Pi è ** ipotizzato ** normale. Niente del genere è stato ** dimostrato **.
@JörgWMittag Si ritiene (non noto) che qualsiasi messaggio a cui puoi pensare sia ** da qualche parte ** in pi greco. Il miracolo è trovare il messaggio nel primo sestilione (o qualunque cosa fosse nel libro) cifre. È come una scimmia alla tastiera; ti aspetti che digiti le opere complete di Shakespeare [** eventualmente **] (http://www.isfdb.org/cgi-bin/title.cgi?58333) ma rimarrai piuttosto sorpreso che accada nel la prima settimana.
@JörgWMittag - Inoltre, se cerchi un messaggio in un luogo specifico e lo trovi, è molto più significativo che cercare messaggi ovunque ed esclamare quando ne trovi uno.
@user14111 Il punto nel libro quando l'ho letto è che la creazione è stata fatta in modo tale che il messaggio fosse parte di pi ... non è che pi è stato manipolato per avere un messaggio, ma il messaggio è inerente al numero al momento della creazione.
@user14111 Stiamo discutendo sull'intento del lavoro di Sagan o sulla logica che c'è dietro? Pensavo stessimo parlando del primo ...
@user14111 Non ho letto il libro, ma è possibile che la decodifica del messaggio in pi dipenda dalla lingua in cui viene decodificato? In quel caso, si potrebbe sostenere che un creatore ha guidato lo sviluppo di quel linguaggio al punto in cui il messaggio è stato scoperto, quindi sarebbe stato lì.
Ma il fatto che * sembra * completamente impossibile è il punto. Queste persone sono coinvolte in progetti di ingegneria a livello galattico, milioni di anni avanti rispetto a noi tecnologicamente, potrebbero anche essere dei dal nostro punto di vista, ma c'è ancora qualcosa che li sbalordisce e li umilia.
Sono d'accordo di tutto cuore con le risposte di MackTuesday e LightnessRacesInOrbit, che hanno scritto esattamente la risposta a cui stavo per.Il libro e il film avevano un'enfasi diversa sul significato della storia.Sagan non voleva scrivere un libro che mettesse i viaggi interstellari e la comunicazione con altre forme di vita alla pari con la religione (secondo me).L'atteggiamento di Sagan nei confronti della religione non era così combattivo come quello di Dawkins, ma si è impegnato a separare la scienza dalla superstizione -esp.nel suo libro "il mondo infestato dai demoni".Sagan è stato determinante nel progetto del film, ma non è sopravvissuto ...?
#3
+13
Radhil
2015-01-07 23:34:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo è lasciato interamente all'interpretazione degli spettatori (come sottolineato da KSmarts nei commenti).

Il massimo che può essere dimostrato con prove fisiche è che la macchina ha decisamente dilatato il tempo al suo interno, poiché la registrazione statica ha dimostrato. Dal momento che non sono emerse altre prove che hanno mai mostrato la scomparsa del pod, a parte il più breve mezzo secondo quando gli anelli lo hanno oscurato, se ti affidi solo a prove verificabili è tutto ciò che puoi portare via. Anche il danno alla sedia all'interno del pod può essere attribuito solo alla dilatazione spazio-temporale. Ellie ammette altrettanto, che è possibile che non sia successo niente durante l'udienza.

Se permetti che la memoria di Ellie sia accurata, è molto probabile che abbia viaggiato. I dettagli che ha raccolto durante il suo viaggio non sono voli di fantasia che ha avuto prima. Un baccello metallico completamente contenuto che diventa traslucido non è qualcosa che probabilmente inventerà. Né in tutta la sua storia ha avuto il tipo di risposta emotiva che aveva nel vedere semplicemente la bellezza nello spazio che aveva (ammesso che fosse una persona molto motivata, e quindi era aperta ad essa).

Inoltre, nulla elimina entrambi gli scenari. La meccanica del pod che diventa traslucida non viene applicata a nessuna scienza conosciuta, ma solo al potenziale del viaggio nel tunnel spaziale, e nel film si presume che sia solo un contenitore. È del tutto possibile che l'unica cosa che ha fatto il viaggio sia stata la mente di Ellie, la capsula che fungeva da conduttore o condotto mentale, fornendo tutte le immagini a cui ha assistito. Attraverso la connessione wormhole, questo potrebbe consentire all'altra razza di accedere alla sua mente e organizzare uno scenario che le consentirebbe di comunicare. Anche se non compri quello scenario, gli alieni che accedono ai suoi ricordi implicano che potrebbero fare più o meno quello che volevano con loro, e tutto ciò potrebbe essere impiantato retroattivamente per dire ... beh, qualunque cosa volessero che Ellie passasse. il resto dell'umanità.

Il dibattito più ovvio che il film ha in sé è la pressione tra la scienza basata sull'evidenza e la fede basata sull'emotività. Non risponde mai intenzionalmente a questa domanda, ai suoi personaggi o ai suoi spettatori. Quindi, come affermato, dipende da te.

@user14111 - L'unico motivo per mettere in discussione la testimonianza di Ellie è che non aveva prove fisiche a sostegno. Ci è stato mostrato ciò che ha visto. Sto semplicemente applicando la logica alla base dell'interrogare ciò a cui ha assistito nello stesso modo a ciò a cui abbiamo assistito nel film. Altrimenti mettere in discussione il viaggio non ha senso, e la domanda iniziale è inutile, e l'unica risposta sarebbe "abbiamo visto il viaggio, quindi è andata". Se pensi che sia valido, vai avanti e mettilo su.
"Ci sono convenzioni per rappresentare un sogno, e non sono state seguite". Le convenzioni non sono regole. L'inizio avviene in gran parte (forse quasi tutti) nei sogni e nessuna delle convenzioni viene seguita. Ma è un punto controverso - i paesaggi e le immagini di Vega sono stati realizzati in CG - e sono molto onirici, segnandolo drasticamente diverso da quello che sappiamo * non * era un sogno.
Sebbene mi piaccia molto questa risposta, la durata del filmato statico sulla telecamera di Ellie sembrerebbe precludere un trasferimento solo mentale e implicare fortemente un viaggio fisico che ha anche portato lei (e la sua telecamera) fuori dal normale flusso del tempo.
@Lightness - Penso che entrambi siano compatibili, ma punto preso.
@Rahil: In che modo? La telecamera non fa parte della sua psiche.
@Lightness - Se gli anelli si dilatano nel tempo e generano un wormhole (molto piccolo) e il pod funge da collegamento mentale, possono verificarsi entrambi. Detto questo, questo scenario mi è venuto in mente principalmente per coprire una sottile incoerenza nelle prove - mentre Ellie ha visto la capsula passare la luce anche prima di entrare, nessuna telecamera all'interno o all'esterno della capsula ha visto qualcosa di simile.
@Radhil: Oh, giusto, sì, suppongo che sarebbe possibile se la telecamera registrasse letteralmente statiche durante un periodo di dilatazione temporale localizzata, piuttosto che essere cancellata alla fine di un vero viaggio fisico.
Non ci sono prove (almeno nel film; non ho letto il libro) che le 18 ore di elettricità statica registrate sulla telecamera non fossero già presenti sulla telecamera quando Hadden gliel'ha data!
@MrLister:, soprattutto se Derren Brown è stato legato per garantire che il tempo soggettivo che ha riportato corrispondesse al periodo predeterminato di statica sulla fotocamera ;-)
#4
+11
Avi Chapman
2015-01-08 04:57:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel libro c'erano molte prove. C'era molta usura sul baccello e ha riportato un souvenir: una fronda di palma. Per non parlare dell'esperienza condivisa di cinque persone. Le persone che cercavano di screditarla dovevano arrivare molto lontano per cercare di costruire uno scenario alternativo plausibile per spiegare quelle cose. Ci hanno provato comunque perché ... beh, questa è solo politica.

C'è anche l'usura della capsula del film.In qualche modo, la sedia è stata strappata.Non è davvero plausibile che ciò sia stato causato dal calo che ha causato solo lievi ferite ad Arroway.
#5
+3
user235978
2015-11-02 02:30:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le 18 ore di registrazione statica sono ciò che ti danno i film in quanto è un modo per dire, sì, è successo davvero. Ma ancora una volta, è altrettanto aperto alla discussione quanto la scena più importante alla fine di Inception.

IMO, l'unico omaggio nel film che non viene mai discusso è il fatto che era fuori dalla sua sedia quando l'IPV è arrivato. Se ricordi l'inizio quando è salita per la prima volta sulla sedia, è stata fissata alla sedia con serrature magnetiche sulla schiena per tenerla ferma. Se l'IPV è passato davvero attraverso la macchina in pochi secondi da quando è stato lasciato cadere come pensavano gli osservatori, allora come ha fatto ad alzarsi dalla sedia così velocemente e finire a sdraiarsi sul pavimento? Dal momento che ha colpito sia la rete di sicurezza che l'acqua, penseresti che quella sedia sarebbe stata abbastanza forte da tenerla ferma. Destra?

Ma nella sua sequenza di viaggi nello spazio, sappiamo che si alza dalla sedia a causa della vibrazione. Anche per questo le occorrono alcuni buoni secondi. Non è che ci fosse un pulsante di espulsione o altro. Dal momento della caduta in tempo reale e data anche la quantità di G che la trascina dalla caduta, non sarebbe stata in grado di uscirne a meno che non fosse effettivamente nello spazio e non avesse il tempo appropriato.

#6
+2
Michael Viktor Starberg
2015-08-06 22:15:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vorrei sollevare qualcosa che sia il film che il libro saltano deliberatamente.

Nel film è implicito mentre nel libro è molto esplicito; La trasmissione che abbiamo ricevuto era molto complessa, ma ci ha dato istruzioni chiare su come costruire una macchina che andava ben oltre qualsiasi tecnologia a nostra disposizione.

Nel film abbiamo l'impressione che fosse qualcosa che hai appena costruito, mentre nel libro ci sono voluti molti anni per capire, sviluppare e costruire. Ha fatto sembrare il programma Apollo una passeggiata nel parco.

Che Hadden fosse seduto su tutta questa nuova tecnologia e l'abbia usato come uno scherzo pratico sull'umanità è la satira di Carl Sagan. Il fatto che Arroway abbia trovato un cerchio in pi greco deve essere stato una risata per ogni matematico che abbia mai conosciuto.

Ma il libro e il film non riguardano il contatto. Si tratta di essere numinosi. E Sagan ha lasciato tutto aperto. Io per primo dico che è successo tutto, perché non credo che Hadden possa nascondere una tecnologia così avanzata ad altri stakeholder.

Direi che essere numinoso e la nozione di "contatto" non sono esclusivi.Considera: contatto con cosa?Forse te stesso?L'anima?
Penso che l'obiettivo di Sagan in Contact fosse quello di presentare extraterrestri veramente alieni.Questi non sono uomini verdi che salutano alzando le mani a tre dita.Questo è un gruppo di cui non impariamo quasi nulla.Non sono nemmeno una civiltà in senso umano.Comunicano con i viaggiatori tramite avatar volutamente "umani".Tutto quello che sappiamo è che la loro scienza è molto più avanzata della nostra, che non sono conquistatori e che sono esploratori con misteri profondi che non hanno ancora risolto.Impariamo anche che abbiamo una lunga strada da percorrere e che siamo sulla buona strada, ma siamo ancora solo bambini.
#7
+2
Nu'Daq
2016-04-20 05:45:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mi rendo conto che questo è già stato menzionato, ma come sottolinea il personaggio di Angela Basset (dimentica il suo nome), l'attrezzatura di Ellie ha registrato 18 ore di filmati in quello che tutti gli altri le dicono che era solo 1 secondo - no quantità di delusioni o inganni possono riempire così tanto tempo in un istante anche se erano 18 ore di elettricità statica (avrei potuto giurare che avesse detto 14 ma non è questo il punto) - Vado con il viaggio che è successo davvero. >

Un computer può creare banalmente un video di 18 ore di nient'altro che statico in un tempo piuttosto breve (anche se non sono sicuro che possa essere fatto in 1 secondo)
#8
-1
Franca Ellerman
2016-04-20 04:18:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ellie non va a Vega, ma viaggia attraverso un wormhole, poiché afferma che pensa che fosse nel film.

Per le persone sulla Terra sembra che la capsula sia caduta solo in mare, ma tra il tempo in cui è caduta lo spazio si è piegato e lei ha viaggiato fino a Vega in "circa 18 ore" come dice e circa 18 ore di elettricità statica sono state registrate anche sulla sua telecamera. Vede anche nella capsula (il materiale è in qualche modo trasparente in alcuni punti mentre si muove) un pianeta di Vega con luci e una civiltà.

In qualche modo si addormenta, però, e gli alieni Vega se ne vanno virtualmente nel suo sogno e nel farla sognare è su una spiaggia che ha inventato quando era piccola, e gli alieni fingono di essere suo padre e spiegano perché hanno fatto di tutto per aiutare gli umani. Quindi si sveglia ferita proprio quando arriva sulla Terra dalla capsula che cade. Quindi va vicino al pianeta Vega, ma sogna con gli alieni. Quindi in qualche modo va a Vega, e in un certo senso no.

Hai qualche base per questa risposta scialba che dice, sì, ha viaggiato per distanze interstellari, ma no, non ha effettivamente avuto le esperienze che lei, beh, ha vissuto?


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...