Domanda:
Qual è l'origine della frase "sulla mano che stringe?"
Bill the Lizard
2011-01-13 05:14:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Da dove viene la frase "sulla mano che stringe" e cosa significa nel contesto di quel lavoro, La mano che stringe ?

Aggiungo che ho appena finito di leggere La pagliuzza negli occhi di Dio e questa non è l'origine della frase, come avevo sospettato.

Tre risposte:
#1
+41
user56
2011-01-13 05:39:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per come intendo la storia, il concetto di "mano che stringe" ha avuto origine in The Mote in God's Eye (pubblicato nel 1974). Questo romanzo presenta alieni che hanno tre mani, una delle quali significativamente più forte delle altre due e più utile per la presa.

Ma l'espressione "sulla mano che stringe" è arrivata più tardi, coniata da persone che avevano letto il libro. Il primo riferimento su Google Libri è un articolo della rivista Byte del 1986. Nota che lo scrittore sente il bisogno di attribuire la citazione indirettamente.

Sulla mano che stringe, come dicono i Moties, (...)

anche Google Libri trova alcune altre occorrenze, ma potrebbero essere solo citazioni da La pagliuzza negli occhi di Dio che citano la frase, non riesco a trovare un'altra citazione confermata.

È solo più tardi, in The Gripping Hand (1993), che l'espressione diventa un punto della trama.

Quindi sembra che "on the gripping hand", originariamente un'allusione al il granello negli occhi di Dio , era diventata un'espressione idiomatica per pochi anglofoni (presumibilmente fan di fantascienza); Niven ha poi avuto l'idea (o è successo per coincidenza) di dare più risalto alla mano che stringe nel suo sequel del 1993, e l'espressione è cresciuta in popolarità in seguito.

Bel lavoro nel trovare quel riferimento!
Probabilmente vale la pena notare che l'autore di quell'articolo di Byte era Jerry Pournelle, coautore di The Mote in God's Eye (e The Gripping Hand) - La colonna di Jerry "Chaos Manor" è stata un appuntamento fisso in Byte per molti, molti anni, e spesso ha fatto riferimenti al suo lavoro con Niven.
A sostegno del commento di @Shog9's, lo snippet in Google Libri non include un contesto sufficiente per identificare l'autore, a meno che tu non abbia familiarità con la sua colonna.I frammenti sembrano sicuramente qualcosa che Pournelle avrebbe scritto per Chaos Manor, e l'autore menziona "Zeke II", uno dei tanti "PC con nome" che Pournelle possedeva e discusso frequentemente nella sua colonna.
Nello stesso ** Mote ** c'è una discussione a un certo punto tra un Motie e un Umano in cui il Motie menziona l'uso umano della frase "L'altra mano" e poi agita entrambe le "altre mani" e le domande - che è questo per noi?Non è lontano da questo rispondere come la mano che stringe piuttosto che la mano debole su quel lato.
#2
+11
R. Martinho Fernandes
2011-01-13 05:29:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo deriva da " The Gripping Hand", il seguito di " The Mote in God's Eye". Nella storia, gli umani hanno contatti con alieni noti come Moties. I Moties hanno tre braccia: due destre destre e un forte e muscoloso braccio sinistro. La mano sinistra è la letterale "mano che afferra".

L'espressione " sulla mano che afferra" è usata per enumerare l'ultima delle tre scelte possibili, seguendo la struttura "su una mano X, d'altra parte Y, sulla mano che stringe Z ".

Nel libro gli umani forniscono tre scelte ai Moties: da una parte lo sterminio; dall'altra il confinamento forzato nel proprio sistema familiare; e sulla mano che stringe una modificazione genetica che rallenta il loro tasso di riproduzione esplosiva e consente loro di condividere la galassia con gli umani

Non solo la terza opzione, ma la migliore, anche se la migliore di una serie di scelte sbagliate.
Non il migliore, necessariamente, ma l'opzione che devi prendere a causa di qualche forza o requisito esterno.
#3
+5
Anglin Photos
2011-01-13 05:25:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un elemento cruciale della trama del libro è l'idioma "sulla mano che stringe", una variazione a tre braccia dell'idioma "Da una parte X, dall'altra Y". Il detto è originario degli alieni Moties, che hanno tre braccia, una delle quali è più forte ma possiede meno finezza. testo del collegamento



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 2.0 con cui è distribuito.
Loading...