Domanda:
Cosa succederebbe davvero se fossi esposto allo spazio?
splattered bits
2011-03-24 03:30:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sembra che ogni storia di fantascienza abbia un'idea diversa di cosa accadrebbe se un essere umano fosse esposto al vuoto dello spazio.

  • Alla fine del Richiamo totale , Quaid e Melina vengono espulsi sulla superficie di Marte. I loro occhi si gonfiarono, i loro corpi si gonfiarono e furono convulsi. (OK, non lo spazio, ma soprattutto un vuoto, giusto?)
  • In Event Horizon , uno dei personaggi è bloccato nello spazio profondo per un pochi minuti e sopravvive, ma con un po 'di cecità o altri danni agli occhi (questo è il mio ricordo; se qualcuno si ricorda meglio, lascia un commento).
  • In Mission to Mars , Woody rimuove l'elmo dalla sua suite spaziale mentre galleggia sopra Marte e viene immediatamente congelato.
  • In alcuni fumetti, ho visto personaggi esplodere quando risucchiati nel vuoto.

Cosa succederebbe se qualcuno si trovasse nello spazio, senza una tuta spaziale adeguata? Quanto tempo sarebbe sopravvissuto qualcuno? È stato studiato per niente?

Perché il voto chiuso? Domande di speculazione del mondo reale come questa sono [attualmente in discussione] (http://meta.scifi.stackexchange.com/questions/350/what-questions-are-on-topic-and-what-questions-are-off -topic / 355 # 355).
Secondo Neil deGrasse Tyson nell'episodio di Nova Science NOW che andrà all'episodio di Marte, la mancanza di pressione sulle cellule trasformerebbe lentamente il tuo corpo in un mucchio deformato di materiale organico.
Che ne dici di BSG dove alcuni personaggi subiscono una decompressione molto lenta e sembrano perdere molto calore.
@splattered - Non ho votato per la chiusura, ma penso che sarebbe meglio pubblicarlo su [Physics] (http://physics.stackexchange.com/).
[Space Exposure] (http://en.wikipedia.org/wiki/Space_exposure)
Non sono anche d'accordo sul fatto che questa domanda sia in argomento, ma lascerò che tutti gli altri chiudano se si sentono come me. ** L'esperienza di questo sito si concentra sulla conoscenza dei mondi e delle opere di fantascienza e fantasy, piuttosto che sulla conoscenza del mondo reale **. Come possiamo dirti cosa succede con certezza? Sembra il regno dei biologi e dei veri ricercatori spaziali. ** Nessuna offesa per le ottime e ben motivate risposte qui, ma il collegamento trovato da Jenny a un articolo di Wikipedia su [Space Exposure] (http://en.wikipedia.org/wiki/Space_exposure) probabilmente risponde alla domanda in modo più specifico dettaglio.**
@jennyfofenny Perché non aggiungi quel link come risposta? Era quasi esattamente quello che stavo cercando.
@Wikis, questa domanda sicuramente non appartiene alla fisica, semmai è la biologia.
Vedi anche [questa domanda] (http://physics.stackexchange.com/q/26332/5646) e [la mia risposta] (http://physics.stackexchange.com/a/26333/5646), da il sito di fisica (la domanda e la risposta erano originariamente sul vecchio sito di astronomia, e sono state migrate con l'astronomia è stata chiusa e fusa in fisica).
Sette risposte:
#1
+22
user56
2011-03-24 04:08:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono sicuro che questa domanda sia appropriata per questo sito: si tratta davvero di scienza, non di fantascienza. Ma ho una risposta di fantascienza, quindi ecco qui.

Arthur Clarke, che di solito è bravo a capire bene la sua scienza, ne ha discusso in una scena in cui le persone devono trasferirsi tra due astronavi senza tute spaziali o connessioni di equilibrio. L'episodio è il capitolo 19 di Earthlight . Secondo Clarke (o quello che sperava affinché la storia funzionasse) ...

Per una breve esposizione (un paio di minuti al massimo, abbastanza breve da permettere ai personaggi di trattenere il respiro),

La decompressione totale è dolorosa, ma non pericolosa. Dimentica tutte quelle sciocchezze che potresti aver sentito sul corpo umano che esplode nel vuoto. […] Tieni le bocche spalancate e lasciati rompere il vento. […] In effetti, […] il pericolo più grande del lotto […] non è altro che scottature solari. Là fuori [...] l'ultravioletto crudo del sole [...] può darti una brutta vescica in trenta secondi.

+1 per aver menzionato * Earthlight *, una piccola gemma di Clarke sottovalutata che presenta anche un'arma "raggio di luce bianca" con una spiegazione intrigante e fisicamente coerente.
Piccolo pignolo tecnico, ma "un paio di minuti" è più di quanto la maggior parte delle persone possa trattenere il respiro. Da adolescente in buona forma, riuscivo a trattenere il respiro per oltre 2 minuti, ma vincevo sempre se sfidavo qualcuno dopo meno di un minuto, quando finalmente doveva respirare.
Sono sicuro che nell'addestramento spaziale futuristico, saresti stato addestrato a trattenere il respiro. La maggior parte delle persone impiega solo poche ore per apprendere le tecniche mentali e fisiche necessarie per ottenere 2 minuti. Inoltre, la maggior parte dei luoghi in cui non puoi respirare sono luoghi in cui il corpo umano potrebbe soccombere a reazioni involontarie naturali (come sott'acqua). Nello spazio non c'è acqua a provocare i riflessi anti annegamento; semplicemente non puoi trattenere l'aria nei polmoni, quindi l'unico ossigeno che avrai è già nel tuo sangue (e come ha detto il metallo di pietra, è sufficiente per 10-20 secondi di attività cosciente).
Giusto per chiarire - Clarke sta dicendo NON TRATTENERE IL RESPIRO - "Tieni la bocca spalancata". Trattenere il respiro farà scoppiare i polmoni come un palloncino (solo un palloncino a bassa pressione). Quindi il tuo inviluppo operativo è la porzione di tempo in cui puoi funzionare DOPO aver trattenuto il respiro quando hai appena espirato, che è generalmente un periodo di tempo molto più breve.
#2
+21
jennyfofenny
2011-03-25 07:57:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dalla pagina di Wikipedia su Esposizione allo spazio:

Le preoccupazioni principali per un essere umano senza indumenti protettivi al di fuori dell'atmosfera terrestre sono le seguenti, elencate approssimativamente in ordine decrescente di significato mortale: ebullismo, ipossia, ipocapnia, malattia da decompressione, variazioni estreme di temperatura e mutazione e distruzione cellulare da fotoni ad alta energia e particelle (subatomiche).

Da In Science Fiction:

La spaziatura è un elemento fondamentale della fantascienza, [13] dove di solito si verifica come metodo di esecuzione (o altro tipo di uccisione) tramite esposizione al vuoto nello spazio, di solito realizzato espellendo il soggetto attraverso la camera di equilibrio di un veicolo spaziale o di una stazione spaziale senza una tuta spaziale. La causa principale di morte sarebbe l'asfissia. Molti film mostrano persone esposte al vuoto in modi irrealistici.

  • Ellen Ripley della serie Aliens è uno spaziatore particolarmente abile, avendo sconfitto lo xenomorfo avversari con almeno 3 diverse forme di spaziatura. Due dei metodi prevedevano il lancio completo della creatura nello spazio, con il terzo che la faceva uscire lentamente (e abbastanza graficamente) attraverso un piccolo foro nello scafo.
  • Film come Outland e Moonraker mostrano persone che esplodono nel vuoto.
  • 2001: Odissea nello spazio, Viaggio sulla luna, Dalla Terra alla Luna e diversi episodi di Doctor Who mostrano persone che sopravvivono a un vuoto senza tuta addosso.
  • Battlestar Galactica e il film Sunshine, mostrano alcune persone che soffrono dopo una breve esposizione e altre che muoiono e si congelano per un'esposizione più lunga.
  • In un episodio di Farscape, John Crichton salta nello spazio da una nave all'altra senza tuta. La sua esposizione dura solo alcuni secondi e sopravvive senza alcun danno permanente, ma in seguito ha dimostrato di soffrire notevolmente.
  • In Total Recall, il personaggio di Douglas Quaid può sopravvivere a condizioni di quasi vuoto semplicemente trattenendo il respiro.
  • Diversi film recenti, come Mission to Mars, mostra le persone che si bloccano all'istante nel vuoto.
  • Nell'episodio Tangent, nel programma televisivo Stargate SG1, i personaggi stanno perfettamente bene anche dopo essere stati esposti allo spazio per circa cinque secondi.
  • "Spaziatura" è un argomento comune in Babylon 5, usato come uno scherzo e indicato come punizione per Ammutinamento e tradimento ( l'unica legge rimasta in terra che consente ancora l'esecuzione). Nell'episodio della seconda stagione E ora per una parola, il dottor Franklin descrive l'esperienza di vedere qualcuno morire a causa dell'esposizione allo spazio.
  • Event Horizon lo mostra in un esempio molto grafico.
  • In The Hitchhiker's Guide to the Galaxy, Arthur Dent e Ford Prefect, dopo essere stati trovati mentre trasgredivano su un'astronave Vogon, vengono condannati da Prostetnic Vogon Jeltz a morire nel vuoto dello spazio (dopo che Dent e Prefect hanno sentito prima un po 'di poesia di Vogon). Entro 30 secondi dall'espulsione (e con un rapporto di improbabilità di 2 alla potenza di 276.709 a uno), sono stati salvati dalla nave Improbability Drive Heart of Gold.
  • In Wait It Out, un racconto di Larry Niven, due astronauti sono bloccati su Plutone, ma non muoiono: a quelle temperature il loro cervello diventa superconduttore. [14]
  • In Honorverse di David Weber, mercanti di schiavi che trasportano il loro "carico" nello spazio per sbarazzarsi delle prove viene processato come assassino di massa e condannato a morte per spaziatura.
  • Nel film Titan AE, Cale e Korso scappano da un piccolo veicolo spaziale espirando, trattenendo il respiro, spaccando il parabrezza anteriore già crepato e fluttuando nello spazio appena in tempo per essere raccolto dall'astronave Valkyrie. Entrambi svengono nella baia di atterraggio.
  • Nel videogioco Star Wars: The Force Unleashed, l'apprendista di Darth Vader viene sbalzato da una finestra a bordo del Super Star Destroyer di Vader ed è esposto al vuoto per un periodo di tempo indeterminato (misurazione a almeno alcuni minuti). Viene recuperato da un drone di recupero e sembra completamente in salute sei mesi dopo (tuttavia, la fisica dello spazio in Star Wars non è mai stata spiegata, con domande derivanti da questioni banali come il fatto che anche nello spazio possono verificarsi esplosioni di incendi. come rumori, sebbene quest'ultimo sia comune a molti film di fantascienza).
  • Nel videogioco Mass Effect 2, il Comandante Shepard viene scaraventato dalla Normandy dopo che è attaccato da una nave da collezione con una tuta perforata. Shepard viene recuperato da Cerberus e riportato in vita.
  • Nell'episodio Ariel, della serie televisiva Firefly, Jayne Cobb è minacciata di spaziatura come punizione per aver venduto due fuggitivi che facevano parte dell'equipaggio.
  • Nell'episodio di Star Trek: Enterprise The Augments, il capitano Jonathan Archer viene brevemente esposto nello spazio prima di essere teletrasportato in sicurezza dall'NX- 01 Enterprise.
  • Nel racconto di Tom Godwin The Cold Equations una giovane ragazza clandestina viene espulsa da un veicolo spaziale il cui carburante e la cui traiettoria non sono stati calcolati per il peso aggiuntivo che ha provocato la sua morte. La storia è stata successivamente adattata per un episodio di The Twilight Zone e altri programmi radiofonici e televisivi successivi.
  • Nell'anime "Cowboy Bebop" nell'episodio "Heavy Metal Queen", Spike è esposto allo spazio per alcuni secondi mentre va da una nave all'altra, usando la sua pistola come mezzo di propulsione.
  • Nel film animato, Dead Space: Downfall il protagonista, Alissa Vincent apre un portello nello spazio per consentire il lancio di un radiofaro dalla nave. Il vuoto alla fine la tira fuori nello spazio senza effetti visibili, nonostante la sua mancanza di una tuta protettiva.
  • Il film Sunshine include una scena in cui astronauti disperati devono viaggiare tra due astronavi adiacenti senza vestiti. Uno si blocca così forte che si frantuma come il vetro.
  • Sebbene l'esposizione allo spazio non sembri avere effetti negativi sugli esseri umani o su altre specie, la spaziatura è usata come punizione da King Goobot nel film d'animazione di Nickelodeon Jimmy Neutron: Boy Genius.
#3
+17
stonemetal
2011-03-24 05:51:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo il Goddard Space Center ( qui) svenisci dopo circa 14 secondi. Trattenere il respiro rischia di danneggiare i polmoni. Hai le curve e altri problemi di immersione. L'eventuale ebollizione avverrebbe in liquidi esposti all'ambiente, sputi, lacrime, ecc.

#4
+11
sum1stolemyname
2011-03-24 12:11:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È improbabile che si verifichi il blocco. È un dato di fatto, dissipare il calore è piuttosto difficile sotto vuoto poiché non esiste un mezzo con cui scambiare calore per definizione.

Ci sono solo tre modi per scambiare calore: ( wiki )

  1. Conduzione o diffusione Il trasferimento di energia tra oggetti che sono in contatto fisico

  2. Convezione Il trasferimento di energia tra un oggetto e il suo ambiente, dovuto al movimento del fluido

  3. Radiazione Il trasferimento di energia da o verso un corpo mediante l'emissione o l'assorbimento di radiazioni elettromagnetiche

1 e 2 non si verificheranno perché hanno bisogno di un mezzo e il trasferimento di calore per irraggiamento è piuttosto inefficiente. Il tuo thermos sottovuoto mantiene caldo il tuo tè per mezza giornata proprio per questo motivo.

Quindi, lo spazio non ha temperatura, solo la materia ce l'ha.

A quanto ho capito, lo spazio libero ha una temperatura uguale alla temperatura della radiazione cosmica di fondo. (attualmente 2,725 K)
@WOPR: È corretto affermare che la radiazione cosmica di fondo ha una temperatura di ~ 2 K. Lo spazio vuoto stesso * non può * avere una temperatura, poiché la temperatura è il movimento delle particelle e lo spazio vuoto non ha particelle che lo ionizzano per definizione.
Tuttavia, la radiazione di energia attraverso lo spazio vuoto in particelle di materia (come il corpo umano) è certamente possibile (e comune). Questo, ad esempio, sarebbe piuttosto scomodo per te se fossi nella parte illuminata dal sole della luna, o Marte, o se fossi nello spazio vuoto in piena esposizione al sole. Quindi, hai ragione, il congelamento non è probabile; è più probabile che cucini fino alla morte o semplicemente vaporizzi.
@Keiths: True. La temperatura diurna sulla superficie della luna può essere maggiore di 100 ° C. I veicoli spaziali e le tute spaziali sono di colore bianco o riflettenti per prevenire l'accumulo di energia di radiazione.
Ne ho già discusso online e questa è anche la conclusione a cui sono giunto. Alcune persone faranno notare che "tecnicamente la temperatura dello spazio è quasi 0K !!", poiché se dovessi usare un termometro lì (al buio), alla fine leggerà ~ 0, poiché ha irradiato via tutto il suo calore, ma quello in realtà non significa nulla poiché non c'è atmosfera lì per assorbire la tua energia termica da te.
#5
+4
Tangurena
2011-03-24 04:10:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Total Recall era totalmente irrealistico per quasi tutto.

Le persone che hanno avuto una parte del corpo esposta all'aspirazione dicono che è come una pressione sulla pelle. Non so se qualcuno ha esposto gli occhi al vuoto.

Un altro film con esposizione spaziale è stato Sunshine. Penso che sia un divario tra se la luce solare fredda o non protetta è più pericolosa per te nello spazio.

È più a rischio che la luce solare ti bruci: la bassa pressione farà evaporare rapidamente l'umidità della pelle e quindi la tua perdita di calore sarà quasi al 100% radiativa (molto meno efficiente della convezione e della conduzione).
Potremmo lanciare un condannato a morte nello spazio, sai, per scopi scientifici? So che la scienza l'ha spiegato, ma continuiamo a lanciare armi nucleari per dimostrare che funzionano. Cosa succede se riesce davvero a farcela?
#6
+1
Jim2B
2015-03-30 08:44:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

@stonemetal ha la risposta giusta.

Ulteriori punti di interesse:

  1. Trattenere il respiro rischia di danneggiare i polmoni in modo così violento mentre si rompe il vento
  2. Poiché la pressione parziale dell'ossigeno nel sangue è superiore a quella della pressione spaziale (nota anche come 0), l'ossigeno evaporerà rapidamente dal tuo sangue causando anossia (quindi il breve periodo di incoscienza)
  3. Esposto la pelle potrebbe provocare lividi, quindi se non hai protezione ti ritroverai con un livido su tutto il corpo.
  4. In generale, il congelamento / il freddo non è un problema. Tuttavia, la superficie umida potrebbe subire il congelamento a causa della rapida evaporazione dell'acqua (egeyeballs & mucus membranes)
  5. Come accennato in precedenza, senza prebrespirazione la vittima soffrirà di malattia da decompressione (le curve)
  6. Esposta la pelle potrebbe soffrire di radiazioni fotoniche (scottature solari veramente brutte) a seconda della posizione (es. dentro o fuori dall'ombra)
  7. Se 15 secondi di coscienza nel vuoto corrispondono a 60 secondi di coscienza all'STP; quindi possiamo stimare il danno cerebrale da anossia inizia in 1 minuto, la morte è probabile che si verifichi in 1,5 - 2,5 minuti e la morte è quasi certa dopo 5 minuti.
  8. Oh, e dovrebbe essere peggio del peggio hicky puoi immaginare su tutto il tuo corpo, compresi i polmoni.
#7
-3
The Extinct Surgeon
2013-08-11 17:42:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dipende da dove ti trovi nello spazio. Se nello spazio profondo la temperatura ti uccidesse all'istante. I suoi -273 gradi se nello spazio molto profondo. Il calore non può muoversi nello spazio. Mancanza di ossigeno anche. Anche la polvere spaziale è una strada da percorrere. La radiazione cosmica (ad esempio la radiazione gammarica). Anche la gravità zero può ucciderti. Dal momento che i tuoi muscoli moriranno e si indeboliranno. Le tue ossa potrebbero frantumarsi.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 2.0 con cui è distribuito.
Loading...