Domanda:
Elrond era, secondo Tolkien, più intrinsecamente potente di Galadriel?
Steffi
2013-01-03 17:13:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho sempre pensato che fosse il contrario, ma poi ho letto questo (Lettera 246):

"Degli altri ci si poteva aspettare che solo Gandalf lo dominasse - essendo un emissario di i Poteri e una creatura dello stesso ordine, uno spirito immortale che assume una forma fisica visibile. Nello "Specchio di Galadriel", 1381, sembra che Galadriel concepisse se stessa come capace di impugnare l'Anello e soppiantare il Signore Oscuro. , così erano anche gli altri guardiani dei Tre, specialmente Elrond . Ma questa è un'altra questione. Faceva parte dell'inganno essenziale dell'Anello riempire le menti con immaginazioni di potere supremo. "

Questo "specialmente Elrond" mi confonde. Non penso che Elrond sia intrinsecamente più potente di Galadriel, che è descritto come il più grande dei Noldor, ad eccezione di Fëanor (e forse anche del suo pari).

Una citazione da Unfinished Tales dice:

"... In questo egli (Tolkien) enfatizzò la statura imponente di Galadriel già in Valinor, uguale se diversa dalle dotazioni di Fëanor ; e qui si dice che così lontana dall'unirsi alla rivolta di Fëanor, gli si oppose in tutto e per tutto. "

Inoltre,

" Era una regina degli Elfi dei boschi, la moglie di Celeborn del Doriath, eppure lei stessa era dei Noldor e ricorda i giorni precedenti a Valinor, ed era la più potente e la più bella (quindi anche più bella di Arwen immagino) di tutte le Elfi che rimasero nella Terra di Mezzo. "

(Il Silmarillion, degli Anelli del Potere)

E ancora ...

"Galadriel era il più grande dei Noldor, tranne Fëanor may essere, sebbene fosse più saggia di lui, e la sua saggezza aumentò con i lunghi anni. "

(lo Shibboleth di Fëanor)

Riaffermandolo:

"Questi due parenti (Fëanor e Galadriel), i più grandi Gli Eldar a Valinor , erano ostili per sempre. "" Chi, insieme al più grande di tutti gli Eldar, Luthien Tinuviel, figlia di Elu Thingol, sono l'argomento principale delle leggende e delle storie degli Elfi. "

(Racconti incompiuti)

Quest'ultimo significa che Luthien, Fëanor e Galadriel sono l'argomento principale della storia e delle leggende. Mi sembra che Tolkien pensasse a quei tre come i creme de la creme del raccolto elfico.

Leggendo tutto ciò ho seri problemi a credere che Elrond possa essere superiore a lei. Per quanto Elrond sia, discendente da Melian, non è uguale a Fëanor, che si dice che sia il più potente di tutti gli elfi, e se Galadriel è il suo pari, allora non c'è modo che Elrond sia più potente di lei.

Forse ho letto questo "specialmente Elrond" sbagliato; potrebbe e significa anche che specialmente Elrond fu indotto a pensare di poter padroneggiare l'anello, perché quello era l'inganno dell'anello. E Tolkien disse esplicitamente che solo Gan dalf potrebbe padroneggiarlo.

Allora, cosa ne pensi?

È la suocera di Elrond e questo la dice lunga su chi è in cima alla catena di comando =)
Undici risposte:
spiceyokooko
2013-01-03 20:24:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo me, no, perché secondo la mia interpretazione dell'estratto di quella lettera non ciò che Tolkien sta effettivamente dicendo -

Nello 'Specchio di Galadriel', 1381, sembra che Galadriel si concepisse come capace di brandire l'Anello e soppiantare il Signore Oscuro.

Questo è abbastanza chiaro in ciò che dice Tolkien. Sta dicendo che Galadriel si considerava capace di impugnare l'Unico Anello e rovesciare Sauron.

Se è così, lo erano anche gli altri guardiani dei Tre, specialmente Elrond .

Ciò che Tolkien sta dicendo qui è che se Galadriel si vedeva capace di impugnare l'Unico Anello, allora lo fecero anche Elrond e gli altri guardiani del Tre anelli elfici.

In altre parole, sta dicendo che gli attuali portatori dei Tre Anelli Elfici del Potere si vedrebbero tutti capaci di impugnare l'anello dell'Uno.

Non è come dire che Tolkien vedeva Elrond più potente di Galadriel.


Ho solo pensato di aggiungere un chiarimento su cosa fossero i Tre Anelli Elfici e chi i loro guardiani erano -

Narya , l'Anello di Fuoco, incastonato di un rubino. Originariamente Celebrimbor diede Narya a Gil-galad, che in seguito lo diede a Círdan che in seguito lo diede a Gandalf”.

Nenya , l'Anello dell'Acqua o Anello di Adamant, realizzato in mithril e incastonato con una pietra bianca. Celebrimbor ha dato Nenya direttamente a Galadriel , il che potrebbe spiegare perché era considerata l'Elfa più potente del tempo dato che possedeva l'anello per così tanto tempo.

Vilya , l'Anello dell'Aria, il più potente dei Tre, realizzato in oro e incastonato con uno zaffiro. Celebrimbor diede Vilya a Gil-galad che in seguito lo diede a Elrond”.

Quindi i guardiani degli anelli dei Tre Elfi durante il periodo di tempo a cui ci riferiamo qui erano Galadriel , Gandalf ed Elrond.

I tre anelli del potere

Insieme a questo che porta direttamente a una dichiarazione sull'inganno dell'anello, sono costretto a dire che questa è la lettura corretta.
Elrond era l'unico altro guardiano dei Tre nel 1381, quindi la frase comunque ha poco senso.
@ohmi Cosa ha poco senso?
@ohmi, che dovrebbe dire I 381, è un riferimento alla pagina.
"gli altri guardiani dei Tre" potrebbero includere anche i passati guardiani dei Tre
"così erano anche gli altri guardiani" significa chiaramente "così anche gli altri guardiani ** erano in grado di brandire l'Anello **", non "così anche gli altri guardiani si concepivano capaci ...". Hai interpretato male la frase.
Sono d'accordo con @TheMathemagician.Questo è l'unico modo per interpretare quella frase, grammaticalmente;se Galadriel ne fosse capace, lo sono anche Gandalf ed Elrond.
Sarebbe *** estremamente *** a differenza di Tolkien scrivere qualcosa che - come suggerisce questa risposta - richiede una lettura grammaticalmente / sintatticamente impossibile per essere compreso correttamente.Era troppo attento con il suo linguaggio per questo."Ha concepito se stessa ... così erano gli altri guardiani" è sgrammaticato come un parallelo, e mi rifiuto di credere che Tolkien avrebbe anche solo per un momento preso in considerazione l'idea di usarlo come uno.
Il fatto che stiano brandendo uno dei Tre è irrilevante.O hai dimenticato come Sam si immaginava?** Già l'Anello lo tentava, rosicchiando la sua volontà e ragione.Fantasie selvagge sorsero nella sua mente;e vide Samwise il Forte, Eroe dell'Età, avanzare a grandi passi con una spada fiammeggiante attraverso la terra oscura, e gli eserciti accorrevano alla sua chiamata mentre marciava verso il rovesciamento di Barad-dûr. ** Sam non vide nemmeno Galadriel che la indossavaanello quando Frodo lo aveva così di certo non lo brandiva.
Francesco
2013-01-03 18:02:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho letto quella frase come in "Elrond era particolarmente soggetto a concepirsi come capace di impugnare l'Anello". Ovviamente era anche abbastanza saggio da essere in grado di trattenersi, come mostrato in vari casi. Sono d'accordo con la tua lettura di Galadriel come un essere "più potente".

Mi piace questa interpretazione. Un accenno alla sua ascendenza parzialmente umana, forse. Quegli uomini sono sempre molto fiduciosi nella loro capacità di usare l'Anello.
@plutor è d'accordo con te
È un completo fraintendimento. Tolkien sta dicendo che se Galadriel fosse davvero in grado di brandire l'Anello, allora anche gli altri portatori dei Tre sarebbero capaci di brandirlo, specialmente Elrond. Non sta dicendo che è più probabile che Elrond si consideri capace di brandire l'Anello.
E che dire dell '"inganno essenziale" dell'Anello?
@TheMathemagician Non sono madrelingua inglese e ho capito lo stesso di Francesco. C'è un indizio grammaticale che significhi "capace di impugnare l'anello" invece di "concepirsi capace di ..."? Se è così, come scriveresti la frase per indicare ciò che afferma Francesco, cambiando il meno possibile dalla frase originale di Tolkien? (Non ti sto sfidando, sono solo curioso!). Se non è una questione grammaticale, ma solo una tua interpretazione, allora come puoi affermare che si tratta di un travisamento completo?
Tolkien scrive "così erano anche ... specialmente Elrond" che può essere seguito solo da un aggettivo. Se Galadriel era capace, allora lo erano anche gli altri [capaci]. Se avesse voluto dire che anche gli altri concepissero gli stessi pensieri, allora avrebbe scritto "Se è così, così ha fatto anche ... specialmente Elrond". Ma in ogni caso non ha senso logico in questo modo. Supponiamo che A e B fossero ugualmente abili in qualcosa e A credesse di poter sconfiggere C. È perfettamente logico dire "Se è così, allora potrebbe anche B [sconfiggere C]". Ma è del tutto illogico dire "Se è così, anche B lo credeva". Come possiamo dirlo?
Grazie @TheMathemagician! Ha senso.
Kate Ebneter
2013-01-04 14:50:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È abbastanza chiaro per me, almeno, che Tolkien in questo passaggio sia un po 'sciatto, dal momento che gli altri guardiani dei Tre erano Gandalf ed Elrond - tieni presente che questa Lettera è in realtà una bozza. Può forse aver pensato a questo punto a Círdan, che era Sindarin piuttosto che Noldorin, e che era il portatore originale di Narya. In ogni caso, non penso che "specialmente Elrond" significhi "al contrario di Galadriel" ma piuttosto "al contrario dell'altro guardiano." (E tieni presente che potrebbe non aver pensato molto chiaramente a chi fosse l'altro guardiano: spesso scriveva bozze molto rapidamente.)

Quindi, no, non penso che questo abbia la precedenza su nulla dice il contrario di Galadriel. Era una Noldo, probabilmente nata a Valinor, e una delle più grandi di loro; Elrond è anche molto potente, probabilmente l'altro Elfo più potente rimasto nella Terra di Mezzo al tempo della Guerra dell'Anello, ma non è mai stato su Aman o visto la Luce degli Alberi.

+1; nel contesto sembra abbastanza esplicito che "specialmente Elrond" si riferisca agli * altri * guardiani, cioè * escludendo * Galadriel. È anche importante notare che "potere" in Tolkien può manifestarsi in molti modi differenti, non tutti paragonabili ad altri: "* C'è anche potere di un altro tipo nella Contea *".
@Darth Melkor: "C'è anche un potere di un altro tipo nella Contea". Faccio sempre riferimento a quella frase a Tom Bombadil che è stato, di proposito o no, un grande tampone per proteggere la Contea accanto alla guardia dei Rangers, essendo il suo dominio un'estensione, ho ragione o Tolkien intendeva qualcos'altro con questo?
@Joel Direi che, considerando che Bombadil non era * nella * Contea, Gandalf stava parlando del grande potere degli hobbit in generale per resistere al male - come si vede nella resistenza di Bilbo alla tentazione dell'Anello, o nella resistenza di Frodo a quella del Re Stregone coltello.
Nng, mi dà sempre fastidio quando la gente pensa che Bombadil sia insolitamente potente per l'ambientazione. Ciò che lo rende speciale è che è * illuminato *, nel senso buddista. Non desidera nulla che l'Unico Anello possa dargli, e quindi * esso * non ha potere su * lui * - questo non significa che * lui * eserciti più potere di quello che serve per affrontare e distruggere un tumulo- wight (con cui mi aspetto che Beorn o il guerriero Elfo medio non avrebbero avuto problemi).
@MattGutting: Non credo che questo sia ciò che intendeva, ecco la frase completa: "In effetti c'è un potere a Gran Burrone per resistere alla potenza di Mordor, per un po ': e altrove altri poteri risiedono ancora. C'è anche potere, di un altro tipo nella Contea. Ma tutti questi luoghi diventeranno presto isole sotto assedio, se le cose andranno come stanno andando. L'Oscuro Signore sta mettendo fuori tutta la sua forza ". La Contea, anche per la resilienza degli hobbit al male, non sarebbe stata un '"isola sotto assedio" per più di un giorno o due di fronte alla potenza di Mordor.
@zwol: mi dispiace di averti infastidito, ma non sono d'accordo. Bombadil è l'unica persona senziente in grado di indossare l'anello e non essere influenzato. E conosce canzoni di potere che sono in grado di sconfiggere Old-man Willow e qualsiasi cosa risieda nel suo dominio, incluso Barrow-wight. È chiaramente un mago molto potente. Non sono sicuro che qualcuno nella Terra di Mezzo possa padroneggiare il vecchio Tom. E non vedo niente o qualcun altro oltre a lui che abita nella Contea o nelle vicinanze che potrebbe "resistere alla potenza di Mordor".
@Joel il problema che ho con questo è che mi sembra che se Gandalf stesse parlando di Bombadil (che Frodo non ha ancora incontrato), avrebbe detto "* vicino * alla Contea", o semplicemente non avrebbe fatto la sua dichiarazione. E in che modo l'intera frase che citi rende meno probabile la mia interpretazione?
Capisco il tuo punto che avrebbe potuto dire "vicino alla Contea". Ciò che rende meno probabile la tua interpretazione è che non c'è modo che gli hobbit possano resistere alla "potenza di Mordor", anche per un giorno, come potrebbero fare Elrond e gli altri poteri menzionati da Gandalf, anche se solo per un po '. E non credo che un esercito di orchi se la passerebbe meglio nei boschi di Bombadil che con gli huorn. Ma non vedo cosa potrebbe fermarli nella Contea, nemmeno per un solo giorno. Sicuramente non Pipino, Merry, Sam e il contadino Cotton anche se non dubito del loro coraggio!
@Joel Bombadil dimostra solo il potere sufficiente per sconfiggere Old Man Willow e un Barrow-wight, che è noccioline rispetto a ciò di cui sono capaci Galadriel o Elrond o persino Aragorn o Gimli (dubito seriamente che qualcuno di loro avrebbe avuto problemi a sbarazzarsi di entrambi i nemici ). Inoltre, non è influenzato * dai * poteri dell'Anello, il che non è affatto lo stesso che lui è in grado di usare l'Anello per i propri scopi. E credo che sia Gandalf che dice che questo è perché non vuole nulla che l'Anello possa dargli - il che implica che chiunque altro ugualmente libero dal desiderio sarebbe allo stesso modo immune all'Anello.
@Joel Quanto al "potere anche di un altro tipo nella Contea", credo che sia semplicemente la generale mancanza hobbitish di suscettibilità alla brama di potere: che è, forse, diverso solo in grado da Bombadil. Non è che Sauron non potesse conquistare la Contea con la forza delle armi, ma avrebbe più difficoltà a * corrompere * gli hobbit della Contea rispetto agli uomini di Minas Tirith (per esempio). Ne è testimone la difficoltà di Saruman a fare lo stesso.
Lo so, ma una forte volontà sotto le catene non si adatta all'idea di "un'isola sotto assedio". Un assedio è quando non puoi entrare in una fortezza, non quando entri e non puoi sottomettere la volontà degli abitanti. Questa si chiama "resistenza", anche se c'è una forte guerriglia ... E i ruffiani di Saruman non sono in alcun modo simili a un battaglione di uruk pronti alla battaglia. Questi non avrebbero avuto alcuna difficoltà a dominare la Contea. Ma penso di ripetermi lì ... ;-)
Richard
2013-01-03 22:47:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

specialmente Elrond.

Elrond ha un elemento di ascendenza umana: "Elrond mezzo Elfo"; e sappiamo che gli umani sono più facilmente influenzati da Sauron e dal suo potere.

Quindi, nonostante abbia scelto la via elfica, è probabilmente più vulnerabile all'influenza oscura in tutte le sue forme ...

Se ho letto Tolkien correttamente, la scelta di Elrond lo ha reso completamente Elfico, quindi non penso che questo si applichi effettivamente.
eppure il sangue elfico negli umani conduce alla razza di Numenor. Forse Elrond mezzelfo ereditò il vigore ibrido dai suoi antenati umani ed era più potente del tipico elfo.
Nessun Elrond è un Elfo in tutto e per tutto.Ha scelto quel destino.Il sangue Elfico non ha portato alla razza di Numenor, sebbene il sangue Elfico fosse nella casa dei Re.Ad eccezione di Elros all'inizio di Numenor, nessuno degli altri Numenoreani era di discendenza Elfica.La loro genetica era alterata, ma erano ancora tutti uomini anche nella casa dei re.
Earendil's Prow
2015-12-10 02:34:18 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le parole di Tolkien in questo particolare passaggio sono un po 'sciolte e ottuse, per essere certi. All'inizio suggerisce che "degli altri, ci si può aspettare che solo Gandalf maneggi l'anello" e osserva che rivendicando l'anello Gandalf sarebbe diventato anche peggio di Sauron.

Ma subito dopo, ricorda abbastanza rapidamente che ha detto la stessa cosa di Galadriel in TFOTR, dove descrive la sua tentazione, la sua chiara capacità non solo di lottare con Sauron e di percepire la sua mente, ma di respingere le avances di Sauron per percepire la sua, ma anche la sua profetica e potente rivelazione che , se avesse preso l'anello, avrebbe davvero soppiantato Sauron e sarebbe diventato un mostruoso male come suo sostituto, solo nel suo caso, il male che ha provocato sarebbe scaturito da una comprensione distorta dell '"amore" - uno che porterebbe solo "disperazione".

Rendendosi conto rapidamente, nella sua bozza della lettera, che ha detto esattamente la stessa cosa su Galadriel come ha detto su Gandalf, dice: "In [TFOTR] sembra che Galadriel si consideri capace di impugnare l'unico anello e soppiantare Sauron f così, allora lo erano anche gli altri guardiani dei tre, specialmente Elrond ... "

Bene, qui, Tolkien scrive e afferma usando un discorso retorico; è necessaria un'attenzione particolare alle sue parole. Egli scrive che Galadriel "sembra" credere di poter impugnare l'anello e sostituire Sauron, ma in realtà non c'è "sembra" al riguardo: la scena di Tolkien nello specchio di Galadriel indica chiaramente che lei lo crede, e che, in Anzi, sa di poterlo fare, perché Tolkien descrive la sua realizzazione di ciò che accadrebbe se cedesse alla tentazione, ovvero la creazione di una figura regale più terribile dell'alba, che trasformerebbe l'amore in disperazione, ecc.

Non ha alcuna illusione di potere, perché anche dopo aver rifiutato l'anello e non è più tentata, Sam Gamgee afferma che vorrebbe che lei avesse preso l'anello, perché sentiva che lei, tra tutte le persone, avrebbe avuto il potere "per far pagare alla gente il lavoro sporco". A cui Galadriel risponde: "Lo farei. Ma, ahimè, non finirà qui".

Quindi Galadriel sa che potrebbe impugnare l'anello.

Nella bozza della sua lettera, quindi, parole come "sembra" non intendono mettere in dubbio ciò che Galadriel capiva di se stessa (poiché Tolkien è esplicito nel libro su ciò che pensava!) e lo stesso vale per la sua clausola, "se è così". Qui sta di nuovo parlando in modo retorico, perché non si tratta di "se". Dicendo "se è così", sta ammettendo la possibilità che lei possa davvero impugnare l'anello (o, per lo meno, non lo esclude) perché delinea immediatamente esattamente COME farebbero Galadriel e, per esempio, Elrond affermando il loro potere, cioè costruiranno imperi, eserciti e forze militari nella stessa "politica" usata da Sauron.

Successivamente Tolkien afferma che un confronto magico e diretto con Sauron, da persona a persona, non è mai stato contemplato da nessuno di loro (nemmeno Gandalf) e lo sostiene usando Gandalf come esempio e dicendo: "immagina Gandalf in uno scenario del genere "e osservando che, anche con l'anello, Gandalf affrontare Sauron di persona sarebbe un" equilibrio delicato "senza risultati garantiti.

Quindi, usando il linguaggio schivo e retorico di uno studioso - uno in cui Tolkien contempla i propri personaggi come se li stesse osservando da un punto di vista distaccato - sta essenzialmente dicendo, all'inizio, che solo Gandalf il Bianco potrebbe forse essere si aspettava di impugnare l'anello, poi si riprende rapidamente e ricorda quello che ha detto su Galadriel nel libro vero e proprio, e riconosce che anche lei sarebbe capace, e, se avesse preso l'anello, descrive come lei (o anche Elrond) avrebbe soppiantato Sauron, e che nessuno di loro avrebbe comunque contemplato un combattimento diretto con Sauron, perché sarebbe stato un risultato incerto, anche se Gandalf fosse stato "immaginato" in un simile confronto.

Le sue parole nella lettera sulla qualità ingannevole dell'anello sembrano avere più a che fare con ciò che ha detto su qualcuno come Sam Gamgee o Gollum nei libri, e le loro delusioni di grandezza, riguardo allo status e al potere che potrebbero essere loro , quando in effetti non possedevano un grande na poteri propri, a differenza del Saggio.

Quindi, sì, una bozza un po 'sconclusionata e sciatta di Tolkien, ma alla fine ribadisce tutti i punti che ha fatto nei libri sulla principale personaggi in questione. Ancora una volta, anche dopo aver vinto la tentazione di prendere l'anello, Galadriel ha la saggezza e la presenza di spirito per affermare che, sì, avrebbe fatto pagare a Sauron e ai suoi servi per il loro male, se avesse impugnato l'anello, ma che non l'avrebbe fatto. finire lì e sarebbe diventata malvagia, proprio come Tolkien descrive come anche Gandalf sarebbe diventato malvagio, distorcendo la bontà nello stesso modo in cui Galadriel avrebbe distorto l'amore.

La questione della grandezza tra Galadriel e Elrond è una non-domanda, poiché Tolkien è abbondantemente chiaro che Galadriel è il più potente, il più grande, il più bello, il più saggio di tutti gli Eldar, alla pari di Feanor, e quindi più grande di Elrond. Solo Luthien ha superato nessuno di loro, ma non è sopravvissuta e Galadriel l'ha fatto.

Buona risposta.Si diceva anche che degli Elfi che rimasero e rimasero nella Terza Era, lei fosse la più potente.Tendo anche a pensare che quel passaggio dalle lettere di Tolkien stesse dicendo che Elrond era più probabile che fosse sotto tale concezione.A Valinor Galadriel è stato in grado di competere con gli atleti e i maestri del sapere, essendo questi nella classe dei "valorosi capitani di Gondolin" [I popoli della Terra di Mezzo, Nota 23].
Solo per la cronaca: questo "stratagemma dello studioso" è molto comune con Tolkien.Non ha deliberatamente reso i suoi personaggi onniscienti (tranne Eru, ma non è certo un "personaggio" in quanto tale), e tutti i suoi personaggi commettono errori e sono limitati dal proprio condizionamento.Quindi sì, sta dicendo: “Beh, il mio personaggio sicuramente lo credeva.Che sia veramente, oggettivamente vero è un'altra questione ", come fa un bel po '(cfr." Il giovane maestro Gandalf "di Barbalbero).
Tim Pederick
2015-11-25 18:30:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Potrei averlo perso nello scorrere tutte le risposte dopo la prima coppia, ma sembra che ogni risposta (ognuna che affronta la questione, comunque) abbia capito che il passaggio significa "se Galadriel è stato ingannato nel pensare di poter brandire il anello, sono stati ingannati anche loro ".

Penso che questa sia una lettura sbagliata.

Tolkien è (tipicamente per le sue lettere) conciso qui, ma Credo che ciò che intende dire sia:

... Galadriel concepiva se stessa come capace di impugnare l'Anello ... Se fosse capace , lo erano anche gli altri guardiani ...

Ma anche se questo significa che non sono d'accordo con tutti coloro la cui risposta è "No, sta dicendo che era più debole al richiamo dell'Anello , "Continuo a credere che la risposta sia no”.

Indipendentemente dal fatto che tu sia d'accordo con la mia lettura, penso che" specialmente Elrond "stia paragonando Elrond all ' altro portatori di anelli, senza alcun riferimento a come c ompares a Galadriel.

È chiaro che Tolkien vedeva Elrond come un grandissimo individuo: era il luogotenente dell'ultimo re dei Noldor e discendente della casa reale dei Noldorin, per non parlare del reale linea del Doriath. In realtà, era la cosa più vicina che la Terza Era avesse a un sommo re degli Elfi. Era uno dei Mezzelfi, che a quanto pare non lo rendevano "mezzo spazzatura", ma "il migliore dei due mondi", il discendente di Tuor e Beren. Era anche un discendente di Melian . Era il freddo zio della casa reale di Númenorean. E portava il più grande dei Tre.

Eppure, Galadriel piaceva veramente a Tolkien. È nata a Valinor, nella Beatitudine di Aman, e questo la mette più o meno davanti a chiunque sia nato nella Terra di Mezzo che non fosse figlia di una Maia. Le citazioni sul suo essere più o meno uguale a Fëanor lo confermano ulteriormente. Galadriel era il più grande Elfo della Terra di Mezzo.

Ed eccola lì, nascosta in fondo alla pagina: la risposta che ha effettivamente senso, sia logicamente che grammaticamente.
Morgan
2014-05-11 05:53:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prima di poter dare una risposta definitiva, dovremmo dare un'occhiata più da vicino al pedigree di Sauron.

Sauron è un Maiar caduto creato da Ilúvatar stesso (i Maiar sono Ainur minori (gli Ainur furono i primi, e più potenti, esseri creati da Ilúvatar prima dell'inizio del Mondo.), che discese ad Arda (il mondo) per contribuire a plasmare il Mondo). Sauron era il più grande e fidato servitore di Morgoth / Melkor, il primo e il più potente degli Ainur. A ciascuno degli Ainur fu data la comprensione solo di quella parte della mente di Ilúvatar da cui provenivano. L'eccezione a questo era Melkor, il più grande degli Ainur, che aveva una parte dei doni di tutti gli altri.

Così Sauron, il più grande servitore del più grande Ainur, creò un anello per se stesso che poteva controllare gli altri anelli del potere (e i loro detentori); siano essi Uomini, Nani o l'Elfo più potente.

Secondo Tolkien, il vecchio è più forte quindi possiamo semplicemente eseguire i numeri:

* Sauron (uno spirito) è stato creato prima degli Anni delle Lampade che durarono 3500 anni.

* Galadriel nacque (un Elfo in carne e ossa sebbene immortale) almeno 4862 anni dopo negli Anni degli Alberi 1362. (YT durò 1500 anni )

* Elrond nacque (un Elfo in carne e ossa sebbene immortale) 670 anni dopo Galadriel nella Prima Era 532.

Usando le rispettive età e i criteri di Tolkien, Galadriel è più "intrinsecamente potente" di Elrond ma "meno" di Sauron. Inoltre, dato il loro "tipo di specie", né Galadriel né Elrond (carne e sangue) potrebbero strappare il controllo dell'Unico Anello a Sauron (uno spirito).

ubersejanus
2016-02-19 08:16:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Assolutamente no

Galadriel è dichiarato nel canone come l'elfo più potente rimasto nella Terra di Mezzo alla fine della Terza Era.

L'Anello di Adamant era nella Terra di Lórien dove abitava Lady Galadriel. Era una regina degli Elfi dei boschi, la moglie di Celeborn del Doriath, eppure lei stessa era dei Noldor e ricordava i giorni precedenti a Valinor, ed era la più potente e la più bella di tutti gli Elfi rimasti nel mezzo -earth .

- "Of the Rings of Power and the Third Age" (The Simarillion)

Galadriel era Calaquendi, un Elfo della Luce. Aveva vissuto a Valinor, nientemeno che durante il periodo dei Due Alberi, e in poche parole, erano dei coglioni. Come Gandalf ha spiegato a Frodo sulla capacità di Glorfindel di resistere ai Nazgûl sulla strada per Gran Burrone:

I saggi degli elfi, i signori degli Eldar dall'aldilà più lontano mari. Non temono i Ringwaith, perché coloro che hanno dimorato nel Reame Beato vivono contemporaneamente in entrambi i mondi, e contro sia il Visto che l'Invisibile hanno un grande potere ... l'hai visto per un momento mentre lui sull'altro lato: uno dei potenti dei Primogeniti.

- "Many Meetings" (Lord of the Rings: The Fellowship of the Ring)

Elrond, tuttavia, era uno dei Halfelven. Discendeva dalle Case Reali dei Noldor e dei Teleri, da due delle tre Case degli Edain e da Melian il Maiar - aveva attributi di entrambe le stirpi dei Figli di Ilúvatar con una spruzzata degli Ainur, tanto per cominciare.

Allora perché è stato scelto Elrond?

Cominciamo dando uno sguardo a quelli noti per essere nati i Tre:

  • Celebrimbor
  • Gil-Galad
  • Galadriel
  • Círdan the Shipwright
  • Gandalf
  • Elrond

Anche se Elrond è Mezzelfo e ha scelto di essere considerato uno degli Eldar, geneticamente è ancora circa al 40% umano - quando suo padre Eärendil è apparso davanti ai Valar, Ulmo ha chiesto:

È il figlio di Eärendil Tuor della stirpe di Hador, o il figlio di Idril, la figlia di Turgon della casa degli elfi di Finwë?

- "Of the Voyage of Eärendil" ( Quenta Simarillion, The Silmarillion)

Ho sostenuto in precedenza che la Scelta data ai Mezzelfi non ha un impatto sui loro corpi quanto "cambia" le loro anime. (Per farla breve: i corpi sia degli Elfi che degli Uomini possono essere uccisi, l'immortalità in questo universo riguarda tutto ciò che accade dopo (inoltre, l'incrocio è possibile))

Infine, il paragrafo prima di quello che tu ' re chiedendo parla di cosa sarebbe successo se Frodo avesse scelto di rivendicare l'Anello sul Monte Fato:

Alla presenza effettiva di [Sauron], nessuno, tranne pochissimi di pari statura, avrebbe potuto sperare di trattenere [ l'Unico Anello] da lui. Dei "mortali" nessuno, nemmeno Aragorn.

Dopo una digressione su come Aragorn è stato in grado di prendere il controllo del Palantir da Sauron, il nuovo paragrafo inizia e considera cosa sarebbe successo se altri, in particolare i Portatori dei Tre Anelli, avevano affermato il controllo dell'Uno.

In questo contesto, sembra chiaro che Elrond sia esplicitamente menzionato a causa dei suoi antenati mortali, che è più suscettibile alle trame di Sauron e Morgoth prima di lui.

TL; DR Elrond non è stato paragonato a Galadriel, ma evidenziato a causa dei suoi antenati mortali

user23715
2014-05-11 04:08:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Galadriel was clearly the more powerful. She only stood in comparison to Fëanor among the Noldor (as others have noted), and none living in Arda could challenge her.

During the time of the Lord of the Rings, using Nenya, she contended directly with the mind of Sauron, in order that he keep her foremost in his mind as a threat; as one who would use the One Ring against him.

Though not sufficient alone, in this way, her efforts were pervasive and paramount in the success of the quest of the Ring Bearer.

Sono d'accordo con questo, ma mentre risponde alla domanda nel titolo, che dire della lettera di Tolkien?
@AndresF. Come indicato nella domanda, la lettera 236 non ha un contesto completo per consentirmi di rispondere in modo più sicuro, ma ... come Steffi indica "specialmente Elrond" potrebbe significare che sarebbe particolarmente suscettibile di pensare di poter padroneggiare l'Unico Anello e governarli tutti. Elrond, con Galadriel, aveva indossato il suo anello più a lungo. I Tre Undici Anelli ricordano furono creati da Celebrimor sotto la stretta tutela di Annatar (Sauron travestito da Valya di Valinor) e quindi potrebbe aver avuto un "governarli" piegato, anche se non a fini malvagi. Anche Elrond era Eldar, a differenza di Gandalf e potrebbe anche essere più suscettibile dal lignaggio.
Correzione: "I Tre Undici Anelli ricordati furono creati da Celebrimor ** dopo ** la stretta tutela di Annatar ..."
2a correzione: (Arghh!) Sauron era travestito da Vanja. Valar e Vanyar confusi. Almeno ho capito bene al singolare e non al plurale; anche se è una parola inventata :)
Trevor Wilson
2018-04-26 21:54:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Solo per inciso. Il dono dei tre anelli del potere a Gandalf (Cirdan), Galadriel ed Elrond mi sembrerebbe mostrare come il potere degli anelli corrispondesse alla statura dei portatori dell'anello, vale a dire che il custode dell'anello più potente sarebbe la persona che aveva bisogno di più potere. Ecco perché Elrond indossava Vilya, la più potente delle tre. Galadriel indossava Nenya e Gandalf Narya meno potente di Vilya a causa di Gandalf (un Maia) e Galadriel (un elfo di Valinor) aveva un potere innato superiore a Elrond.

Hai qualche prova che sia come Tolkien intendeva che fosse?
Nessuna prova in letteratura di per sé.Solo un'osservazione.Che si tratti di un intento dell'autore o meno, è un altro modo di guardare alla questione della statura relativa dei tre personaggi.
Arianators
2016-08-21 20:06:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Galadriel avrebbe facilmente superato Elrond Halfelven. Lei che possedeva molto potere che nemmeno Elrond e Saruman potevano capire. Ha anche curato il povero vecchio Gandalf morente a Dol Guldur durante la Battaglia dei Cinque Eserciti ed è stata l'unica capace di scacciare Sauron e i Nove dalla terra (bandendoli a Mordor) mentre Elrond e Saruman guardavano con orrore e stupore. . Quindi ... direi che Galadriel avrebbe vinto su Elrong anche nelle battaglie di guerra ... perché anche gli Elfi Lorien sono potenti ... elrond è bravo in difesa ... ma se lascia Imladris in battaglia, potrebbe essere facilmente buttato giù dal grande LG ..... non dimenticarlo. Galadriel ha imparato molto da MELIAN THE MAIAR a Menegroth.

Questa sembra più un'opinione che un obiettivo.Hai citazioni dai lavori a sostegno di queste affermazioni?


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...