Domanda:
Primo utilizzo del termine "curvatura" per denotare viaggio / velocità?
Workin' class hero
2012-08-16 21:53:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho appena visto Space Battleship Yamato (2010) e hanno usato il termine "curvatura" per denotare un tipo di guida. Penso che Star Trek sia il luogo ovvio in cui questo termine è stato usato per la prima volta per descrivere il viaggio più veloce del leggero, è dove ha avuto origine?

Stai parlando di [Space Battleship Yamato (film 2010)] (http://en.wikipedia.org/wiki/Space_Battleship_Yamato_%282010_film%29) o della [serie anime] (http://en.wikipedia.org/wiki / Space_Battleship_Yamato)?
La domanda è troppo ampia, quindi è fuori tema ..
-1
@DavRob60. Ben modificato, puoi dire che l'inglese non è la mia pinta forte!
@NominSim Il termine era ampiamente utilizzato molto prima che Alcubierre dimostrasse che c'era una soluzione a GR che poteva funzionare in questo modo ... Voglio dire seriamente, Star Trek (la serie originale) risale agli anni '60.
Solo una nota a margine, è anche un termine nautico.[Qui](https://books.google.com/books?id=GuE5CgAAQBAJ&pg=PA139&lpg=PA139&dq=warping+a+ship+onto+a+beach&source=bl&ots=JlQpkxd_jd&sig=ICTofO-ykWhsCcWOuKH62uJVvMw&hl=en&sa=X&ved=0ahUKEwj0pu3Hq5TLAhUDHh4KHUM4BpkQ6AEIIzAC#v = onepage & q = warping% 20a% 20ship% 20onto% 20a% 20beach & f = false) è un esempio: "... usando i cavi della nave per 'deformare' o trascinare la nave. ... trascinare la nave su una spiaggia... "
Otto risposte:
#1
+23
Ben Hocking
2012-08-17 15:04:18 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho trovato un riferimento a un "propulsore a curvatura spaziale interstellare" in Future science fiction: Volume 1, Issue 1, a cura di Robert W. Lowndes. Era in "Nessuno ha visto la nave" di Murray Leinster (suppongo) o "La minaccia in miniatura" di Frank Belknap Long. La data di pubblicazione era maggio 1950.

Su suggerimento di aneroid, avevo prima eseguito una ricerca Google ngram per arrivare a questo punto. Se esiste un riferimento precedente a "unità di curvatura" o "unità di curvatura" (del tutto possibile), significa che non è stata ancora digitalizzata da Google Books.

Modifica per aggiungere: per una storia più famosa, seleziona ecco questo estratto da "I, Robot" (di Asimov), anch'esso pubblicato nel 1950:

"Hai capito, capo?" Il direttore generale era selvaggiamente esultante. "Hai capito? Non c'è nessun gruppo di ricerca industriale di qualsiasi dimensione che non stia cercando di sviluppare un motore a curvatura spaziale, e Consolidate e US Robots hanno il comando sul campo con i nostri super robot-cervelli." (p. 145)

(Questo è stato trovato cercando "space warp" invece di "warp drive".)

Ulteriore modifica da aggiungere: chiaramente il la frase "space warp" era già in uso nel 1947, nonostante gli ngram di Google, come suggeriscono queste note di un simposio:

Il termine "space warp" non significa qualsiasi cosa senza una spiegazione elaborata.

Per un uso precedente del viaggio FTL che non usa la parola warp, c'è Gray Lensman, scritto nel 1939 da EE Smith. Si riferisce a una " guida del quinto ordine" che può " viaggiare ovunque nell'universo a milioni di volte la velocità della luce."

Modificato per aggiungi: Grazie a @ user14111 per averlo indicato nei commenti, c'è un riferimento ancora precedente ( scritto tra il 1915 e il 1921) al viaggio FTL, The Skylark of Space, in cui EE Smith scrive:

ferito in avanti dall'inconcepibile potere del rame scatenato demone al centro, l'allodola volava attraverso i confini infiniti dello spazio interstellare con una velocità impensabile, quasi incalcolabile, accanto alla quale la velocità della luce era come quella di una lumaca rispetto a quella di un proiettile di fucile; una velocità aumentata ogni secondo di una quantità quasi doppia rispetto a quella della luce stessa.

Non ho ancora letto l'intera storia, ma non mi è chiaro se EE Smith fosse a conoscenza dello speciale di Einstein o teorie generali della relatività.

@user14111: Penso che le informazioni mostrate a me in quel momento differiscano da ciò che stai vedendo ora. Non mi ero accorto che la storia di Leinster fosse stata ristampata, quindi probabilmente hai ragione. Sarebbe anche interessante vedere se l'istanza del 1945 regge.
Evin nelle opere di Edward Elmer Smith, il viaggio FTL risale a [* The Skylark of Space *] (http://www.isfdb.org/cgi-bin/title.cgi?112880) pubblicato nel 1928, molto prima *Lensman grigio *.Ma Smith non è stato il primo autore a far volare astronavi più veloci della luce.
"warp-drive" appare in Amazing Adventures, Volume 2, Monsters of Living Flame del 1951. "Questa nave funziona con warp-drive. Distorce lo spazio, in modo che possa viaggiare ancora più veloce della luce!"
Doc Smith era consapevole della relatività, ma scelse di ignorarla per Skylark, e si mise a parlare delle pulsioni senza intertialità a Lensman.Non ha mai scritto di un motore a curvatura spaziale di cui sono a conoscenza, però.
Tecnicamente la "spinta di quinto ordine" è apparsa nel romanzo di E. E. "Doc" Smith [Skylark Three] (https://goo.gl/UWnCgC) (1930), non in Gray Lensman.Tutti i romanzi di Lensman utilizzavano la "spinta inerziale".
I romanzi di Skylark e Lensmen non utilizzavano la deformazione dello spazio per ottenere FTL.Skylark ignorava il limite di velocità della luce e Lensmen lo aggirava neutralizzando l'inerzia.Questa risposta quindi non affronta adeguatamente la questione dei motori a curvatura.
@Corey - Ho fatto un punto nella mia risposta per differenziare le storie del 1950 che menzionavano l'ordito da quelle precedenti che non lo facevano.
#2
+16
user14111
2015-09-25 13:12:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

spacewarp drive (n.) 1948

Per quanto ne sa il sito Science Fiction Citations, la prima citazione per "warp drive" ( in realtà nella forma "spacewarp drive") è nel romanzo del 1948 (successivamente espanso in un romanzo) What Mad Universe , di Fredric Brown. Citando da pagina 34 della pubblicazione originale in Storie sorprendenti , settembre 1948 (disponibile su Internet Archive):

Millenovecentotre. Uno scienziato americano ad Harvard aveva scoperto il motore a curvatura spaziale . Accidentalmente! Lavorando, tra tutte, la macchina da cucire di sua moglie, che era stata rotta e scartata. Stava cercando di cambiarlo in modo che il pedale facesse funzionare un minuscolo generatore fatto in casa per fornirgli una corrente a bassa tensione ad alta frequenza che voleva usare in alcuni esperimenti di fisica.

warp (v.) 1946

Secondo il sito Science Fiction Citations, il primo uso noto di "warp" come verbo nel senso di un viaggio spaziale più veloce della luce è nel racconto "Placet is a Crazy Place", sempre di Fredric Brown. La seguente citazione è da p. 129 della sua pubblicazione originale in Astounding Science Fiction , maggio 1946 (disponibile presso l ' Internet Archive):

Domani l ' Arca avrebbe lasciato la Terra, con la spedizione del condizionatore che avrebbe risolto uno dei nostri problemi e con chiunque il Centro della Terra avesse mandato a prendere il mio posto. Sarebbe deformato nello spazio fino a un punto a una distanza di sicurezza al di fuori del sistema Argyle I-II e da lì entrerebbe con la potenza di un missile. Sarebbe qui venerdì e ci tornerei. Ma ho cercato di non pensarci.

generatore di distorsione spaziale (n.) 1944

Tra le citazioni del sito Science Fiction Citations per "space warp" ho trovato questa, che sembra provenire dal romanzo "Circle of Confusion" di George O. Smith (come "Wesley Long") in Astounding Science Fiction , marzo 1944 (disponibile su Internet Archive) :

L'alphatron è ancora in ottima forma e il generatore di distorsione spaziale può ancora fare un lavoro.

warp (v.) 1938

La parola "warp" è usata in riferimento ai viaggi nello spazio nel romanzo del 1938 "Men Against the Stars " di Manly Wade Wellman, pubblicato per la prima volta in Astounding Science-Fiction , giugno 1938 (disponibile su Internet Archive). Citando dalle pagine 36-37 dell'antologia Gnome Press Men Against the Stars ( Martin Greenberg, ed. ):

"Sessanta navi, Tallentyre. Sessanta di loro - e duecentoquarantadue uomini partirono dalla Terra. Cinquantasei navi e duecentoventidue uomini raggiunsero la Luna Porto. Diciotto uomini persero quel piccolo balzo. Quattro navi fecero saltare i tubi, e prima di tutto quel maledetto esperimento di sei uomini.

"Ma cinquantasei navi atterrarono e noi deformammo > sono su Marte. E quanti di quei cinquantasei sono riusciti a passare? "Il suo grido stridulo ruggì nell'ufficio del ripostiglio e risuonò attraverso la fragile porta di metallo. Gli occhi di Tallentyre si spostarono verso la porta.

Il ruggito di DeWitt si ridusse a un sussurro mentre l'uomo si chinò bruscamente in avanti, vicino al volto immobile e annerito dal sole di Tallentyre. " Quattro . Quattro sono arrivati ​​su Marte, amico mio. Il resto erano graziosi petardi rossi nello spazio. "

Sfortunatamente, non credo che questo sia proprio il tipo di "warp" che stiamo cercando. Le astronavi di Wellman non avevano motori a curvatura spaziale; erano astronavi alimentate con idrogeno monoatomico. Non so cosa intendesse Wellman per "curvatura"; forse l'ha usato nel senso arcaico di "lancia, lancia, lancia".

warp (v.) 1932

La parola "warp" è usato in riferimento al viaggio interdimensionale nel romanzo del 1932 di Clifford D. Simak "Hellhounds of the Cosmos", apparso in Storie sbalorditive , giugno 1932 (disponibile all ' Internet Archive). I seguenti estratti sono tratti dal Progetto Gutenberg etext:

"Si tratta del corretto utilizzo di due forze, elettrica e gravitazionale", ha spiegato con orgoglio il Dr. White . "Queste due forze, usate in modo appropriato, deformano la terza dimensione nella quarta. Viene utilizzato un processo inverso per riportare l'oggetto alla terza. Il principio della macchina è ..."

Il vecchio stava per lanciarsi in una lunga discussione, ma Henry lo interruppe. Un'occhiata all'orologio gli aveva mostrato che il momento della stampa si stava avvicinando pericolosamente.

"Solo un secondo" disse. "Tu proponi di deformare un essere tridimensionale in una quarta dimensione. Come può esistere una cosa tridimensionale lì? Hai detto poco tempo fa che solo una dimensione specifica potrebbe esistere su un singolo piano. "

[. . . .]

La luce non vacillava né scintillava. Non brillava. Sembrava duro e fragile, come sbarre di forza dritte. Il giornalista, osservandolo con soggezione, sentì che c'era una forza incredibile. Cosa aveva detto il vecchio? Trasforma un essere tridimensionale in un'altra dimensione! Ci vorrebbe forza!

[. . . .]

In fila c'erano gli uomini che dovevano lanciarsi nella luce per essere distorti in un'altra dimensione, lì per cercare e combattere un nemico sconosciuto. La fila era diretta da un uomo alto con mani simili a prosciutti, con una faccia segnata dalle intemperie e una zazzera di capelli selvaggi. Dietro di lui c'era un bellicoso piccolo cockney. Henry Woods era quinto in fila. Erano un gruppo eterogeneo, avventurieri ognuno di loro, e alcuni erano ovviamente spaventati mentre si trovavano davanti a quella colonna di luce, con solo pochi secondi della terza dimensione a loro disposizione. Avevano risposto a uno strano annuncio pubblicitario e avevano un'idea limitata di quello che stavano per fare. Tristi, però, lo accettarono come un lavoro, un lavoro bizzarro, ma un lavoro. L'hanno affrontata come avevano affrontato altri lavori altrettanto pericolosi, ma meno insoliti.

[. . . .]

Allora lo sapeva. Non era solo. Qui, in questo unico corpo c'erano i corpi, il cervello, il potere, lo spirito di quegli altri novantotto uomini. Nella quarta dimensione, tutti i milioni di cose tridimensionali erano una. Forse quella particolare porzione della terza dimensione chiamata Terra era nata o degenerata da una singola unità di una quarta dimensione in dissoluzione e logora. La terza dimensione, deformata di nuovo su un piano più alto, obbediva automaticamente alle leggi mistiche dell'evoluzione riformandosi nella forma di quel vecchio antenato, inimmaginabilmente rimosso nel tempo dalla razza che aveva generato. Non era più Henry Woods, giornalista; era un'entità che aveva dato alla luce, nelle epoche oscure in cui era nata la Terra, una terza dimensione. Né era solo. Questo suo corpo era composto da altri figli di quell'antica entità.

Si sentì crescere, sentì il suo corpo crescere più vasto, assumere proporzioni maggiori, sentì una nuova vitalità fluire attraverso di lui. Erano gli altri uomini, gli uomini che si lanciavano nella colonna di luce nel laboratorio per essere deformati su questo piano, per essere incorporati nel suo corpo.

+1.Tuttavia, in un commento alla mia risposta hai menzionato che Edward Smith ha fatto riferimento al viaggio FTL in Skylark of Space nel 1928, ma che altri avevano descritto il viaggio FTL anche prima.Penso che questa risposta sarebbe migliorata includendo il riferimento allo Skylark of Space e / o un riferimento alla prima descrizione del viaggio FTL che puoi trovare.Se precede la relatività speciale (o dimostra di ignorarla), è comunque interessante, ma meno, IMO.
@BenHocking Grazie per il suggerimento.Tuttavia, capisco che la domanda riguardi l'uso fantascientifico della parola "warp", non la storia dei viaggi FTL nella narrativa, quindi non vedo l'importanza di "Skylark" ecc.
@BenHocking Il punto del mio commento sulla tua risposta è che potresti migliorare l'ultimo paragrafo di quella risposta menzionando * Skylark * così come (o invece di) * Lensman *.
concordato.Aggiornerò il mio di conseguenza, ma non volevo rubarti il fulmine quando ho visto che avevi un'ottima risposta.
#3
+6
dmckee --- ex-moderator kitten
2012-08-16 23:07:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dando un'occhiata a Wikipedia, scopro che Starship Troopers di Heinlein (dal 1959) si attribuisce l'uso della frase.

Non mi sorprenderebbe se ci fossero usi molto precedenti nelle riviste pulp.

#4
+5
aneroid
2012-08-17 14:12:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Primo utilizzo nei film o primo utilizzo in assoluto? Deformazione geometrica viene utilizzata per "soluzioni di base delle equazioni di campo di Einstein", che sono basate sullo "spazio curvo". Non sono sicuro di quando queste soluzioni siano state trovate per la prima volta, ma - Einstein: 1879-1955; Riemann: 1826-1866 (~ 1854); Lorentz: 1853-1928.

"Deformazione del legno" come fatto noto ha probabilmente centinaia o migliaia di anni. Quindi metterei "warp" per indicare "viaggio" intorno al tempo di Einstein.

Per qualcosa di più concreto / definito: Alcubierre drive - questo è il 1994.

Una ricerca di ngram su Google Books potrebbe ottenere il suo primo utilizzo in assoluto.

Solo uomo di celluloide!
lol. Beh, quando dici "originato" in questo modo ... :-)
#5
+5
Hypnosifl
2016-03-13 02:39:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Su questo sito di "prime" fantascienza c'è una voce per space warp che cita una storia del 1936, "The Cometeers" di Jack Williamson, insieme alla seguente citazione dalla storia:

"Ogni atomo del carico della nave e dell'equipaggio è stato deviato all'infinito dal continuum spazio-temporale delle quattro dimensioni , e quindi liberato dalle limitazioni ordinarie di accelerazione e velocità, fu guidato nello spazio, piuttosto che attraverso di esso, da una reazione diretta contro la deformazione spaziale stessa. "

#6
+4
jdphenix
2016-07-05 10:22:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Islands of Space di John W. Campbell, Jr. , nel 1930. (enfasi mia)

"Per spostarsi vicino a una massa pesante, in presenza di un forte campo gravitazionale ", ha detto Arcot. "Un campo gravitazionale tende a deformare lo spazio in modo tale che la velocità della luce sia inferiore in sua presenza. Il nostro impulso cerca di deformare o deformare lo spazio in modo opposto. I due si annullerebbero semplicemente a vicenda e sprecheremmo un sacco di energia andando da nessuna parte. È un dato di fatto, il campo gravitazionale del sole è così intenso che dovremo uscire oltre l'orbita di Plutone prima di poter utilizzare efficacemente la spinta spaziale . "

Inoltre, P. Schuyler Miller in Astounding Science Fiction ha scritto su questa storia:

" Arcot, Wade, Morey e il loro computer, Fuller , mettere insieme una nave che viaggerà più veloce della luce ... ci danno quello che potrebbe essere stato il primo motore a curvatura spaziale . Il concetto era semplice; renderlo plausibile non lo era, a meno che tu erano John Campbell. "

Tratto da http://www.gutenberg.org/files/20988/20988-h/20988-h.htm

Prima serializzato in * Amazing Stories Quaterly * edizione primaverile, 1931. Fare riferimento qui: http://www.isfdb.org/cgi-bin/title.cgi?958425
#7
  0
user14111
2016-11-03 14:45:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

1942: il primo motore di curvatura spaziale fantascientifico che io conosca è nel romanzo di Ralph Milne Farley "L'immortalità di Alan Whidden", pubblicato per la prima volta in Amazing Stories , febbraio 1942 (disponibile su Internet Archive):

La gravità, aveva spiegato Einstein, è semplicemente una deformazione dello spazio-tempo nella quinta dimensione e in quelle superiori, in prossimità di masse di materia. Lo stesso Alan Whidden aveva fornito allo scienziato più anziano la seguente analogia bidimensionale: Whidden era bravo con le analogie. Stendi un sottile foglio di gomma elastica, aveva suggerito Whidden, e mettici sopra una serie di sfere di metallo di varie dimensioni e pesi. Ogni palla, in proporzione alla sua massa, distorcerà questo foglio di gomma bidimensionale nella terza dimensione, proprio come i corpi gravitanti distorcono il nostro spazio-tempo quadridimensionale in dimensioni superiori. Le sfere sul foglio di gomma rotoleranno insieme, proprio come le masse gravitano insieme nel nostro spazio familiare.

L'idea è venuta ora a Whidden: "Se distorco il foglio di gomma con un mezzo diverso dalle sfere di metallo, come inserendovi il dito dentro, avrò così creato una gravità artificiale. Se sposto questa distorsione, facendo scorrere il dito davanti a una delle palle, la palla seguirà il mio dito. Perché non allora distorcere artificialmente spazio prima di una nave spaziale, e quindi trascinare la nave dopo la distorsione, a qualsiasi velocità desiderata? Sarà come tenere una carota su un palo davanti al naso di un mulo, per indurlo a muoversi. "

Whidden ha fatto una breve corsa a Princeton e ha discusso l'idea con Albert Einstein. Quest'ultimo era in disaccordo abbastanza enfaticamente, ma non poteva formulare le ragioni di questo disaccordo. Essendo un vero scienziato, le idee di Einstein si svilupparono sempre prima come intuizioni pure, e poi richiedevano mesi di ricerca astratta per la loro formulazione, seguite da anni di osservazione e sperimentazione per la loro verifica.

Ma Alan Whidden non poteva aspettare tutto Questo. La sua malattia si stava accumulando su di lui come figure su un tassametro. Essendo lo stesso tipo di vero scienziato del suo mentore, anche lui si immerse in un'analisi matematica della sua intuizione; e quando crede di aver dedotto la formula corretta per una deformazione spaziale artificiale , si accinge a produrla nel suo laboratorio, preferibilmente con l'elettricità. Ha costruito un piccolo modello di astronave. Era in grado di far sì che creasse un disturbo davanti a sé, che l'avrebbe fatto gravitare in quella direzione, la coda trattenuta da un pezzo di corda. Sostituendo un bilanciamento a molla per la corda, è stato in grado di misurare la forza di attrazione di questa gravità indotta artificialmente e apprendere così la legge della sua forza. Inoltre ha scoperto come dirigere la trazione in qualsiasi direzione attorno al modellino: questo sarebbe stato utile per governare e fermare la sua nave a grandezza naturale una volta costruita.

Sfortunatamente la sua nave a grandezza naturale è cablato in modo leggermente diverso, con il risultato che non si muoverà affatto nello spazio, può solo spostarsi indietro nel tempo.

#8
-2
leo schuele van-aken
2017-02-07 10:12:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

1931

Il romanzo di John W. Campbell Islands of Space sarebbe la primissima menzione della propulsione a curvatura, quindi sono 86 anni



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...